Fontanarossa, “concorsone” per il bacino/elenco fermo al palo

Sac Service al lavoro per trovare l’azienda che si occuperà dei test preselettivi per la formazione del bacino/elenco

CATANIA – Avevamo promesso agli oltre 15.000 partecipanti del “concorsone” indetto da Sac Service che avremmo tenuto i riflettori puntati. Così, a quasi un mese di distanza dallo stop alla procedura di selezione, torniamo sul tema.

La domanda è la stessa che ponevamo lo scorso 10 marzo: che fine faranno i lavoratori che hanno presentato domanda per il famigerato “bacino/elenco”?

“I partecipanti possono stare tranquilli, quell’elenco è fatto salvo. Sac Service sta lavorando alla gara d’appalto per trovare l’azienda che dovrà occuparsi dei test preselettivi“. A spiegarlo ai microfoni di Tribù è Nico Torrisi, Amministratore Delegato di Sac, l’azienda che gestisce lo scalo etneo di Fontanarossa.
“Io però non sono Sac Service”, precisa Torrisi. “I chiarimenti e i dettagli dovete chiederli a loro”.
“Quello che posso assicurarvi è che come SAC abbiamo imposto dei paletti“.

DOVE ERAVAMO RIMASTI – Ci eravamo lasciati lo scorso 10 marzo con la comunicazione pubblicata da Sac Service sul sito istituzionale: “Lo straordinario e imprevedibile numero di domande pervenute ha determinato il necessario superamento dell’accordo contrattuale con la società, originariamente individuata, per la selezione del personale attraverso i test di valutazione”. Contratto scisso con la MANPOWER srl, quindi, e procedura sospesa in attesa in attesa di scegliere i nuovi selezionatori.

“L’azienda che si sarebbe dovuta occupare dei test di valutazione aveva concordato con la precedente amministrazione di occuparsi di un massimo di 3-4 mila partecipanti” spiega Nico Torrisi. “Con oltre 15.000 richieste non era fattibile”.
Successo annunciato in realtà, visto che l’obiettivo – almeno stante a quanto dichiarato dallo stesso Torrisi – era proprio quello di dare massima visibilità a questa occasione lavorativa.

Probabile occasione. Perché, lo ricordiamo, il bando in realtà non parla di numeri e di assunzioni. Anzi: “L’elenco/bacino non costituisce per i candidati alcun diritto all’assunzione da parte della SAC Service Srl, ma esclusivamente quello di essere chiamati ad una eventuale successiva valutazione che sarà eseguita da una Commissione secondo le modalità previste dal regolamento di SAC Service”, si leggeva nel bando.

I NUOVI CRITERI NELLA SELEZIONE DEI SELEZIONATORI – Quando si ripartirà quindi con le selezioni? Non è ancora dato saperlo. “SAC Service sta predisponendo il bando per l’azienda selezionatrice e i tempi saranno necessariamente quelli di una gara d’appalto pubblica” dichiara Torrisi.

“L’importo dell’appalto consentirebbe una gara ad invito”, spiega ancora l’ad SAC. “Ma abbiamo chiesto espressamente a SAC Service di bandire una gara pubblica, così da garantire una partecipazione ampia, aperta e trasparente”.

Quando si riprenderanno le selezioni, i partecipanti potranno contare su assoluta imparzialità di giudizio, assicura l’ad di Fontanarossa: “Abbiamo imposto che venga evitata qualsiasi modalità che possa lasciare discrezionalità all’esaminatore”.

L’azienda che si vedrà assegnato l’appalto procederà ad un test meccanizzato, senza possibilità alcuna d’intervento.
“Vogliamo fugare ogni dubbio su voglie strane di aiutare amici“, assicura Torrisi.

Quando tutto questo sarà possibile? Lo chiederemo a SAC Service. Presto.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *