ODA, il Prefetto Riccio convoca i sindacati. Tanti i nodi da sciogliere

Vertice in Prefettura per chiarire le posizioni delle maestranze sui management contrapposti che da mesi si contendono l’Ente

CATANIA – Una riunione in Prefettura con le sigle sindacali per “esaminare le problematiche afferenti l’Ente”. Il nuovo capitolo della vicenda ODA – l’Opera Diocesana di Assistenza da mesi al centro di una “guerra” tra management contrapposti, il CdA guidato da Alberto Marsella e il Commissario Straordinario Adolfo Landi nominato dall’Arcivescovo Gristina – arriva con la convocazione dei sindacati da parte del Prefetto di Catania Silvana Riccio mercoledì 31 maggio. Tra le “crisi” trovate dal funzionario al momento del suo insediamento, quella dell’ODA è certo tra le più intricate.

I fatti sono noti. Mesi addietro l’Arcivescovo di Catania sciolse il Consiglio d’Amministrazione dell’Ente Diocesano nominando un Commissario nella persona dell’avvocato Adolfo Landi. Sul tavolo la situazione finanziaria dell’Ente, che impiega centinaia di professionisti e da anni è gravato da molti debiti. Al commissariamento di Gristina, tuttavia, il CdA si oppone innescando una querelle giudiziaria tutt’ora in corso. I due management si dicono entrambi perfettamente legittimati e possono contare su riconoscimenti ufficiali. Come raccontato da Tribù qualche settimana fa, infatti, al Registro delle Persone giuridiche in Prefettura risulta iscritto l’avvocato Landi, mentre il Consiglio di Amministrazione è iscritto al Registro delle Imprese della Camera di Commercio.

Una vicenda intricata, appunto, giocata tutta nella zona grigia tra il diritto canonico e quello italiano. Da settimane gli amministratori combattono a colpi di carte bollate per trovare una risoluzione nelle sedi competenti. Nel frattempo i dipendenti dell’Ente accusano gravi disagi, come quelli denunciati nei giorni scorsi relativamente al servizio di sicurezza voluto dall’Amministratore delegato Marsella. Altri lavoratori reputano invece legittimo il ruolo dell’Ad

Fin qui la storia. La convocazione delle sigle sindacali da parte del Prefetto Riccio, invocata giorni addietro dagli stessi lavoratori, dovrebbe servire a fare chiarezza sulle posizioni delle maestranze per cercare di arginare una crisi che rischia di condizionare il lavoro dell’Ente. Il vertice sarà coordinato dal Viceprefetto Domenico Fichera. Chissà che dopo la situazione non diventi più chiara. 

CONVOCAZIONE PREFETTO ODA

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *