Estremismo islamico: terrorismo si annida nelle carceri catanesi

Sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti sono finite anche le serre del ragusano

terrorismo estremismo islamico

CATANIA – L’estremismo islamico cova tra le celle delle carceri catanesi. A dirlo stamattina in audizione davanti al Comitato bicamerale Schengen è stato il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro. 

“Sono pochi i soggetti che arrivano nei nostri territori già radicalizzati“. La maggior parte, invece, viene reclutata direttamente nelle due carceri catanesi Bicocca e Piazza Lanza. È lì che avviene la radicalizzazione e l’avvicinamento all’Isis. L’attenzione della Procura etnea è altissima. Sono stati già sequestrati, infatti, diversi cellulari e documenti in cui comparivano motti e immagini relative allo stato islamico.

Che il pericolo venisse proprio dalle carceri lo aveva già detto negli scorsi mesi il premier Paolo Gentiloni. Riflettori puntati anche su internet e il “malware del terrore”, aveva specificato il primo ministro dopo aver incontrato la Commissione di studio sul fenomeno della radicalizzazione e dell’estremismo jihadista coordinata dal professor Lorenzo Vidino.

Sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti sono finite anche le serre del ragusano. Proprio in quei campi vengono impiegati molti migranti che rischiano di avvicinarsi all’estremismo religioso.

“Non si può escludere – ha detto Zuccato – che una parte dei proventi relativi al traffico dei migranti clandestini finisca nelle mani delle organizzazioni paramilitari terroristiche ma su questo abbiamo solo indizi”.

Non risulta, invece, il coinvolgimento di Cosa Nostra nel traffico dei migranti. È in modo marginale, invece, che Cosa Nostra allunga le mani sul caporalato. In alcuni casi, infatti, esponenti mafiosi fungevano da mediatori. Un grosso interesse della mafia è di intercettare il denaro destinato ai centri di assistenza come il Cara di Mineo.

“In quel caso, le organizzazioni mafiose hanno quantomeno preteso l’uso di imprenditori a loro collegati per ottenere l’appalto di alcuni servizi”, ha detto Zuccaro.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *