Palermo, Pd senza simbolo con Orlando. Fi e Cp dicono sì a Ferrandelli

Comunali di primavera, si delineano le alleanze

PALERMO – Si delinea il quadro delle alleanze in vista delle Amministrative palermitane della prossima primavera.

La prima novità riguarda Leoluca Orlando. A differenza di cinque anni fa, il sindaco uscente potrà contare sull’appoggio del Pd. La segreteria nazionale dei dem ha dato infatti il via libera all’accordo con il sindaco uscente, che ha chiesto liste civiche a suo sostegno, senza simboli di partito, per le comunali di primavera a Palermo.

L’annuncio del vicesegretario Lorenzo Guerini è arrivato mentre la commissione provinciale Pd stava definendo il ‘listone Democratici e popolari’ dopo aver trovato l’intesa con le altre anime del centrosinistra, in particolare con i ‘Centristi per l’Italia’ di Casini e D’Alia. L’appoggio del Pd secondo Orlando “fornisce un grande contributo per la condivisione di un progetto in atto di rinnovamento della città e della politica, a servizio dei cittadini”.

L’accelerazione del Pd è giunta dopo che Orlando ancora una volta ha ribadito di non voler correre con simboli di partito o listoni unici puntando solo sulla natura civica del proprio impegno.

Tuttavia, nel Pd palermitano non mancano i malumori, anche perché la linea dettata da Roma suona come un commissariamento. “La prospettiva della lista civica non attiene al mission di un partito, ma a quella dei singoli”, ha tuonato il responsabile dell’organizzazione del Pd siciliano, Antonio Rubino chiedendo al segretario provinciale Carmelo Miceli “di convocare urgentemente la direzione”.

La seconda novità arriva dal centrodestra. Forza Italia e Cantiere popolare sosterranno il leader de I Coraggiosi, Fabrizio Ferrandelli. L’ex deputato regionale del Pd, dimessosi dall’Ars due anni fa in polemica con il governatore Rosario Crocetta, e già avversario del sindaco uscente Leoluca Orlando al ballottaggio del 2012 – aveva aperto all’accordo con i due partiti del centrodestra, chiedendo che rinunciassero al simbolo. Sulla questione sarebbe stato raggiunto un compromesso, da qui l’accordo.

Secondo il coordinatore siciliano degli azzurri Gianfranco Miccichè e il leader del Cantiere popolare Saverio Romano “Leoluca Orlando, che si ricandida a succedere a se stesso, “vende una storia che non c’è: quella sua è intrisa di politica e molto spesso non è stata buona politica. Dire no ai partiti, più che un’abiura, appare come una catarsi che vive nel momento del declino della sua esperienza . Ognuno di noi è quello che è stato. Può essere diverso, forse, in futuro ma non nel presente, cercando di camuffare ciò che porta dietro di sé. Apprezziamo invece il tentativo di chi, come Ferrandelli, nonostante un percorso articolato e differente dal nostro, si mostra intenzionato ad unire le forze per un progetto nuovo per la città e non esclude quella buona politica, indicandola come una prospettiva politica – popolare ed europea – che ci piace e sulla quale intendiamo lavorare”.

Da parte sua Ferrandelli ha espresso apprezzamento “per le parole dei leader delle forze politiche che si riconoscono nell’area popolare Europea. Insieme a loro, ai coraggiosi, alle cittadine ed ai cittadini palermitani e alle forze politiche che lo vorranno, continueremo a costruire il progetto politico per governare la nostra città. Sarà responsabilità condivisa stabilire con quale forma presentarsi alle elezioni nel rispetto di tutte le sensibilità”.

Definiti gli schieramenti, saranno dunque tre i principali competitor per la poltrona più alta di Palazzo delle Aquile. Fra Orlando e Ferrandelli, il terzo incomodo è  il fondatore di Addipizzo, l’avvocato Ugo Forello, candidato del M5s che ieri ha aperto di fatto la campagna elettorale in piazza Politeama con al fianco lo stato maggiore grillino siciliano e il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio.

In campo anche Ciro Lo Monte di Siciliani Liberi, Ismaele La Vardera, che ha incassato l’appoggio da Noi con Salvini e Toni Troja sostenuto dal suo movimento.

 

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *