La proposta di Salvo La Delfa: “Legalità, decoro e meno burocrazia”

Ingegnere, grillino della prima ora, La Delfa è il candidato del Movimento Cinque Stelle per le Amministrative a Paternò. Ecco il suo programma

 

PATERNO’ – E’ il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle per le prossime elezioni amministrative a Paternò. Una responsabilità non da poco, visto che il Comune etneo è il terzo più popoloso tra quelli che andranno al voto il prossimo 11 giugno, a pari merito con Misterbianco. E che il M5S in provincia di Catania non si è distinto fino a questo momento per risultati brillanti. C’è tutto questo sulle spalle di Salvo La Delfa – ingegnere, grillino della prima ora – che lancia la sfida agli altri candidati sulla scorta di un programma basato sulla razionalizzazione delle risorse di Paternò. A partire da quelle in uso ai politici.

Un evergreen del Movimento, quello del taglio degli stipendi. La Delfa segue la tradizione: “Se sarò eletto ridurrò del 30% la mia indennità di sindaco, e gli assessori dovranno fare lo stesso”. Già, gli assessori: quelli che il Movimento paternese sta scegliendo attraverso una “selezione pubblica”, che gli avversari prendono in giro definendola bando ma che per La Delfa è la più alta forma di democrazia, quella partecipativa. Tanta carne al fuoco della politica, insomma, e della differenza archetipica tra i Cinque Stelle e gli avversari dei partiti tradizionali. Ma qual è il programma col quale i pentastellati si propongono ai paternesi?

Pochi semplici punti: pulizia, legalità, riassetto della macchina amministrativa. Facile a dirsi, meno a realizzarsi, altrimenti ci avrebbero già pensato gli altri. O no? “Gli altri li vediamo ricomparire quando c’è aria di elezioni, per piazzare dentro qualcuno dei loro”, attacca l’ingegnere. Un giudizio per niente morbido, che il candidato allarga alla gestione di alcune crisi aziendali che  da tempo affliggono il territorio di Paternò. Il candidato a Cinque Stelle promette vicinanza ai lavoratori in difficoltà, e si dice convinto della necessità di valorizzare il tessuto sociale e commerciale di questa città.

Un impegno gravoso, quello assunto per il governo di una città grande e complessa come Paternò. Per portare a casa il risultato, La Delfa non ha dubbi, occorre smarcarsi dai giochi della vecchi apolitica e aprire un dialogo con i cittadini. “Solo così potremo fare qualcosa di concreto – conclude – possiamo farcela e lo faremo, per tutti i paternesi e per il futuro di questa città”.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *