Crisi Coop, Ugl: “Troppi esuberi, serve nuovo Piano industriale”

Il sindacato: “No alle proposte avanzate, piano carente di motivazioni valide e ricco di contraddizioni”

coop

CATANIA – Continua a tenere banco la vertenza Coop. Il colosso della grande distribuzione, che in Sicilia dà lavoro a 1068 dipendenti, ha predisposto un piano di ristrutturazione che prevede appunto un ridimensionamento del personale in organico e la chiusura di cinque dei 16 ipermercati presenti nell’Isola.

“Riteniamo esoso e sproporzionato il numero di esuberi comunicato da Coop Sicilia per la sola provincia di Catania. Le 273 unità, a prescindere dalla forma di contratto applicata, sono troppe se commisurate al piano di licenziamenti proposto in sede di trattativa aziendale.”

Lo dichiarano il segretario provinciale della Ugl terziario di Catania Carmelo Catalano ed il suo vice, nonché rappresentante sindacale presso la Coop, Vito Tringale, che puntano il dito contro la carenza di valide motivazioni e soprattutto nei confronti delle numerose contraddizioni che presenta tutto il prospetto presentato dai vertici dell’impresa operante nel settore della grande distribuzione organizzata nella regione.

Coop sostiene che la crisi, così come “l’inasprimento della concorrenza sul territorio”, ha concorso al calo delle vendite e del fatturato. In provincia di Catania chiederebbero i battenti i punti vendita Coop di Zafferana Etnea e San Giovanni La Punta. Gli altri supermercati a rischio chiusura sarebbero quelli di Casteldaccia, Palermo Volontari e Ragusa.

“Ci sono evidenti incongruenze tra la cifra relativa all’esubero ed il fatturato realizzato nell’ultimo anno nei punti vendita interessati. Basti pensare che molti di essi sono in attivo, avendo totalizzato somme ben più consistenti rispetto all’anno precedente se pur in piena emergenza in termini di organico, a causa della fuoriuscita di dipendenti per diverse questioni – aggiungono i sindacalisti. In più sono state prospettate nuove aperture, motivo per cui non si comprende come mai il personale, peraltro formato, ma definito come “esubero” non possa trovare invece collocazione in questi punti vendita che dovranno sorgere presto a Catania e provincia. Non si capisce neanche il senso di questa procedura, quando di recente sono state effettuate assunzioni. Oltretutto abbiamo suggerito la possibilità di salvaguardare, attraverso l’estensione del diritto di prelazione, alcuni di questi lavoratori nel caso in cui i supermercati, dove prestano servizio, dovessero trovare un nuovo acquirente. Ma non abbiamo ricevuto risposta. Siamo convinti che la proposta avanzata da Coop Sicilia sia interamente da rivedere e, per questo motivo, nell’incontro del 7 luglio ci aspettiamo una riformulazione che possa tutelare il diritto al lavoro per questi dipendenti e dar vita ad un nuovo piano industriale che, al contrario preveda il potenziamento dei punti vendita, attualmente sotto organico, che stanno producendo risultati brillanti”.

 

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *