Amt, nuovo sciopero: il 29 maggio bus fermi per 8 ore

L’astensione dal lavoro proclamata da Fast-Confsal e Faisa Cisal

amt

CATANIA – E’ durata meno di dieci giorni la schiarita tra sindacati autonomi e Amt. Schiarita che aveva portato alla revoca dello sciopero del 5 maggio scorso. Adesso sull’Azienda metropolitana trasporti catanese si addensano nuove nubi. Fast-Confsal e Faisa Cisal hanno proclamato una serrata di otto ore per il prossimo 29 maggio.

“Avevamo ritenuto opportuno revocare lo sciopero del 5 Maggio, volendo dare ancora una volta fiducia all’Ammistrazione Comunale, nonché, al nuovo Cda, con l’auspicio che potesse avvenire un sano e costruttivo confronto di merito fra le parti, al fine di poter stabilire in maniera congiunta, il percorso da farsi, utile a fare uscire dalle sabbie mobili la Partecipata”, spiegano i due segretari Giovanni Lo Schiavo e Romualdo Moschella.

Ma dopo l’ultima riunione del 9 maggio scorso dal Comune non è arrivato nessun nuovo segnale. “Era stato assunto l’impegno di convocare un nuovo incontro con i vertici di Amt e con le nostre sigle sindacali, ma non c’è stato alcun riscontro”, spiegano i segretari di Fast Confsal e Faisa Cisal che parlano di “lassismo totale” da parte dell’Amministrazione comunale.

Ma non è tutto. I due sindacalisti spiegano che alla base del nuovo sciopero c’è “un’ulteriore inadempienza contrattuale da parte dei vertici della Società”. Il riferimento è al provvedimento amministrativo a firma del presidente Carlo Lungaro. “Con l’ordine di servizio del 15 Maggio scorso – evidenziano Lo Schiavo e Moschella –  sono state apportate delle modifiche alla macrostruttura aziendale e consequenziale affidamento a mansione superiori, senza aver tenuto conto del dovuto e propredeutico esame con le forze sociali. Pertanto, essendo venuti meno i presupposti che hanno portato alla revoca dello sciopero, le nostre segreterie, loro malgrado, si sono viste costrette a proclamare una nuova azione di sciopero”.

Da parte sua, Lungaro tenta di riallacciare il dialogo con le due sigle autonome che sono state convocate nella sede di via Sant’Euplio per il prossimo 22 maggio. Alla stato della cose, però appare remota la possibilità di una nuova tregua tra le parti. A meno di clamorosi sviluppi, si va dunque verso un nuovo sciopero del personale Amt. Sciopero che porterà verosimilmente a un’altra giornata di passione per gli utenti catanesi.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *