L'editoriale

TOGLIAMO IL DISTURBO

I redattori di Tribù, il direttore e l’editore prendono congedo dai lettori con la certezza di aver fatto il proprio dovere. Finisce la nostra esperienza editoriale 

Tribù pubblica oggi un’intervista esclusiva a Giovanni Paparcuri, il “commesso giudiziario” che scampò all’attentato a Rocco Chinnici e lavorò per anni fianco a fianco con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, nell’ufficio bunker del Palazzo di Giustizia di Palermo. Una testimonianza intima degli uomini dietro gli eroi, con i loro dubbi, le incertezze e le paure

Fatti&Misfatti

Tragedia a Librino. È in prognosi riservata il 34enne che si è dato fuoco

A compiere l’insano gesto un uomo di 34 anni che svolgerebbe la professione di pescatore, forse per dissapori in famiglia

CATANIA – Ha tentato di darsi fuoco davanti casa dei genitori a Librino, nella periferia sud di Catania. A compiere l’insano, gesto secondo La Sicilia, un uomo di 34 anni che svolgerebbe la professione di pescatore, forse per dissapori in famiglia. Il fatto è accaduto nel rimo pomeriggio di oggi. Sul posto è intervenuta una squadra

Fatti&Misfatti

Blitz antidroga a Picanello: un milione di euro di marijuana nascosta in una scuola

In manette un 25enne pregiudicato e un 57enne. In un deposito ricavato sotto le fondamenta dell’edificio, la Mobile ha trovato 146 chili di droga

  CATANIA – Maxi sequestro di droga a Catania dove la Polizia ha rinvenuto 146 chili di marijuana in un bunker ricavato in una scuola di Picanello. Due le persone arrestate, Christopher Michele Cuffari, pregiudicato di 25 anni, e  Davide Schillace, di 57, detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Due sere fa, una

Fatti&Misfatti

Incendio al campo San Teodoro, Bianco: “Pazzi criminali, contro di loro tolleranza zero”

In queste ore sono in molti a stringersi intorno all’associazione, con donazioni e atti di solidarietà. Compresa l’Amministrazione comunale catanese

CATANIA – Ripartire senza perdere nemmeno un giorno di tempo. E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Catania Enzo Bianco durante un sopralluogo effettuato ieri sera presso il campo San Teodoro di Librino, oggetto nelle scorse ore di un attacco incendiario che ha pressoché distrutto la club house dell’associazione sportiva I Briganti, storica associazione rugbistica del

Fatti&Misfatti

Librino, gara di solidarietà dopo l’attacco ai “Briganti”: “Non mollate, siete il rugby più bello”

All’indomani dell’incendio doloso che ha distrutto la club house sono centinaia i messaggi di solidarietà che piovono sull’associazione sportiva

CATANIA – “Siamo i genitori di un ragazzo di 11 anni che sabato ha giocato ospite con con i vostri ragazzi al CUS a Catania. Siamo rimasti veramente colpiti dal vostro lavoro fatto con i ragazzi, vi siamo vicini sicuri che gente con il vostro spirito si rialzerà più forte e più bella di prima”. All’indomani

Mafia

Il “commesso” che aiutò Falcone e Borsellino: “All’interno del bunkerino riuscivamo ad essere felici”

Giovanni Paparcuri, oggi custode del museo istituito nell’ufficio-bunker, racconta a Tribù  i suoi anni con i magistrati uccisi da Cosa nostra

PALERMO – La sposa esce dalla chiesa con un sorriso che è la speranza del mondo. Accanto a lei, lo sposo tiene la testa bassa sotto la pioggia di riso. La prima persona che salutano è il capo del pool antimafia Antonino Caponnetto. Poi i pm Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. E’ il 3 marzo 1987 e

Fatti&Misfatti

Siracusa, beni per 2,8 milioni di euro confiscati a una coppia di nomadi “caminanti”

Secondo la Guardia di Finanza il patrimonio è provento di attività illecite. I due risultavano proprietari di disponibilità finanziarie, beni immobili e automezzi per un valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati

SIRACUSA – Beni per 2,8 milioni di euro sono stati confiscati dalla Guardia di Finanza di Siracusa a una coppia di nomadi “caminanti”, Corrado Giuseppe Fiaschè, di 50 anni, e Concetta Rasizzi, di 48. I due coniugi, residenti a Melilli, erano stati al centro di accertamenti patrimoniali in quanto, pur non avendo mai svolto attività lavorative, risultavano proprietari

Fatti&Misfatti

Troina, due auto si scontrano sulla Statale 120: una donna di 51 anni muore sul colpo

L’incidente ieri sera all’altezza del bivio contrada Piano-Fossi. La vittima, un’operaia di Cerami era alla guida di una Fiat 500 che si scontrata con la Bmw di un 33enne

TROINA (ENNA) – Una donna è morta in un incidente stradale avvenuto ieri sera, intorno alle 20.30, sulla Statale 120, all’altezza del bivio contrada Piano-Fossi nel comune di Troina, nell’ennese. La vittima, Marina Palmigiano, di 51 anni, operaia di Cerami, era alla guida di una Fiat 500 che si è scontrata con una Bmw di un 33enne.

Fatti&Misfatti

Da Palermo l’hashish per la movida agrigentina

In manette tre agrigentini e tre palermitani, sorpresi dai carabinieri in una via del centro storico. Sequestrati 4 chili di droga e 5 mila euro 

AGRIGENTO – “Siamo venuti a mangiare una pizza ad Agrigento”. Sono state queste le parole che si sono sentiti dire i Carabinieri da tre palermitani fermati in una via del centro storico per giustificare la loro presenza in città in compagnia di altri tre agrigentini. Ma il loro eccessivo nervosismo ha insospettito i militari ed

 

Mafia

Il “reuccio” dei supermercati al capomafia latitante: “Perché non fai una scappata per l’inaugurazione?”

All’attenzione degli inquirenti che hanno sequestrato beni per 41 milioni di euro i rapporti tra Guglielmino ed elementi di vertice del clan Cappello

• SUPERMERCATI E POMPE DI BENZINA: TUTTI I BENI SEQUESTRATI 

CATANIA – Dal 2004 ad oggi aveva messo su dal niente un impero milionario, fatto di supermercati, distributori di benzina e catene di negozi. Con ritmi di crescita vertiginosi, roba da capitani d’industria e self made man all’americana. Peccato che, secondo gli inquirenti, il patrimonio di Michele “La Gesa” Guglielmino – 48 anni, pluripregiudicato – fosse riconducibile

Mafia

Il difensore di Guglielmino: “Nessun sigillo ai supermercati, fondi utilizzati di provenienza lecita”

La replica dell’avvocato Salvatore Cannata sul sequestro da 41 milioni all’imprenditore Michele Guglielmino: “I punti vendita GM sono operanti ed aperti alla clientela”

In riferimento al sequestro da 41 milioni di euro eseguito dalla Squadra mobile e dalla Divisione polizia anticrimine della Questura di Catania riceviamo e pubblichiamo la replica dell’avvocato Salvatore Cannata, difensore dell’imprenditore Michele Guglielmino, destinatario del provvedimento disposto dal Tribunale etneo perchè “ritenuto orbitante nell’area di influenza del clan Cappello”. “In relazione alla notizia pubblicata

Fatti&Misfatti

I cognati hanno una relazione e gli ex coniugi, fratello e sorella, li aggrediscono con spranghe

La spedizione punitiva è avvenuta a Portopalo, nel siracusano. Solo l’immediato intervento dei Carabinieri della locale Stazione, ha scongiurato più gravi conseguenze. I due fratelli sono stati arrestati per atti persecutori

Fatti&Misfatti

Messina, botte all’anziana madre per i soldi negati: arrestato pluripregiudicato

In manette un 48enne. I poliziotti sono intervenuti su richiesta della donna da tempo vittima delle aggressione del  figlio che è stato ristretto nelle camere di sicurezza della Questura in atteso del processo per direttissima

Regione, sui rifiuti è crisi ma la maggioranza litiga

Il tutto mentre 50 sindaci del palermitano annunciano un sit-in davanti a Palazzo d’Orléans per protestare contro la situazione di Bellolampo

PALERMO – Una Regione senza Assessore ai Rifiuti. Proprio mentre la crisi delle discariche tocca il punto più drammatico, con un rischio concreto di black-out nella gestione della “monnezza” da qui a pochi mesi. Dal 29 dicembre l’interim resta nelle mani del Presidente Nello Musumeci, in attesa che nei prossimi giorni la delega venga riassegnata. Il tutto mentre

Fatti&Misfatti

Emergenza rifiuti, l’attacco del Movimento 5 Stelle: “Musumeci fa soltanto proclami come Crocetta”

Sulla crisi delle discariche siciliane arriva l’affondo dei deputati del M5s. Che annunciano la partecipazione al sit in dei sindaci del 18 gennaio

PALERMO – Sette-otto mesi di autonomia per le discariche siciliane. Poi il collasso del sistema dei rifiuti, con conseguenze imprevedibili per l’isola. Era stato lo stesso Nello Musumeci a dipingere un quadro a tinte fosche della gestione della “monnezza” in Sicilia, sin dalle prime battute del suo mandato. Quando il Presidente della Regione aveva chiesto maggiori poteri

Fatti&Misfatti

Telefonata Renzi-De Benedetti, denuncia del M5s al Parlamento Europeo

Nel gennaio 2015 il segretario del PD avrebbe comunicato in anticipo all’editore l’approvazione da parte del Governo di un decreto legge sulle banche popolari. L’attacco dei Cinque Stelle

BRUXELLES – “La telefonata fra Renzi e De Benedetti è un chiaro esempio di come funziona in Italia l’informazione. Abbiamo denunciato al Parlamento europeo la commistione Pd-giornali-banche, un bubbone che soffoca la democrazia e la libertà dei cittadini”. Non usa mezzi termini l’eurodeputato Ignazio Corrao, coordinatore della campagna nazionale del Movimento 5 Stelle, per descrivere la vicenda

Mafia

Palermo, le mani di Cosa nostra sui distributori di carburante: 4 catanesi tra i 9 arrestati

La Guardia di Finanza ha scoperto una frode fiscale da 7 milioni di euro. Nel capoluogo siciliano sequestrati cinque distributori intestati a prestanome. Gli indagati sono 43

  PALERMO – La Guardia di Finanza di Palermo ha arrestato nove persone (per due è stato disposto il carcere per 7 i domiciliari), sequestrato 5 distributori di carburante capoluogo e notificato 13 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria, 8 dei quali integrati dall’obbligo di dimora a Palermo, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip

Fatti&Misfatti

Catania, non si rassegna alla fine della relazione e minaccia anche la madre della ex: in manette

L’uomo, un 32enne di origini campane da anni domiciliato nel capoluogo etneo, è stato arrestato la notte scorsa dai Carabinieri di Nesima. Il primo episodio risale al 2013

CATANIA – I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato in flagranza un 32enne di origini campane ma domiciliato da anni nel capoluogo etneo. L’uomo era già finito in manette nell’ottobre del 2013, quando si introdusse nell’abitazione della ex convivente per rinnovare “energicamente” il proposito di ritornare a vivere con lei. In quella circostanza furono i

 

Fatti&Misfatti

Fallimento Postepress, imprenditore trapanese arrestato per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio

Ai domiciliari Vincenzo Martinez, 64 anni. Per la Gdf era lui a guidare la società, operante in tutto il territorio nazionale, anche se il ruolo dell’amministratore unico era formalmente ricoperto da un anziano affetto da gravi disturbi fisici

PALERMO – Le Fiamme Gialle di Palermo hanno arrestato Vincenzo Martinez, 64 anni, imprenditore trapanese, accusato di bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. Gli arresti domiciliari sono stati disposti dal GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo, al termine di indagini che hanno riguardato il fallimento della Postepress Srl, società palermitana che

Fatti&Misfatti

Truffa all’Ue, una lussuosa villa al posto del B&B già finanziato: immobile sequestrato a Ispica

La ristrutturazione è stata realizzata grazie ad un finanziamento europeo di 200.000 euro per la creazione di una struttura ricettiva che non sarebbe stata mai aperta

ISPICA (RAGUSA) – Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa, su disposizione della Procura Regionale della Corte dei Conti di Palermo, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro conservativo nei confronti di una società ispicese, operante nel settore ricettivo. Il provvedimento cautelare è l’atto conclusivo di una lunga attività di polizia tributaria e

Fatti&Misfatti

Sortino, prima la “spaccata” a un negozio poi l’inseguimento: preso ladro catanese

Con un un grosso masso di cemento armato, i banditi hanno mandato in frantumi la vetrina di una boutique del centro. I carabinieri hanno intercettato l’auto in fuga che per l’alta velocità è uscita fuori strada. E’ caccia ai complici

SORTINO (SIRACUSA) – Un pregiudicato catanese, Alfio Ninè Palazzolo, di 20 anni, è stato arrestato in flagranza dai Carabinieri in quanto ritenuto uno degli autori del furto con spaccata messo a segno la notte scorsa a Sortino (Sr) ai danni di un negozio. I ladri, utilizzando un grosso masso di cemento armato, hanno mandato in

Mafia

Il cemento del clan Santapaola-Ercolano per i lavori della fibra ottica a Catania: 5 arresti

E’ l’accusa contestata dalla Direzione Distrettuale Antimafia. Il provvedimento scaturisce dall’ulteriore approfondimento di segmenti investigativi dell’operazione “Chaos”. Sequestrata la Conti calcestruzzi srl

CATANIA –  La cosca Santapaola-Ercolano forniva in maniera esclusiva ad alcune imprese impegnate nei lavori di posa in opera della fibra ottica a Catania il cemento occorrente per l’esecuzione dell’opera, di qualità scadente a condizioni deteriori rispetto a quelle praticate sul libero mercato. E’ l’accusa contestata dalla Direzione Distrettuale Antimafia che ha chiesto e ottenuto dal GIP

Fatti&Misfatti

Abusi sulla figlia davanti ai nipoti: un arresto a Favara

Una triste realtà fatta di violenze fisiche e omertà familiare, di minacce ed aggressioni, quella scoperta dagli uomini dell’Arma 

FAVARA (AGRIGENTO) – Un grave caso di violenza sessuale è stato scoperto dai Carabinieri di Agrigento, che nelle scorse ore hanno arrestato un favarese con l’accusa di violenza sessuale e maltrattamenti commessi ai danni della figlia. I fatti risalgono al periodo gennaio 2016 – settembre 2017, quando la vittima, a seguito della sua separazione coniugale,

 

 

 

 

 

 

 

Architettura, qualità e asian mood

Pepe Nero di Fortunato Fasanaro offre uno spazio elegante, una cucina varia e di alto livello, vini anche pregiatissimi

Fortunato Fasanaro ha creduto nella ristorazione fin da ragazzo e lo ha fatto fin dall’inizio con un piglio imprenditoriale intelligente, puntando alla eccellenza. E’ anche a persone come Fortunato che dobbiamo la rivalutazione di luoghi poi rinati ma prima abbandonati e degradati, basti pensare alla sua esperienza al Porto di Catania quando non esisteva il porto aperto

Dalla polpetta gourmet al bere di lusso

Mai nessuno avrebbe mai pensato di fare delle polpette un brand della ristorazione. Igor Farfante c’è riuscito 

Prima che nascessero la Polpetteria ed il Sale, fatta eccezione per qualche pioniere, la via Santa Filomena era off limits in ore serali. Oggi è uno dei simboli della movida catanese e del food siciliano. In mezzo anche una libreria ed una profumeria, ma soprattutto ristoranti, uomini e donne laboriosi che hanno fatto rinascere la

Giapponese a Catania come a Londra

Oxidiana di Barbara Fait può a buon diritto competere con i migliori ristoranti giapponesi al mondo

Meriterebbe il primo posto, e se non lo ottiene è solo perché non tutti impazziscono per il sushi. Oxidiana a buon diritto competere con i migliori ristoranti giapponesi al mondo. Siamo stati al Nobu di New York e davvero il nostro non ha nulla da invidiargli. Frequentato bene – anche perché ci vogliono tasche capaci – mantiene

SPECIALE RISTORAZIONE

I 10 MIGLIORI RISTORANTI A CATANIA

Il settore del “food and beverage” sta conoscendo ai piedi dell’Etna un grande incremento. Ecco i locali migliori

Viviamo nell’era degli chef stellati e degli show culinari sui canali satellitari a pagamento. La cucina alla moda ci blandisce ovunque, dagli schermi televisivi alle vetrine delle librerie, riempiendoci la testa di nozioni non richieste sul filetto di kobe o sul blu di morozzo, sulla malandra di polpo o sul modo giusto di cucinare le percebes. Cose che

Una “bottega sicula ” che piace a tutti

Il Fud di Andrea Graziano è un ristorante che rivendica la propria sicilianità costruendo un modello di ristorazione valido in tutta Italia

Via Santa Filomena è davvero un’isola felice della gastronomia catanese, se tanti ristoranti di qualità vi si affacciano colorando il barocco con i colori pastello delle insegne e il romanticismo dei tavolini all’aperto. Un’armonia di cui è protagonista Andrea Graziano, titolare del Fud, un ristorante che rivendica orgogliosamente la propria identità di “bottega sicula” costruendo un modello

Dal mare al piatto vince l’esperienza

Un’offerta che coniuga tradizione e innovazione, quella de Le tre bocche dei fratelli Napoli, dai grandi classici alla invenzioni più moderne degli chef

E’ tra i ristoranti più in vista della città, il posto da scegliere per andare sul sicuro e far bella figura con i propri ospiti affidandosi alle certezze di esperti conoscitori del mare, capaci di trattare il pesce con il rispetti che merita. Le tre bocche dei fratelli Alfio e Daniele Napoli, veri professionisti del settore ittico

La pescheria, il barocco, la caponata

MM! dei fratelli Marino ha saputo far rinascere la Pescheria, restituendo alla città uno scorcio di architettura barocca

Una macelleria riattata come soltanto se ne vedono al Village a New York ma siamo alle Pescheria, a due passi dagli Archi della Marina, tra le terme romane dell’Indirizzo e il porto. MM! dei fratelli Carmelo e Gaetano Mannino è un ristorante di pesce laddove fino a qualche hanno addietro del pesce restava solo il

Il pesce, dal mito antico alla cucina

Quando si vuole fare la differenza per mangiare del buon pesce occorre affidarsi alle doti di antico ristoratore del signor Giuseppe Ipsale

Il pesce a Catania si può mangiare ovunque ma cucinarlo in modo raffinato e servirlo come si deve sono altra cosa. Ed allora, se un buon pesce può mangiarsi in diversi posti, quando si vuole fare la differenza occorre affidarsi alle doti di antico ristoratore del signor Giuseppe Ipsale, nome greco e radici sicilianissime. Colapesce,

Certezza e storia della cucina catanese

La Siciliana dei fratelli La Rosa è un pezzo di storia della cucina catanese, con i piatti tipici della tradizione preparati con sapienza

Quando a Catania la ristorazione era fatta da due tre locali La Siciliana già esisteva ed ancora oggi se capita di incontrare qualcuno che è stato in visita nella nostra città negli anni scorsi un nome che ricordano è proprio questo.  Intanto, la ristorazione si è moltiplicata, i locali sono cresciuti, Catania è cambiata ma La

4 donne e 1 chef per i nuovi sapori

Al Busciò Bistrot si trovano piatti di stagione, materie prime tipiche abilmente trasformate dalle mano capaci dello chef

Felicemente posizionato in via Conte Ruggero, non lontano da via Umberto e a due passi da Corso Italia, il Busciò Bistrot ha da poco inaugurato e promette di diventare il ritrovo dei catanesi che vogliano unire tradizione e innovazione. Tagli di carne prelibati, legumi e verdure di stagione si trasformano sotto le mani dell’abile chef Salvo Di

Il ristorante che unisce famiglie e vip

Ai tavoli di Antonio Garozzo già seduti politici, diplomatici e alcune stelle dello spettacolo che preferiscono tenere per sé il segreto di un posto tanto gradevole

In piazza Federico di Svevia, all’ombra del grande Castello, a pochi passi da ristoranti da centinaia di avventori al giorno, sorge una piccola trattoria che entra a buon diritto in questa classifica. Antonio Garozzo ha saputo metterla in piedi con la determinazione del self-made man e la raffinatezza del ristoratore di pregio. Soltanto queste doti