Immigrazione clandestina, 3 natanti partiti dalla Tunisia intercettati nel Canale di Sicilia

Le imbarcazioni dirette sulle coste agrigentine e di Lampedusa sono state bloccate dalle unità navali della Guardia di Finanza

AGRIGENTO – Non si fermano i flussi migratori provenienti dalla Tunisia e diretti verso le coste trapanesi ed agrigentine. Tre imbarcazioni carichi di cittadini extracomunitari, in prevalenza tunisini, diretti in Italia sono stati intercettati e bloccati nel Canale di Sicilia da unità aeronavali della Guardia di Finanza.

Nella notte del 31 ottobre, una unità navale delle Fiamme Gialle, a seguito dell’avvistamento da parte di un aereo portoghese impegnato nell’operazione “Triton 2017” di Frontex, ha individuato un’imbarcazione a circa 40 miglia a sud di Pantelleria che non ottemperava alle ripetute intimazioni di fermarsi per evitare il controllo da parte dei militari. Il natante è stato bloccato appena entrato nelle acque nazionali, anche grazie all’intervento di altri mezzi navali confluiti in zona. A bordo c’erano 74 uomini, 8 minori e 2 donne, una delle quali in stato interessante che sono stati fermati e condotti a Porto Empedocle, dove sono stati affidati alla Polizia di Frontiera per l’identificazione e l’avvio delle procedure di espulsione, proseguite poi nell’hot spot di Milo a Trapani.

Uno scenario simile si è ripetuto la notte successiva, quando le Capitanerie di Porto hanno segnalato la presenza, a sud di Pantelleria, di un altro motopeschereccio con a bordo 41 migranti adulti di sedicente nazionalità tunisina, anch’essi condotti a Porto Empedocle e presi in consegna dalla Polizia di frontiera.

Ieri sera, infine, il Guardacoste G.125 Fusco ha intercettato una piccola barca in vetroresina con motore fuoribordo da 40 cavalli, senza sigla identificativa, che navigava verso le coste lampedusane, con a bordo 7 uomini, migranti irregolari di origine tunisina, uno dei quali di minore età. I fermati sono stati trasportati nel porto di Lampedusa e trasferiti nel locale hot spot  per le operazioni di identificazione.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *