Cara di Mineo, M5S attacca: “Castiglione si dimetta oppure agisca Gentiloni”

“Se non lo fa, sia Gentiloni ad accompagnarlo alla porta”

Voli

CATANIA –  “Ombre che non possono appartenere a un uomo di Governo”. Ignazio Corrao, deputato europeo del Movimento 5 Stelle commenta i nuovi dettagli sul presunto coinvolgimento del sottosegretario all’agricoltura Giuseppe Castiglione nell’ambito dell’inchiesta che riguarda assunzioni nel Cara di Mineo in cambio di tessere elettorali NCD.

“A prescindere dall’esito giudiziario dell’inchiesta dei pm di Catania, Castiglione deve dimettersi. Se non lo fa lui, sia Gentiloni ad accompagnarlo alla porta”, continua l’esponente pentastellato.

“Parte della politica italiana – dice Corrao – ha perso moralità e stile. Essere tirati in ballo in una vicenda in cui si parla di ‘spregiudicata gestione dei posti di lavoro per l’illecita acquisizione di consenso elettorale’, dovrebbe già essere motivo per fare non uno, ma tre passi indietro, a prescindere da quale sia l’esito giudiziario”.

Sebbene il sottosegretario abbia dichiarato la propria estraneità ai fatti, “non si può essere uomini di Governo con queste ombre. Su questa gravissima vicenda – sottolinea l’eurodeputato – si registra un silenzio indecente anche da parte di un altro esponente di governo e compagno di partito, ovvero il conterraneo Angelino Alfano che dovrebbe prendersi la responsabilità politica di quanto accadeva al Cara di Mineo e dei rapporti palesati dall’inchiesta denominata Mondo di Mezzo in cui Odevaine tira in mezzo lo stesso Castiglione sull’affidamento di appalti per la gestione del grande centro di accoglienza catanese”.

L’europarlamentare Ignazio Corrao è stato promotore nel luglio 2015, dopo un blitz  nel dicembre 2014, della visita ispettiva di due commissioni del Parlamento Europeo proprio al Cara di Mineo, in cui era emersa la scarsa trasparenza su spese gestione dei servizi. Dopo quella visita, Bruxelles prese coscienza di come venivano spesi i soldi dell’accoglienza in Sicilia.

“In quella occasione – sottolinea Corrao – ci stupirono le parole del procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera che definì Mineo come un ‘caso di stato’, ma ci stupisce ancora oggi come nonostante queste ombre, Castiglione possa ancora voler rimanere esponente del governo italiano, peraltro con un deleghe delicatissime come quelle alla pesca e all’agricoltura, settori – conclude Corrao – che dovrebbero essere trainanti per la nostra economia”.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *