Cassazione, confermata revoca del sequestro dei beni per Salvatore Messina Denaro

Un patrimonio stimato complessivamente in 320.000 euro tra società, terreni, liquidi e un’automobile

TRAPANI – I beni di Salvatore Messina Denaro, fratello del boss latitante Matteo ed egli stesso esponente di Cosa Nostra – condannato nel 2013 a sette anni di reclusione in seguito all’operazione antimafia “Golem 2” – restano nelle sue disponibilità. Lo ha deciso la Corte di Cassazione rigettando il ricorso presentato dalla Procura Generale di Palermo contro la decisione della Corte d’appello che il 2 ottobre 2015 aveva disposto la revoca della confisca dei beni di Salvatore. Un patrimonio stimato complessivamente in 320.000 euro tra società, terreni, liquidi e un’automobile, di cui il fratello del Capo di Cosa Nostra manterrà la proprietà nonostante la volontà contraria dei magistrati di Palermo.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *