Natura Sonoris, la voce dell’Etna: il progetto di un collettivo di giovani artisti siciliani

La missione è promuovere la tutela del patrimonio naturalistico pedemontano del vulcano

laboratorio

CATANIA – Ascolta la voce dell’Etna. Impara a dialogare con l’Etna. Dove tutto è casa. Natura Sonoris non è soltanto un ambizioso progetto artistico. Natura Sonoris è una missione.

Quella di un collettivo informale di giovani siciliani animati dal desiderio di stimolare in sé stessi e nei loro coetanei una più attenta considerazione del patrimonio ambientale, fonte di identità culturale e strumento di sviluppo. Sono i giovani dell’Associazione Culturale Duende sbocciati all’interno di Viagrande Studios, il centro di ricerca, formazione e produzione per le arti performative incastonato in provincia di Catania, a pochi passi dal Parco del Monte Serra, l’oasi naturalistica sulle pendici del vulcano.

Un progetto che è pure un atto d’amore per il patrimonio unico, prezioso, ma ancora non adeguatamente valorizzato, del Parco dell’Etna, istituzione che lo scorso 17 marzo ha festeggiato il trentennale della fondazione. Lo slancio creativo non è fine a se stesso. Ogni scatto, ogni video, ogni parola, ogni segno, ogni performance sono denuncia dello sfregio che la natura subisce dalla sconsiderata urbanizzazione e inno alla sua energia vitale, alla quotidiana lotta per sopravvivere al cemento, all’invasione di materiali che la mortificano.

La macchia mediterranea, il bosco di querce e la flora del Monte Serra saranno il suggestivo teatro a cielo aperto dello spettacolo che andrà in scena all’interno del parco suburbano il prossimo 22 aprile, alle 17,30. Tutto sarà elemento artistico: la luce naturale, le forme di vita che animano il palco diffuso, gli attori. La voce.

La voce della natura, quel “Paesaggio sonoro da fare emergere come parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni” su cui ha posto l’accento la Convenzione Europea del Paesaggio sottoscritta dagli Stati membri dell’UE nel 2000 a Firenze.

Il maestro Stefano Zorzanello ha realizzato delle originali installazioni elettro-acustiche. “Saranno disseminate lungo un percorso prestabilito all’interno del Parco Monte Serra – spiega il musicista e compositore vicentino – I dispositivi sono piccole macchine autosostenibili che utilizzano fonti di energia rinnovabile (solare, eolica, idraulica), interattive rispetto a parametri ambientali (luminosità, presenza di suono generato dall’ambiente e dai fruitori nell’ambiente). Piccole macchine in mezzo alla natura, dunque, che produrranno e riprodurranno suoni, modificandoli in modo sensibile, forniranno l’occasione per una riflessione ulteriore, che può scaturire dallo stupore dell’incontro inatteso, e dalla dimensione di una poetica della tecnologia come sistema fragile, anch’esso sistemico, un pensiero che invita all’ascolto e alla percezione estetica di quanto ci circonda”.

Lo spettacolo sarà l’approdo di un viaggio cominciato grazie al contributo della Regione Siciliana, che ha finanziato Natura Sonoris nell’ambito dell’accordo di programma quadro con la Presidenza del Consiglio dei Ministri “Giovani protagonisti di sé e del territorio”.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *