Pozzallo, immigrazione clandestina: fermato scafista egiziano

Le indagini sullo sbarco di 21 migranti partiti dalle coste libiche e giunti ieri nel porto ragusano dopo essere stati soccorsi da una nave della Marina militare irlandese 

POZZALLO (RAGUSA) – La Polizia di Ragusa ha fermato uno scafista accusato di aver condotto una piccola imbarcazione con 21 migranti a bordo, giunti ieri nel porto di Pozzallo. Si tratta di un cittadino egiziano di 18 anni, Youssef Mouhamed. Secondo i testimoni è lui che ha condotto il natante partito dalle coste libiche.  I migranti sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e poi trasferiti in altri centri.

Il piccolo natante era stato soccorso dalla nave “Le Niamh” della Marina militare irlandese, che ha condotto i migranti, quasi tutti di origine siriana, nel porto di Pozzallo.

Dalle indagini è emerso che lo scafista egiziano si era preventivamente accordato con i libici al fine di effettuare la traversata dietro compenso. Le indagini sono state particolarmente complesse anche per la reticenza dei migranti sbarcati, i quali ai poliziotti hanno raccontato di aver pagato in media 5.000 dinari libici ovvero oltre 3.000 euro. Lo scafista, accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, è stato associato nella casa circondariale di Ragusa. 

Nel 2017 sono 92 gli scafisti fermati in provincia di Ragusa, 200 quelli arrestati lo scorso anno. 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *