Autorità portuale da Augusta a Catania: Cga sospende decreto Delrio

Accolto il ricorso di Assoporto Augusta. La presidente Noè: “Grande vittoria”

augusta

AUGUSTA (CATANIA) – Nuovo colpo di scena nella querelle per la sede della “Autorità del Sistema portuale del Mare di Sicilia Orientale”, trasferita da Augusta a Catania su decreto del ministro per le Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

Il Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo, accogliendo il ricorso di Assoporto Augusta, ha disposto la sospensione del provvedimento ministeriale.

Lo rende noto la presidente di Assoporto Augusta, Marina Noè, che parlando di “grande vittoria” e di “decreto fantasma” annuncia per domani una conferenza stampa sull’argomento.

Il decreto aveva provocato la levata di scudi nella città megarese, con in testa il sindaco Cettina Di Pietro. Fortemente polemico con il  Delrio, anche il governatore siciliano Rosario Crocetta, il quale aveva criticato il Piano  sulla “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali” varato dal ministro definendolo “senza testa né coda”. Crocetta aveva anche annunciato che avrebbe reso pubblica tutta la corrispondenza tra il Ministero e la Regione per rendere evidente di non aver avuto nessun ruolo nello spostamento della sede.

A stretto giro di posta la replica piccata di Delrio. “La scelta su Catania è stata compiuta in seguito alla richiesta della Regione Siciliana, cui è stata data risposta positiva, specificando che si tratta di sede transitoria per un periodo di non più di due anni”, precisava in una breve nota il ministro con veniva data la notizia che  Delrio “ha firmato nei giorni scorsi il decreto che istituisce a Catania, per un periodo di due anni, la sede dell’Autorità di sistema portuale del Mar di Sicilia Orientale, rispetto alla originale previsione di Augusta”.

IL DECRETO – Il Decreto legislativo n. 169 del 04 agosto 2016 sulla “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali”, voluto dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio, ed entrato in vigore lo scorso 15 settembre, prevede tra le altre cose che le “Autorità di Sistema Portuale” siano 15 in tutta Italia e abbiano il compito di coordinare, con un ruolo strategico di indirizzo e programmazione, ciascuno nella propria area di competenza, i 57 porti che fanno parte del sistema nazionale.

In Sicilia le Autorità sono due: quella Occidentale con Palermo, Termini Imerese, Porto Empedocle e Trapani; quella Orientale con Catania e Augusta. Messina, Milazzo, Tremestieri fanno invece parte della “Autorità dei Mari Tirreno Meridionale e Jonio e dello Stretto” insieme ai porti di Gioia Tauro, Crotone (porto vecchio e nuovo), Corigliano Calabro, Taureana di Palmi, Villa San Giovanni, Vibo Valentia e Reggio Calabria.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *