Catania, scippano turisti francesi: incastrati dalla videosorveglianza

Arrestati due giovani pochi minuti dopo il colpo messo a segno davanti al Castello Ursino 

 

CATANIA – Hanno scippato una coppia di turisti francesi per poi fuggire su uno scooter. E’ accaduto ieri nel primo pomeriggio nella zona di Piazza Federico di Svevia, vicino al castello Ursino. La Squadra Mobile di Catania ha arrestato due giovani, Giovanni Monteforte, di 29 anni  e Giuseppe Vinciguerra di 24 anni.

Dopo la segnalazione giunta alla sala operativa della Questura, è scattato l’allarme. Una volante ha subito raggiunto il luogo dello scippo, mentre altri equipaggi hanno visionato le immagini del sistema di video sorveglianza cittadino, notando due giovani che viaggiavano a bordo di un’Aprilia “Scarabeo” 50 di colore chiaro con paravento. Sempre dalle immagini, è stato possibile vedere che il passeggero, alto circa 180 cm, longilineo, indossante una maglietta di colore nero, poi identificato in Monteforte, scendeva dal mezzo dirigendosi verso una coppia di turisti seduti su una panchina di piazza Federico di Svevia.

Il giovane malvivente, avvicinatosi alla coppia, con una mossa fulminea scippava lo zaino che l’uomo teneva in spalla, all’interno del quale vi era una macchina fotografica “Nikon”, dandosi alla fuga in direzione del complice, robusto con barba nera, poi identificato in Vinciguerra.

Nel frattempo, i turisti francesi, condotti negli uffici della Mobile, hanno descritto agli agenti con minuzia di particolari sia il giovane che materialmente aveva commesso lo scippo che il complice che lo attendeva a bordo del mezzo. Descrizioni che sono risultate perfettamente corrispondenti alle immagini visionate.

Lo scooter è stato intercettato pochi minuti dopo in piazza Risorgimento, con a bordo due giovani, il cui abbigliamento era perfettamente coincidente con quello indossato dagli autori dello scippo. I due, alla vista degli investigatori, hanno tentato di dileguarsi verso la via Aurora, ma sono stati bloccati e condotti negli uffici della Squadra Mobile.

Dopo un primo tentativo di negare ogni addebito, i due hanno confessato di essere gli autori dello scippo, dichiarando di avere lasciato nell’abitazione di Vinciguerra, nel rione di San Cristoforo, la macchina fotografica “Nikon” e di essersi disfatti dello zaino gettandolo all’interno di un cassonetto della spazzatura posizionato nelle vicinanze. Macchina fotografica e zaino sono stati restituiti ai turisti francesi che hanno ringraziato la Polizia di Stato per l’efficienza dimostrata.

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *