Minniti dopo l’appello di LiberaItalia e M5s: “Vigilare su Regionali”

Il titolare del Viminale ha chiesto ai Prefetti siciliani di implementare i servizi di vigilanza già predisposti per revenire eventuali interferenze della criminalità

Minniti

ROMA – Un rafforzamento delle attività di controllo del territorio e del procedimento elettorale, “al fine di scongiurare il rischio di alterazione del libero esercizio del voto”. E’ quanto ha promesso il Ministro degli Interni Marco Minniti al Presidente della Regione Rosario Crocetta, dopo le richieste sulla necessità di vigilare sul voto del 5 novembre per evitare episodi di voto di scambio. Crocetta era intervenuto sulla questione dopo gli appelli giunti al Ministro da parte di Antonio Fiumefreddo, segretario nazionale di LiberaItalia, e dal Movimento Cinque Stelle.

Oggi la risposta del Viminale, che allega alla messaggio a Crocetta una lettera spedita ai Prefetti siciliani, con la richiesta di implementare i servizi di vigilanza già disposti con interventi mirati.

“E’ noto come le organizzazioni criminali, in specie in contesti territoriali in cui risultano maggiormente radicate, puntino a condizionare lo svolgimento e i risultati delle competizioni elettorali – scrive Minniti nella lettera ai rappresentanti locali del Governo – sia al fine di dimostrare, anche in questo delicato ambito, la propria pervasiva presenza sul territorio, sia per potersi infiltrare, con lo scopo di perseguire con maggiore efficacia i propri fini illeciti, nel governo della cosa pubblica”. Il ministro ricorda le azioni ciò messe in campo per contenere il fenomeno, ma avverte i Prefetti sulla necessità di elevare i controlli per evitare “una seria minaccia al libero esercizio del diritto di voto”.

Un’azione che, ricorda Miniti, andrà svolta di concerto con la Regione poiché “le operazioni per l’elezione dell’Assemblea Siciliana si svolgono al di fuori del procedimento elettorale tradizionalmente affidato alla governance del Ministrero dell’Interno”. Nondimeno il ministro accogli ere sollecitazioni del Presidente uscente chiedendo ai Prefetti di “verificare la possibilità di integrare i piani e i servizi di vigilanza, eventualmente già predisposti, con mirate azioni di controllo e presidio del territorio volte a prevenire eventuali interferenze della criminalità”. Per questo il ministro chiede la convocazione di “specifiche riunioni tecniche di coordinamento, eventualmente estese a rappresentanti dell’autorità giudiziaria, per una disamina complessiva della situazione nelle relative provincie e per l’adozione delle misure occorrenti”.

Una risposta, quella di Minniti, accolta con favore dal governatore che assicura piena collaborazione. Nell’appello al ministro, Crocetta aveva anche scritto di stare vagliando la richiesta di intervento dell’Osce sulle Regionali. Una proposta lanciata dal Movimento Cinque Stelle, che questa mattina ha incontrato il segretario generale dell’assemblea parlamentare dell’Osce. Un incontro cordiale, al quale ha partecipato anche il candidato premier e capo politico del M5s Luigi Di Maio.

“Ci tenevamo a esprimergli di persona le nostre preoccupazioni per il voto del 5 novembre in Sicilia – ha scritto su Facebook Cancelleri – L’OSCE ha monitorato anche recentemente delle elezioni amministrative (a Skopje e Tbilisi per esempio), all’interno di elezioni generali dei Paesi presi in considerazione. Anche se irrituale, il monitoraggio delle elezioni siciliane è fondamentale e le preoccupazioni, forti, da parte nostra rimangono”. Nelle scorse settimane proprio il ministro Minniti era intervenuto per bocciare la proposta dei Cinque Stelle spiegando come l’Osce non intervenga su elezioni locali concentrandosi su presidenziali e parlamentari.

LETTERA AI PREFETTI

2

  • Direi che il Ministro dovrebbe vigilare, prima di tutto,sulle gare d’appalto, sulle spese pubbliche, sul servizio idrico affidato dalla amministrazione provinciale guidata dall’on. lombardo ad una società di cui faceva parte il gruppo virlinzi, affidamento poi annullato (in appello!!!).Si quantifichino i danni visto che la società mista ha svolto in alcuni piccoli comuni della provincia il servizio sulla base di atti annullati.
    Si convochino pure tutti i funzionari che svolsero gli accertamenti sulle gare dei parcheggi, piazza europa soprattutto, per ripercorrere il processo d’assoluzione chiesta ed ottenuta dal giudice Tinebra (variante da parcheggio a centro commerciale ).
    Si dovrebbero disporre tempestive misure cautelari patrimoniali, in sede di giurisdizione contabile, per responsabilità amministrativa, sulle somme eccedenti i valori di mercato sui prezzi delle locazioni passive a catania, come questa per esempio, relativa alla agenzia delle entrate:
    http://catania.livesicilia.it/2014/10/06/quel-canone-ai-virlinzi-e-fuori-mercato-la-risposta-del-vice-ministro-a-5-stelle_311566/
    E il movimento 5 stelle in parlamento intervenga pubblicamente, vista la nullità amministrativa di gran parte di queste operazioni.
    Si intervenga pure sulla vicenda della vecchia dogana!
    Si vedano inoltre dei permessi rilasciati dall’urbanistica, tra cui quello per la palestra in via messina 623, al gruppo virlinzi, in zona “vincolo assoluto e fascia rispetto stradale”, e si ricontrollino pure gli altri permessi, possibilmente, ma si parli anche delle consulenze esterne:
    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/10/07/regione-assenteismo-consulenze-doppia-inchiesta-sulla-sede.html

    Visto che non si è saputo più nulla.
    E si sposti il più lontano possibiledalla sicilia, per ragioni di opportunità, questo processo e tutti gli altri :
    http://catania.livesicilia.it/2016/02/09/catania-trema-continua-linchiesta-impallomeni-i-miei-rapporti-con-virlinzi_368309/

    perchè non è possibile che su tutte queste questioni sia sempre tutto perfetto anche sotto il profilo amministrativo e non sussistano mai danni erariali, senza entrare nel merito delle singole questioni e dei singoli processi.
    queste persone in questi appalti e servizi semplicemente non c’entrano ed il risarcimento è atto dovuto da richiedere, perlomeno in sede di responsabilità amministrativa, cosi come le misure patrimoniali cautelari in sede di giurisdizione contabile. E ci spieghino cosa vorrebbe significare il sostenere che è tutto valido ? risponda il ministero degli interni, se possibile, ma credo che il movimento 5 stelle abbia molto di più da dire, perchè ha anche i documenti.

  • qualora la redazione non intenda pubblicare il commento precedente potrebbe gentilmente inoltrarlo al movimento 5 stelle in modo che rispondano in modo pubblico e trasparente, attraverso il Vostro giornale?

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *