Corruzione appalti Anas Toscana: ex assessore Bonafede tra gli indagati

Coinvolti anche un funzionario regionale e il marito dell’ex Assessore regionale al Lavoro

Bonafede

FIRENZE – C’è anche l’ex Assessore regionale al Lavoro Ester Bonafede – attualmente vice commissario dell’UdC in Sicilia – tra i diciannove indagati dai Pubblici Ministeri di Firenze nell’ambito dell’inchiesta sulla corruzione per gli appalti ANAS in Toscana.

Nell’indagine della Procura fiorentina sarebbe coinvolto anche il coniuge della Bonafede Carmelo Carrara, ex magistrato per anni in servizio presso la Procura a Palermo nonché sindaco di Terrasini per l’Unione di Centro dal 1997 al 2002.

Coinvolta anche una funzionaria regionale dell’Assessorato al Turismo, Anna Maria Spanò.

La tranche siciliana dell’inchiesta ANAS riguarderebbe i presunti illeciti nella realizzazione di un albergo situato a Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento. I lavori riguardano la ristrutturazione di circa trenta edifici posti nel centro storico del paese, ad opera di un imprenditore del settore turistico, per un importo complessivo di circa quattro milioni di euro. Una cifra che sarebbe stata cofinanziata al 50% con Fondi Europei: finanziamenti della Regione Siciliana per il settore residenziale-turistico che gli inquirenti ritengono essere stati utilizzati in maniera illecita.

“Non conosco le persone indagate in questa vicenda, non ho mai intrattenuto rapporti con loro e non conosco i fatti. Sono stata nominata direttore dei lavori per la realizzazione dell’albergo di Sambuca solo a dicembre del 2016, quattro mesi fa. Non conosco il funzionario regionale indagato. Tra l’altro non sono più assessore regionale da circa tre anni”, afferma la Bonafede.

Secondo gli inquirenti, l’ex assessore regionale si sarebbe servita di false fatture per ottenere finanziamenti per la costruzione della struttura alberghiera: 31 immobili che si trovano nello storico quartiere saraceno del paese che dovevano essere trasformati, appunto, in albergo diffuso.

“Sto proseguendo nel mio incarico per la realizzazione dell’albergo diffuso – conclude  Bonafede – I lavori vanno avanti e dovranno concludersi entro luglio”.

A quanto si apprende gli stessi uffici regionali sarebbero stati interessati dalle attività di ricerca. Ester Bonafede – che non risulterebbe indagata in relazione al suo ruolo di assessore – figurava come direttrice dei lavori del progetto. L’abitazione e lo studio dell’architetto sono stati perquisiti in mattinata dai Carabinieri, mentre l’ex assessore ha dichiarato di non avere mai avuto rapporti con i funzionari dell’ANAS.

Diciannove in tutto gli indagati dell’inchiesta coordinata dalla Procura fiorentina. Nove gli imprenditori arrestati e fatti oggetto di misure cautelari domiciliari, ai quali vengono contestati episodi di corruzione in concorso con due pubblici ufficiali che all’epoca dei fatti erano in servizio al compartimento Anas di Firenze. Allo stesso tempo i carabinieri dei Reparti Operativi Speciali hanno eseguito otto perquisizioni nei confronti di altrettanti indagati per associazione a delinquere, corruzione ed estorsione: si tratta di professionisti residenti in Sicilia e società in parte già coinvolte nel primo filone di indagine.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *