Catania, 2 pusher nella rete di Polizia e Carabinieri

Un 21enne e un 32enne sono stati arrestati nei quartieri Picanello e San Cristoforo e rinchiusi nel carcere di Piazza Lanza. Sequestrato un chilo di marijuana

CATANIA – Due spacciatori sono finiti in manette a Catania in due distinte operazioni condotte dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri.

Agenti della Squadra Mobile – Sezione “Antidroga” e personale dell’Upgsp della Questura, hanno arrestato il 21enne Christian Barbagallo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Il giovane pusher è stato notato arrivare in via Macaluso, nel rione di Picanello, a bordo di uno scooter sul quale trasportava una busta di plastica che, una volta sceso dal mezzo a due ruote, ha occultato in una zona sciarosa.
A quel punto, gli agenti hanno bloccato Barbagallo e recuperato la busta all’interno della quale sono stati rinvenute 100 stecche di di marijuana e altri 5 involucri contenenti un chilo di erba. Il 21enne, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.

Il secondo arresto è avvenuto nel quartiere San Cristoforo a opera dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante. Le manette sono scattate per Roberto Luciano Alessandra, 32enne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, impegnati la notte scorsa in un servizio antidroga nel popolare rione, hanno sorpreso lo spacciatore in via Stella Polare angolo con via Vivaio, mentre contattava occasionali clienti a cui cedeva, dietro un corrispettivo in denaro, delle bustine che di volta in volta prelevava da un nascondiglio posto sotto un cassonetto della immondizia. Il pusher è stato bloccato e ammanettato.

Sequestrate 10 dosi di marijuana, per un peso complessivo di 22 grammi e 180 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuti provento dell’attività di spaccio. L’uomo è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Christian Barbagallo Roberto Alessandra
<
>
Christian Barbagallo

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *