I cognati hanno una relazione e gli ex coniugi, fratello e sorella, li aggrediscono con spranghe

La spedizione punitiva è avvenuta a Portopalo, nel siracusano. Solo l’immediato intervento dei Carabinieri della locale Stazione, ha scongiurato più gravi conseguenze. I due fratelli sono stati arrestati per atti persecutori

PORTOPALO (SIRACUSA) – I carabinieri di Portopalo di Capo Passero, nel siracusano, hanno arrestato due fratelli, un uomo ed una donna, per atti persecutori. I due si sarebbero avventati, armati di spranghe e bastoni, nei confronti dei loro rispettivi ex coniugi, perchè da tempo sospettavano che avessero intrecciato una relazione sentimentale clandestina. Solo l’immediato intervento dei Carabinieri

Messina, botte all’anziana madre per i soldi negati: arrestato pluripregiudicato

In manette un 48enne. I poliziotti sono intervenuti su richiesta della donna da tempo vittima delle aggressione del  figlio che è stato ristretto nelle camere di sicurezza della Questura in atteso del processo per direttissima

MESSINA – Una disperata richiesta d’aiuto ed il tempestivo intervento dei poliziotti delle volanti della Questura di Messina hanno posto fine, la notte scorsa, all’ennesima triste storia di violenza domestica. L’autore delle aggressioni, che andavano avanti da tempo, è un pluripregiudicato di 48 anni (di cui non sono state fornite le generalità; la vittima, l’anziana

Catania, i cani poliziotto fiutano la droga in un edificio abbandonato di San Berillo

Controlli della Polizia nel quartiere del centro storico. Ritrovati 14 involucri con 120 grammi di marijuana, pronti per essere spacciati, e altre buste contenenti “fumo” ancora da da confezionare

CATANIA – Ancora un sequestro di droga a San Berillo, quartiere nel centro storico di Catania, da tempo in mano a bande di spacciatori, in prevalenza extracomunitari. Ieri mattina, agenti del Commissariato “Centrale”, coadiuvati da colleghi della Squadra di polizia giudiziaria e da personale della Squadra Cinofili, ha effettuato un servizio di controllo nella zona del

“Ciao, come stai?”: e gli ruba la pensione appena ritirata alle Poste: catanese in manette

I fatti accaduti a Niscemi nel gennaio 2017, quando un anziano venne avvicinato da un uomo ladro che facendo finta di conoscerlo lo abbracciò, impossessandosi di 740 euro

CATANIA – Aveva finto di conoscerlo e dopo averlo abbracciato gli aveva sfilato di tasca la pensione appena prelevata all’ufficio postale. A distanza di quasi un anno il ladro è stato assicurato alla giustizia dai Carabinieri che hanno arrestato Gaetano Mirabella, pregiudicato catanese di 62 anni, con l’accusa di furto con destrezza e violazione della sorveglianza

Sortino, prima la “spaccata” a un negozio poi l’inseguimento: preso ladro catanese

Con un un grosso masso di cemento armato, i banditi hanno mandato in frantumi la vetrina di una boutique del centro. I carabinieri hanno intercettato l'auto in fuga che per l'alta velocità è uscita fuori strada. E' caccia ai complici

SORTINO (SIRACUSA) – Un pregiudicato catanese, Alfio Ninè Palazzolo, di 20 anni, è stato arrestato in flagranza dai Carabinieri in quanto ritenuto uno degli autori del furto con spaccata messo a segno la notte scorsa a Sortino (Sr) ai danni di un negozio. I ladri, utilizzando un grosso masso di cemento armato, hanno mandato in

Palermo, piantagione di marijuana in un appartamento dello Zen 2

Blitz della Polizia in via Egeria. Rinvenute 112 piante di canapa indiana. Denunciato un pregiudicato. Il valore della droga si aggira sui 60 mila euro

PALERMO – La Polizia di Stato ha sequestrato una piantagione di marijuana nel quartiere Zen 2, allestita in un appartamento di via Egeria. Gli agenti, insospettiti dal forte odore acre proveniente dall’abitazione al piano terra, hanno deciso di fare irruzione, scoprendo una vera e propria fabbrica di stupefacenti. All’interno dell’appartamento c’erano 15 lampade alogene, dotate di

Pantelleria, omicidio in pieno centro. Fermato 35enne tunisino

Durante la colluttazione il tunisino avrebbe estratto uno strumento tagliente trafiggendo al petto un 47enne pantesco, morto a causa delle ferite riportate

Pantelleria

PANTELLERIA (TRAPANI) – Avrebbe ucciso un uomo per futili motivi e in pubblica piazza. Con questa accusa i Carabinieri della Stazione di Pantelleria, diretta dal Luogotenente Antonio Baldo, hanno arrestato nella tarda serata di ieri Mohamed Ben Mariem, 35 anni, tunisino residente da tempo sull’isola, ritenuto responsabile dell’omicidio di Maurizio Fontana, 47 anni, abitante di Pantelleria. Secondo

Mascali, sigilli a una cava abusiva che operava in un’area “vincolata” del Parco dell’Etna

I carabinieri hanno sequestrato in contrada Nocille un'area di 30.000 metri quadrati, di proprietà della “Soc. Inerti e Calcestruzzi Eteni S.C.” operante nel settore di estrazione di materiale basaltico lavico 

MASCALI  (CATANIA) – I Carabinieri del Comando per la Tutela dell’Ambiente – Nucleo Operativo Ecologico di Catania  hanno sequestrato in contrada Nocille di Mascali un’area di 30.000 metri quadrati, di proprietà della “Soc. Inerti e Calcestruzzi Eteni S.C.” operante nel settore di estrazione e frantumazione di materiale basaltico lavico. Si tratta, nel giro di pochi mesi, del

Trasformano il garage in una piantagione di marijuana: coppia in manette a Mazzarrone

I Carabinieri hanno arrestato il 32enne Massimiliano Mirabella e la convivente di 23 anni. Nel locale, rinvenute 10 piante di canapa indiana e 100 grammi di erba in fase di essiccazione 

MAZZARRONE (CATANIA) – I Carabinieri di Mazzarrone (Ct) hanno arrestato in flagranza il 32enne Massimiliano Mirabella e la convivente di 23 anni, per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. La coppia aveva acquistato un “Grow Box” per trasformare il loro garage in una piccola piantagione di canapa indiana con tanto di sistema di illuminazione ed

Marsala, adescano ragazzo su un social network: al primo appuntamento lo picchiano e lo rapinano

La vittima è un giovane di Castelvetrano, nel trapanese. I suoi aguzzini, un 19enne e un 17enne,  sono stati arrestati dai carabinieri 

MARSALA (TRAPANI) – Tutto era partito da un contatto su un social network. Qualche scambio di battute e, come spesso avviene, nel giro di pochi giorni la decisione di incontrarsi per trasformare l’amicizia da virtuale a reale. È stato così che la sera del 13 dicembre 2017 per un giovane castelvetranese, recatosi a Marsala per