Carlo Lungaro torna alla guida dell’AMT

La figura del presidente era vacante dal 1 febbraio dopo le dimissioni di Puccio La Rosa

amt

 

CATANIA – Di certo non si può parlare del nuovo che avanza. È stato appena nominato il CDA dell’Azienda Metropolitana Trasporti etnea dopo le dimissioni del presidente uscente uscente Puccio La Rosa.

Il direttivo neo-nominato avrà il compito di redigere il nuovo statuto con cui ci si adeguerà alla Legge Madia che impone l’amministratore unico.

A presiedere l’AMT torna Carlo Lungaro, già vicepresidente ma soprattutto guida per molti anni della stessa partecipata comunale. Gli altri membri eletti nel primo pomeriggio di oggi sono Sebastiano Gentile, direttore di Esercizio Circumetnea, e Daniela Baglieri, presidente della Sac.

La figura del presidente era vacante dal 1 febbraio, dopo le dimissioni di Puccio La Rosa, rimasto in carica soltanto quattro mesi. All’origine del suo passo indietro, ci sarebbe stata proprio questa necessaria modifica allo statuto. Anche se i rumors attribuivano il suo addio ai titoli che gli sarebbero mancati per presiedere l’azienda. E in verità, non solo i rumors dato che il comunicato stampa del Comune di Catania recita testualmente: “La Rosa e la Mandarano, a seguito della complessa vicenda dei requisiti, si erano dimessi, con l’apprezzamento del sindaco Bianco per il lavoro svolto e la sensibilità dimostrata”.

Insieme al vertice, mancava anche la figura del direttore generale che non era stato nominato nemmeno dallo stesso La Rosa. L’ultimo era stato infatti Antonio Barbarino, dimissionario nei mesi scorsi.

Intanto, le condizioni del trasporto urbano a Catania sono state oggetto di un sit in organizzato dai lavoratori sotto la Prefettura: “La sicurezza peggiora di giorni in giorno tenuto cinto del fatto che sono sempre più frequenti e violente le aggressioni contro il personale di Amt”.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *