Elezioni Regionali

PD verso Micari, Berlusconi tentato da Armao

Una giornata di illusioni, quella di ieri, sul fronte del toto candidature di centrosinistra e centrodestra, ancora lontani dall’aver trovato il nome

Per qualche istante il cavallo vincente sembrava essere stato individuato: il Rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari trovava il non scontato accordo tra Partito Democratico, Alternativa Popolare e orlandiani, portando qualche giornale a parlare di “accordo fatto” e partita chiusa; nelle stesse ore ad Arcore veniva ribadita la fiducia di Berlusconi in un’altro accademico, il professor Gaetano Armao, con una chiusura decisa del Cavaliere su Nello Musumeci.

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Setta degli orrori, la profezia dell’orco-scrittore

Nell’ultimo “romanzo” di Emanuele Giordano alias Pietro Capuana, “guru” dell’Associazione Cattolica Cultura e Ambiente,  la storia di un amore proibito tra una ragazzina minorenne e un uomo più grande 

“Si alzò un gran polverone allorché si diffuse la notizia di quello scandalo. La stampa accese i suoi potenti riflettori: esigeva ad ogni costo una vittima. Un mostro!”. Recita così uno dei passi più drammatici di “Pupazzi di stoppa”, uno degli ultimi romanzi dello scrittore etneo Emanuele Giordano. Sullo sfondo la vicenda di una minorenne che innamorandosi di un uomo più grande provoca senza volerlo la sua condanna per abusi sessual

Politica&Poltrone

Province risuscitate, contromossa di Orlando e Bianco

A pochi giorni di distanza l’uno dall’altro i sindaci hanno convocato le elezioni dei rispettivi Consigli Metropolitani. In vista del ricorso di Roma

Che il blitz dell’ARS sul ripristino delle ex Province non fosse piaciuto ai titolari delle Città Metropolitane era scontato. La norma era stata approvata dall’Assemblea Regionale al fotofinish lo scorso 10 agosto, reintroducendo il voto diretto nelle ex Province regionali, divenute nel frattempo Liberi Consorzi e Città metropolitane. Un atto che aveva fatto parecchio discutere, sopratutto gli attuali titolari degli Enti.

Fatti&Misfatti

“Pesce cinese nelle tavole siciliane”, la denuncia di CODICI

Secondo l’associazione dei consumatori nel mercato ittico isolano starebbero entrando grosse quantità di “pesce ghiaccio” di provenienza orientale

CATANIA – Pesce ghiaccio proveniente dalla Cina. Sarebbe questa la merce in vendita in varie pescherie di note località turistiche siciliane, secondo la denuncia degli attivisti dell’associazione dei consumatori CODICI Sicilia. “Che il mercato del cibo fosse invaso da prodotti esteri non è una scoperta – scrive in una nota l’Avvocato Manfredi Zammataro, Presidente dell’Associazione nazionale

Politica&Poltrone

“Giovanotto!”: da Di Battista a Salvini, tutte le vittime della Pescheria

Alcuni mesi fa la visita del Segretario della Lega nel celebre mercato del pesce ai piedi dell’Etna. Ecco come fu accolto

  CATANIA – La scena ha fatto in poche ore il giro del web, grazie a un video di sei secondi girato da un fortunato testimone dell’avvenimento. Una viralità una volta tanto benvenuta, se non per il contenuto almeno per la pubblicità che ne sarà venuta alla Pescheria di Catania. Proprio qui, nello storico mercato del

Elezioni Regionali

Lo stanco valzer delle candidature nell’estate dei dubbi

Poche sicurezze e molte perplessità a soli 2 mesi da una delle tornate elettorali più imprevedibili della storia siciliana. Ai principali schieramenti, lacerati da scontri interni e veti incrociati, manca ancora il nome

In questa calda estate, il nodo delle candidature per la presidenza della Regione, rende insonni le notti dei maggiorenti di tutti i partiti che in qualche modo si ritroveranno a competere il prossimo 5 novembre per Palazzo d’Orleans. All’orizzonte non si intravedono novità e neppure certezze a dire il vero. Il dibattito rimane ancorato alle diatribe interne e trasversali, che coinvolgono correnti e sottocorrenti

Fatti&Misfatti

ARS, così i “pianisti” votano per gli assenti

All’Assemblea Regionale Siciliana il malcostume dei deputati che votano al posto dei colleghi non presenti in Aula. Nelle scorse settimane le denunce di Fiumefreddo sull’irregolarità del voto sulla liquidazione di Riscossione

In linguaggio tecnico si chiamano “pianisti”. E’ questo il romantico nome che le cronache parlamentari siciliane affidano ai deputati che trovando inserito il cartellino di un collega assente – fatto di per sé irregolare – non si peritano di votare al posto suo falsando di fatto la procedura

Fatti&Misfatti

Catania, espulso marocchino: “E’ a rischio radicalizzazione”

Destinatario del provvedimento un 34enne arrestato lo scorso marzo per violenza, minaccia, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

CATANIA – “Soggetto particolarmente pericoloso e violento”: con questa motivazione la Sezione Antiterrorismo della Digos di Catania, in stretta collaborazione con il locale Ufficio Immigrazione ha rimpatriato un cittadino marocchino Mohamed Belkamoun, di 34 anni. Il provvedimento di espulsione è stato firmato dal prefetto di Catania, Silvana Riccio.  Il marocchino era stato arrestato lo scorso 6 marzo per i

Fatti&Misfatti

Terremoto ad Ischia, due morti. Si scava per recuperare i feriti

Paura nell’arcipelago delle Flegree: la scossa è stata registrata alle 20.57 e ci sarebbero dei feriti. L’isola è gremita di turisti vista la stagione

ISCHIA (NAPOLI) – E’ di due morti e oltre venti feriti il bilancio del sisma che ieri sera ha colpito l’isola di Ischia, con una scossa di magnitudo 4.0. Il terremoto ha sconvolto l’isola delle Flegree in piena stagione turistica, facendo riversare in strada abitanti e turisti impauriti. Già nel pomeriggio una scossa di minore

Fatti&Misfatti

Schianti fatali nel catanese: tre giovani vite spezzate

Due tragici incidenti stradali sulla “Catania-Gela” e a Trecastagni: le vittime sono una coppia di Caltagirone e un motociclista di Aci Castello

CATANIA – Weekend di sangue sulle strade catanesi. E’ di tre morti e di cinque feriti il bilancio di due gravi incidenti avvenuti sulla SS 417 “Catania-Gela” e a Trecastagni.  Nel primo tragico sinistro, avvenuto la notte tra sabato e domenica, ha perso la vita una giovane coppia: Teresa Di Caudo, di 27 anni, e Vincenzo

Fatti&Misfatti

Troppi litigi con la compagna: 24enne ai domiciliari vuole la galera

L’uomo si era presentato ai poliziotti spiegando di essersi allontanato dalla propria abitazione a causa dei litigi con la convivente

CATANIA – Si sa, nelle relazioni di coppia qualche tensione è inevitabile. I litigi tra coniugi e fidanzati fanno parte del gioco e non per nulla il proverbio antico ricorda che “l’amore non è bello se non è litigarello”. Ma a tutto c’è un limite, e a volte la soglia di sopportazione viene oltrepassata. Com’è accaduto

Fatti&Misfatti

Arriva il virus intestinale di fine-estate: “70.000 casi a settimana”

Secondo gli esperti il boom delle infezioni allo stomaco e quello delle temperature sarebbero indissolubilmente legati

Altro che effetto-crociera (“Sono appena tornato!”) e depressione post-vacanziera. A preoccupare gli italiani alle prese con il rientro delle ferie, quest’anno, ci sarebbe qualcosa in più che la classica insofferenza per il tran tran quotidiano. Come rilevato dagli esperti dell’Università degli Studi di Milano, infatti, il fine-estate 2017 sarebbe caratterizzato da un exploit di infezioni intestinali.

Fatti&Misfatti

Acate, famiglie litigano e si sparano addosso. 4 arresti

Alla base della rissa tra le due famiglie, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, vi sarebbero stati futili motivi

ACATE (RAGUSA) – Una lite tra famiglie che sarebbe potuta degenerare in tragedia. E’ accaduto nelle prime ore del mattino di ieri in via Manzoni ad Acate, nel ragusano, dove sette persone appartenenti a due nuclei familiari diversi avevano dato vita ad una rissa risolta grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri della Stazione locale con

Mafia

Furto in casa di Borrometi: presi hard disk e documenti

Il raid è avvenuto a Roma, dove il cronista ragusano vive sotto scorta per le minacce arrivate dopo le sue inchieste sul Comune di Scicli e su racket e traffici illeciti che ruotano attorno al mercato di Vittoria

ROMA – Rubati l’archivio digitale e alcune carte delle inchieste sulla mafia realizzate dal giornalista ragusano Paolo Borrometi. Il furto è avvenuto nella casa romana di Borrometi, che da alcuni anni vive scortato nella Capitale per le minacce arrivate dopo le sue inchieste sui traffici illeciti che ruotano attorno al mercato ortofrutticolo di Vittoria, sullo scioglimento per

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Setta degli orrori, che fine ha fatto il “tesoro” del guru?

Su Cronaca Vera inquietanti dettagli sui soldi dell’Associazione Cattolica Cultura e Ambiente e sugli abusi commessi da Capuana e dalle “apostole”

ACI BONACCORSI (CATANIA) – Che fine ha fatto il “tesoro” della “setta degli orrori”? A chiederselo, nel numero di Cronaca Vera in edicola questa settimana, è il giornalista Giuliano Rotondi, che ricostruendo le vicende dei presunti abusi sessuali nella comunità di Aci Bonaccorsi – che sarebbero stati commessi dal “guru” Pietro Capuana con la complicità delle “apostole”

tribu-tv-vert

 

 

 

 

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Setta degli orrori, Diocesi istituisce una Commissione

La decisione del Vescovo di Acireale Raspanti in merito all’inchiesta sull’“Associazione Cattolica Cultura ed Ambiente” di Aci Bonaccorsi. Le parole a Tribù: “So qual è il mio compito”

Una commissione per “raccogliere elementi utili a fare chiarezza sulla eventuale violazione del sigillo sacramentale e su tutto ciò che concerne la materia ecclesiale, morale e dottrinale dei fatti occorsi”. E’ la decisione del Vescovo di Acireale Antonino Raspanti in merito all’inchiesta sulla “Associazione Cattolica Cultura ed Ambiente” di Lavina ad Aci Bonaccorsi

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Setta degli orrori, Fassiolo lascia: la lettera di dimissioni

La donna era stata intercettata al telefono con una delle “apostole” arrestate. Sabato le dimissioni rassegnate con una lettera che Tribù pubblica in esclusiva

Arrivano le dimissioni dell’Assessore alla Famiglia del Comune di Motta Sant’Anastasia Candida Fassiolo, finita nei giorni scorsi al centro delle cronache dopo la pubblicazione di alcune intercettazioni nell’ambito dell’inchiesta “12 apostoli”, che ha scoperchiato un giro di presunti abusi sessuali nella congregazione religiosa “Associazione Cattolica Cultura e Ambiente” (“ACCA”) di Aci Bonaccorsi

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Setta degli orrori, i commenti sul gruppo Facebook: “Giornalisti infangano, Dio sa come punirli”

A dieci giorni dall’arresto di Pietro Capuana e di Fabiola Raciti, Rosaria Giuffrida e Katia Concetta Scarpinato i commenti in una delle pagine virtuali della comunità

ACI BONACCORSI (CATANIA) – “Noi dell’associazione siamo forti e non ci facciamo intimorire dalle minchiate che scrivono questi sulla carta stampata”. A dieci giorni dall’arresto dell’”arcangelo” Pietro Capuana e delle tre “apostole” Fabiola Raciti, Rosaria Giuffrida e Katia Concetta Scarpinato – accusati di aver messo in piedi un giro di abusi sessuali all’interno dell’Associazione Cattolica Cultura e Ambiente

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Don Caputo, la setta dell’orrore e quel legame con il prete pedofilo

Il sacerdote finito al centro dell’inchiesta “12 apostoli” della Procura di Catania era già stato coinvolto in una storia di abusi su minore in ambiente ecclesiastico

“Tutto immaginavo, nella mia vita, tranne che facevo il prete…Il Signore mi ha spiazzato”. Così parlava – il 3 maggio del 2009, poco prima dell’ordinazione presbiterale nella Basilica di San Pietro in Vaticano, l’allora diacono Orazio Caputo. Il giorno dopo sarebbe stato Benedetto XVI in persona ad accoglierlo tra i pastori della Chiesa universale. Ma il cammino di padre Orazio era destinato a essere tutt’altro che lineare

OPERAZIONE "12 APOSTOLI"

Voti, incarichi e poltrone: gli interessi della politica nella setta degli orrori

PIU’ CHE RILEVANTI I LEGAMI TRA I MEMBRI DELLA CONGREGAZIONE ED ESPONENTI DI SPICCO DELLA POLITICA ETNEA

ACI BONACCORSI (CATANIA) – “Favorire la crescita umana e cristiana dei propri membri tramite opere di evangelizzazione e di solidarietà”. E’ questo l’oggetto sociale dell’“ACCA” (Associazione Cattolica Cultura e Ambiente), sconvolta ieri dall’arresto del “guru” Pietro Alfio Capuana, accusato di violenze sessuali ai danni di minorenni insieme a tre collaboratrici che avrebbero procacciato le vittime all’orco.