L’appello di Beppe Grillo ai siciliani: “Siate curiosi e dateci fiducia, con il Movimento un salto di qualità”

E’ iniziata da Aci Trezza la due giorni siciliana del leader 5 stelle al fianco dell’aspirante governatore Giancarlo Cancelleri. Presenti Di Battista e Di Maio. Alle 21 comizio in piazza Università. Domani si replica a Palermo

CATANIA – “Cosa ho fatto per voi… ma neanche un arancino mi avete portato“. Beppe Grillo è appena sceso dall’auto e saluta così la folla di sostenitori, iscritti e semplici cittadini che lo aspetta sul lungomare di Aci Trezza, da dove poco dopo le 16.30 è iniziata la passeggiata di 10 chilometri fino in piazza Università, a Catania, location del comizio conclusivo del “Catania day”.

Per il primo atto della due giorni siciliana, al fianco del leader M5s ci sono l’aspirante governatore Giancarlo Cancelleri con l’ormai inseparabile candidato premier Luigi Maio, l’altro big dei Cinque stelle, Alessandro Di Battista, e i portavoce regionali, nazionali ed europei.

La seconda battuta è per l’altra folla che lo attende: quella del grande barnum dell’informazione, scesa in massa nella città dei Malavoglia. “State seppellendo pensionati e bambini, quelli alti meno di un metro e dieci farebbero bene a allontanarsi”, dice Grillo riferendosi alla calca di giornalisti, cameraman e fotografi che lo assediamo per la consueta raffica di domande e non mollano la presa, rendendo vano il lavoro del servizio d’ordine chiamato a fendere la folla e creare il corridoio propizio per iniziare la marcia di avvicinamento verso Catania. “Datemi l’aglio, i giornalisti si spaventano solo con le teste d’aglio”, urla Grillo per poi concedersi alla stampa.

“Siamo in Sicilia per fare un referendum tra un mondo in via d’estinzione e un mondo che avanza, che è completamente diverso da quello che è stato sempre contemplato in Sicilia”, attacca il leader 5 Stelle sottolineando che “sono due mondi diversi, che intendono la politica e la democrazia in modi diversi”.

Grillo poi si sofferma sul rischio astensionismo: “Capite, se metà della popolazione non va a votare, uno prende il 30 per cento del 50% e viene eletto con il 15% degli aventi diritto. Che tipo di democrazia facciamo? Noi prospettiamo una cosa: un salto di qualità. Se i siciliani capiscono e vogliono tentare a darci fiducia, sarà come un voto di fede. Ci credono in noi? Siamo dilettanti allo sbaraglio, siamo incapaci? Può darsi, impariamo però. Non abbiamo mai avuto la possibilità di governare una Regione a Statuto speciale. Qui in Sicilia si possono fare esperimenti, sulla mobilità, sull’energia”, mentre altri “non hanno fantasia”. “Esperimenti, in tutti i sensi – prosegue Grillo – sul reddito di cittadinanza, sulla pesca e l’agricoltura. Se i siciliani gradiranno di tentare anche un piccolo salto nel futuro noi ci siamo. Noi siamo dei rabdomanti con l’iPhone che cerchiamo certe cose. Intanto andiamo. Dove? Lo vedremo nel percorso, ma intanto andiamo”.

Un cronista gli chiede poi del candidato M5s alla presidenza della Regione. “Cancelleri? Abbiamo fatto la top ten dei coglioni e abbiamo scelto lui”, scherza ancora Grillo che poi si fa serio: “E’ chiaro che è il migliore che abbiamo scelto”.

L’ex comico lancia infine un appello ai siciliani: “Siate curiosi, guardate un pò oltre. La curiosità è vita, l’indifferenza è morte. Magari con questi – aggiunge posando lo sguardo su Cancelleri e i candidati all’Ars che lo attorniano – ci saranno dei miglioramenti. Quando ti dicono siete tutti uguali, non cambia niente, è l’alibi di chi non vuole fare niente. E un alibi loro, perché non è così, non siamo tutti uguali”, conclude Grillo incamminandosi.

La comitiva attraversa il lungomare dei Ciclopi, s’infila poi nell’omonimo lido per sbucare ai “muretti” di Aci Castello. Qui la sorpresa. Grillo sale su un camioncino, lasciando i parlamentari – Alessandro Di Battista in primis – a intrattenere la folla fino a Catania. Cancelleri e Di Maio partono alla volta di Augusta per un’altra tappa del minitour. Ci si vede stasera a Catania per il comizio finale.

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *