Librino partita aperta. Il Prefetto conferma

Al successore valutare se sciogliere o meno Librino

prefetto di catania
prefetto di catania
Maria Guia Federico

CATANIA – Si può chiedere ad un magistrato se stia indagando Tizio? Certamente si.

E se il magistrato risponderà che si tratta di illazioni, qualcuno ci crederà? O semplicemente il magistrato ha fatto il suo dovere mantenendo il segreto?

Allo stesso modo si può chiedere al Prefetto di Catania se è pronto il decreto di scioglimento della Municipalità di Librino aspettandosi che il più alto funzionario del governo dica di sì? Risponderà che sono illazioni. E’ persino suo dovere rispondere così.

Vogliamo chiedere ad Al Capone se è mafioso? Ci risponderà che sono illazioni. Vogliamo credergli?

Ma il Prefetto Federico, che è persona di grande onestà intellettuale, assolve ai suoi doveri di trasparenza e parlando di Librino non può fare a meno di aggiungere, in occasione del suo commiato da Catania: “E’ chiaro che ci sono delle partite che in ogni contesto restano aperte e a occuparsene sarà il nuovo Prefetto.”

Il Prefetto così conferma di aver mantenuto fede all’impegno assunto in commissione parlamentare Antimafia quando ha chiarito che sull’accesso relativo alla municipalità di Librino riteneva ci fossero gli estremi.

Il Prefetto ha quindi confermato che c’è una partita aperta e correttamente spetterà ora al nuovo Prefetto Silvana Riccio assumere le decisioni che renderà necessarie.

Semplicemente ridicolo che su un atto e procedimento sui quali è stata apposta la classificazione di “massima riservatezza” qualcuno si aspettasse una risposta diversa.

Ma soprattutto inquietante che qualcuno si ponga la domanda tecnica se si possa o meno giuridicamente sciogliere la municipalità anziché interrogarsi su cosa significhi infiltrazioni mafiose a Librino.

A Catania si continua a negare che esista la mafia e si trova persino chi anziché sottolineare il dramma dell’aggressione mafiosa preferisca ancora farne una questione di codici e codicilli.

Il silenzio è il migliore alleato di Cosa nostra.

Noi  continueremo a tenervi informati.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *