La vita che vince nonostante tutto

Alberto, Maria Rita e Giuliana: cuore e fede

Alberto ha perso la mamma che andava ancora alle scuole elementari, a fargli compagnia nella vitavita il fratello e la sorella più grandi, ed un gattino.

Oggi ha poco più di cinquant’anni ed è un uomo di punta di una multinazionale che opera nel campo della sanità.

Il giovedì porta da mangiare alla mensa organizzata in stazione a Catania, la domenica l’ostia consacrata ai malati che non potrebbero altrimenti goderne.

Per il resto fa moltissimo per molti altri, ma guai a parlarne, sa solo chi riceve.

Se dovessi descriverlo con un’immagine, sceglierei un grande sorriso. Alberto è uno che dona anche solo con un sorriso!

 

Maria Rita è un poliziotto.

Ha scelto di andare a cavallo ed ama la divisa come solo chi ancora si riconosce nel valore della Legge sa fare.

E’ coetanea di Alberto, e non conosce la resa.

E’ un monumento all’ottimismo.

Se qualcuno si è avventurato mai, incontrandola per le vie della vita, a dirle che per quella certa cosa non si può far niente, avrà ricevuto la risposta che solo una com lei sa dare, batte i tacchi e si congeda con un sorriso, bisbigliando a se stessa che non esiste nulla che non si possa fare se lo vuole Lui.

Maria Rita è la gioia, e lo è anche quando l’emozione vince la sua forza, quando le lacrime sciolgono l’acciaio della sua volontà.

 

Alberto e Maria Rita si sono incontrati più di vent’anni fa, si sono innamorati e si sono sposati.

E’ nata una bimba!

Giuliana, non l’hanno fatta respirare come avrebbe dovuto alla nascita, non c’era l’ambulanza attrezzata per una neonata, non c’erano soprattutto cuore e cervello, così che il parto l’ha lasciata con difficoltà grandi a muoversi.

I suoi genitori non si sono arresi e a chi consigliava di lasciar perdere, rispondevano con un sorriso e con più determinazione di prima.

Giuliana si è diplomata, con gli scout ha girato non so bene quanti Paesi, con l’Unitalsi da aiuto ai malati, con il suo cuore da sostegno – segretamente – a tanti.

Giuliana cammina anche, ma soprattutto sorride, come suo padre e come sua madre, lei sorride e vive, sorregge gli altri nelle cadute della vita, nelle fatiche dei movimenti del cuore, nelle difficoltà di chi ha solo bisogno d’amore.

Alberto, Maria Rita e Giuliana sono la nostra famiglia dell’anno.

Alberto, Maria Rita e Giuliana sono il cuore della vita!

Articoli correlati

11

  • Sono fiera di voi e di fare parte di questa famiglia speciale anche se in misura piccolissima…auguro a tutti voi il meglio della vita…..😘😘😘
    La sorella la cognata la zia Anna

  • Siete delle persone meravigliose e anche se ci vediamo e sentiamo raramente,vi penso e vi voglio bene. Un affettuoso abbraccio e tanti auguri di buon anno.

  • Siete un esempio di bellezza, di determinazione, di amore. Vi stimo e vi voglio bene.
    La maestra Mirella

    • … Maestra Mirella tu mi hai regalato un libro in 2 elementare “la gabbianella ed il gatto” … “Vola sola chi osa farlo” ed io ho aggiunto: anche con una sola ala…
      Grazie

  • Siete l’esempio di vita che tutti vorrebbero essere ….❤vi ammiro e vi voglio un mondo di bene…

  • Siete il vero esempio di famiglia,che si sostiene, che riesce a sorridere, che è capace di regalare sempre un gesto d’amore.Nei momenti più difficili il vostro esempio mi ha resa forte ed in grado di trasformare un dolore in dono.Grazie
    Un abbraccio grande
    Marcella

  • buon anno famiglia dell’anno… lo siete veramente e vi voglio bene… sarebbe bello incontrarci più spesso… baci e abbracci forti. Beatrice.

  • Questo articolo rispecchia esattamente lè loro enormi virtù ma soprattutto il senso di coraggio, Unione e amore che chi ha la fortuna di incontrarli come me , nota subito e non dimentica.

  • Siete una forza tutti e 3, è un orgoglio e un privilegio essere vostro amico, vi voglio un mondo di bene.

  • Grazie ai miei genitori che mi hanno resa la persona che sono oggi, cosi tenace e coraggiosa!
    Sono grata a tutti voi perché mi avete aiutata, ognuno a suo modo, a spiegare le mie ali e mi
    avete insegnato a volare!
    grazie Giuliana

Rispondi a beatrice Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *