Polverino Ilva nella discarica in odor di mafia: “Il ministro Galletti chiarisca”

Terza interrogazione alla Commissione Europea del parlamentare M5S Ignazio Corrao

pac

PALERMO – “Il Ministro Galletti deve spiegare perché ha chiuso accordi con un’azienda in odor di mafia e chiarire come mai, sebbene abbia prima autorizzato e poi annunciato uno stop al trasferimento del polverino Ilva di Taranto alla discarica Cisma Ambiente di Melilli in Sicilia, siano arrivate altre decine di tonnellate di materiale da smaltire

Escrementi di topo nel laboratorio: chiuso noto bar di Nicolosi (FOTO)

Controlli del commissariato Borgo Ognina e dell'Asp di Gravina

Saracinesche abbassate al bar Vitale. Accertate scarse condizioni igieniche-sanitarie, sporcizia e grasso incrostato dietro le attrezzature, sui quadri elettrici e sui pavimenti. In un congelatore sono stati rinvenuti anche alimenti surgelati e non segnalati come tali nell’apposito menù esposto al pubblico. Per questo motivo, il titolare è stato denunciato per frode in commercio

Migranti, Zuccaro: “Da Ong scacco al contrasto del traffico”

Il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro in audizione al Comitato bicamerale Schengen

Una materia delicatissima, quella dell’immigrazione, che negli ultimi mesi è stata al centro di un botta e risposta tra Frontex e gli attivisti. Le navi umanitarie si recano a poche miglia dalla Libia? Chi sono i finanziatori di queste operazioni dai costi esorbitanti?

Sant’Agata incontra la città: apertura eccezionale della Cappella

Il 25 marzo 2017 in occasione della “Notte dei Musei” la Basilica Cattedrale di Catania permetterà le visite

sant agata 2017

CATANIA – Un’occasione speciale per cui è stato allestito  l’itinerario illuminato che guiderà i visitatori all’interno della Basilica Cattedrale di Catania. Il 25 marzo 2017, in occasione della “Notte dei Musei”, il Duomo sarà aperto per dare la possibilità di essere visitato dalle ore 20.30 alle 23,30. L’ingresso avverrà attraverso il cancello di via Vittorio

Omicidio dell’infiltrato Ilardo, carcere a vita per killer e mandanti

Ammazzato perché "sbirru": dopo 21 anni, la sentenza per l'omicidio del confidente del colonnello Michele Riccio

CATANIA – Ammazzato perché “sbirru”. Gino Ilardo, fu ucciso a Catania il 10 maggio 1996. Pochi i colpi di pistola che risuonarono in via Quintino Sella e che, sparati alle spalle, tapparono la bocca dell’infiltrato “Oriente” nella mafia catanese. La presidente Rosa Anna Castagnola della Corte d’Assise di Catania ha letto ieri pomeriggio la condanna