L’incidente stradale e poi l’aggressione a colpi di mazza: arrestato per duplice tentato omicidio

In carcere è finito il 29enne Francesco Toscano, indicato come assiduo frequentatore di esponenti di vertice di Cosa Nostra. Ad aprile aggredì un cancelliere del Tribunale e investì anche due operai del Comune

CATANIA – La Guardia di Finanza, su delega della Procura della Repubblica di Catania, ha arrestato Francesco Toscano, di 29 anni, per il reato di duplice tentato omicidio. L’uomo, nell’aprile scorso, mentre era alla guida di una Smart, a causa di un banale incidente occorso con un cancelliere del Tribunale di Catania all’incrocio tra corso Martiri della Libertà e via Francesco Crispi a Catania, in preda ad una folle reazione, ha aggredito il suo interlocutore più anziano di 30 anni, con un forte schiaffo alla testa.

Poi, Toscano, completamente fuori di sé, ha aperto il portabagagli della sua autovettura estraendo una mazza da baseball, con la quale, dopo aver indossato il cappuccio della felpa per non essere riconoscibile in volto, ha iniziato a inseguire il malcapitato che nel frattempo si era dato alla fuga. Il 29enne si è dunque lanciato invano all’inseguimento della povera vittima che, nel frattempo, era riuscita a nascondersi e a allertare le forze dell’ordine. A quel punto, Toscano si è allontanato con la sua auto, investendo però due due dipendenti comunali che stavano effettuando operazioni di affissione, con uno dei due che ha poi dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Durante le indagini dei finanzieri del GICO del Nucleo di Polizia Tributaria è emerso che Toscano era rimasto coinvolto  nell’operazione “Nuova Famiglia” sul clan Mazzei, eseguita nell’ottobre 2015, nel cui ambito il 29enne veniva indicato come assiduo frequentatore di esponenti di vertice di Cosa Nostra etnea. A carico di Toscano sono emersi anche una  condanna per rissa nel 2008 e un procedimento penale pendente per guida in stato di ebbrezza nel 2016.

Su disposizione del GIP, il 29enne è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza. 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *