Autostrade siciliane, stop ai pedaggi: tre giorni di sciopero degli addetti ai caselli

I lavoratori incroceranno le braccia fino alle 22 del 31 dicembre

MESSINA – Scatterà stasera alle 22 lo sciopero proclamato dal sindacato Cub di Messina degli esattori del Consorzio autostrade siciliane (Cas) aderenti al sindacato. I lavoratori incroceranno le braccia fino alle 22 del 31 dicembre.

Tra i motivi dello sciopero, le “gravi violazioni riguardanti la mancata sicurezza sui posti di lavoro da parte del Cas, l’assoluta mancanza igienico ambientale presso le barriere autostradali, il ritardo del pagamento degli stipendi, la sospensione arbitraria e fuori legge dei permessi, delle ferie e la condizione di assoluta solitudine di notte in cui operano gli impiegati maneggiando cospicue somme di denaro”.

Fino alle 22 della notte di San Silvestro, dunque, i caselli autostradali della A18 (Messina-Catania, Siracusa-Gela) e della A20 (Messina-Palermo) potrebbero essere aperti al passaggio degli automobilisti che non pagheranno il pedaggio.

“Respingiamo categoricamente i ritardi nell’erogazione degli stipendi – replicano i vertici del Cas –, come invece scrive il sindacato, si parla di ritardi di 3 o 4 giorni che si verificano una o al massimo due volte l’anno. Sulla sicurezza nei luoghi di lavoro si sta producendo ogni sforzo per garantire tranquillità agli addetti che non si sentono sicuri, va chiarito però la Cub non è un sindacato riconosciuto come le Funzioni Pubbliche per avere degli incontri ufficiali con l’ente e non c’era stata alcuna promessa”.

Questi i turni dello sciopero:

Esazione dalle ore 22:00 alle 06:00 dal 28 Dicembre fino al 30 Dicembre 2016

Dalle 06:00 alle 14:00 del 29 Dicembre fino al 31 Dicembre 2016

Dalle 14:00 alle 22:00 del 29 Dicembre fino al 31 Dicembre 2016

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *