Genova, uccise il marito a coltellate: assolta per legittima difesa

La Corte d’Assise della città della Lanterna, nei giorni scorsi, ha assolto una donna accusata di aver ucciso il marito con ben ventiquattro coltellate

Il caso arriva da Genova ed è di quelli destinati, forse, a fare giurisprudenza. La Corte d’Assise della città della Lanterna, nei giorni scorsi, ha assolto una donna accusata di aver ucciso il marito con ben ventiquattro coltellate. Secondo i giudici, tuttavia, si sarebbe trattato di legittima difesa. Al culmine di un litigio la donna avrebbe disarmato l’uomo che le veniva incontro con un coltello e lo avrebbe colpito per difendere la propria vita. Un caso che richiama molti temi, quello di Genova, dalla violenza sulle donne al femminicidio, dalla prevenzione fino appunto alla legittima difesa. Il commento dell’avvocato Antonio Fiumefreddo, penalista catanese, su una vicenda che fa discutere e che copre forse una nuova fase nell’approccio giuridico al tema della difesa personale. 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *