Accorinti resta sindaco di Messina, respinta la mozione di sfiducia

Non sono bastati i 23 voti contro il primo cittadino. Determinante l’astensione di 4 consiglieri d’area Genovese

MESSINA – Renato Accorinti resta sindaco di Messina. Dopo 10 ore di dibattito il consiglio comunale, in piena notte, verso le 3.30, l’aula di Palazzo Zanca ha respinto la mozione di sfiducia con 23 voti favorevoli , 10 contrari e 5 astenuti.

Per passare la mozione erano necessari 27 voti a favore su 40. In caso di semaforo verde sarebbero andati a casa oltre al primo cittadino e alla giunta anche l’intero Consiglio comunale.

La mozione per fare decadere il primo cittadino era stata presentata otto mesi fa dai gruppi consiliari di Udc, Ncd e Dr. Ago della bilancia, l’astensione di quattro consiglieri che si rifanno al deputato nazionale Francantonio Genovese, di recente condannato a 11 per truffa nell’ambito del processo “Corsi d’oro” della formazione professionale. Per far decadere Accorinti, che adesso resterà in carica fino alla scadenza del mandato nel 2018, servivano esattamente quattro voti in più. Anche la presidente del Consiglio, Emilia Barrile, vicina a Genovese, si è astenuta

Numerosi i consiglieri intervenuti al dibattito. Appassionato l’intervento del primo cittadino che ha ribadito di aver lavorato sempre nell’interesse della città e rilanciato il cosiddetto “Patto di fine mandato” che permetterà di mettere in campo alcuni interventi strategici per il futuro di Messina, in collaborazione con tutte le forze politiche disposte ad aderirvi.

“Cara Giorgia sono ancora sindaco di Messina e sindaco della cittá metropolitana di Messina grazie per la tua lettera e il bellissimo disegno”.

Così Accorinti risponde sulla sua bacheca Facebook a una bambina che in una lettera inviata al “caro sindaco Renato” lo invitava “a non arrabbiarti  se ti licenziano.
Io sono dalla tua parte e spero che tu possa continuare ad essere Sindaco di Messina”.

“Permettimi di ringraziare anche tutti i cittadini e le cittadine che sono rimasti in aula fino a questo momento. Grazie a tutti. Grazie. Si continua a lavorare al servizio della città”, ha concluso Accorinti.

Soddisfazione, invece, tra i consiglieri del Movimento Cambiamo Messina dal Basso, che sostiene il sindaco. Dal voto della mozione, emerge una spaccatura nel Partito Democratico: la capogruppo Antonella Russo si è pronunciata a favore, ma ha dovuto incassare il no degli altri tre colleghi di partito.

 

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *