M5S Palermo, per i periti le firme false sono 200. I due candidati alle Comunarie si ‘sfidano’ su Fb

Consegnata la consulenza grafica disposta dalla Procura

Igor Gelarda e Ugo Forello

PALERMO – Arriva un tassello importante nell’ambito dell’inchiesta sulle firme false per la presentazione delle liste del M5S in occasione delle Comunali del 2012 nel capoluogo siciliano. Secondo la conclusione della consulenza grafica disposta dalla Procura di Palermo le firme false sono circa 200.  La relazione dell’analisi eseguita da un pool di esperti è stata consegnata questa mattina al procuratore aggiunto Dino Petralia e alla pm Claudia Ferrari che coordinano l’indagine.

L’inchiesta, aperta nei mesi scorsi dai magistrati dopo un servizio della trasmissione televisiva “Le Iene”, coinvolge 13 persone: parlamentari nazionali e regionali del movimento, attivisti e un cancelliere del tribunale di Palermo.

Intanto, in vista delle Comunarie M5s, si accende il confronto dei candidati a sindaco Ugo Forello e Igor Gelarla. Entrambi gli sfidanti hanno pubblicato sulle rispettive pagine Facebook un post che ha tutto il sapore di un appello social agli iscritti del Movimento. Forello e Gelarla – il primo avvocato e fondatore di Addiopizzo, l’altro poliziotto e sindacalista, sono i due superstiti della consultazione interna a cinquestelle. La prima a ritirarsi dalla sfida a cinque e dalla lista è stata Tiziana Di Pasquale, seguita da Giulia Argiroffi e Giancarlo Caparrotta, che però restano in sella per un seggio in Consiglio comuale. Il voto on line sulla piattaforma Rousseau è previsto nei prossimi giorni.

 

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *