Palermo, Ugo Forello è il candidato sindaco M5s

Ha ottenuto 357 voti, mentre lo sfidante Igor Gelarda 233

PALERMO – E’ Ugo Forello il candidato sindaco di Palermo del MoVimento 5 Stelle. Avvocato, 40 anni, ha vinto le Comunarie on line tra gli attivisti palermitani ottenendo 357 voti, precedendo il poliziotto Igor Gelarla che si è fermato a 233 preferenze.

Le votazioni online sulla piattaforma Rousseau degli iscritti certificati dei Cinquestelle, iniziate alle 10, si sono chiuse alle 19. In corsa c’erano solo due dei cinque candidati iniziali. Secondo i dati diffusi dal blog di Beppe Grillo, hanno partecipato alla votazione 590 iscritti palermitani M5S certificati.

“Sento il dovere – scrive il vincitore delle Comunarie  sul suo profilo Facebook – di ringraziare tutti gli attivisti palermitani per la grande fiducia manifestata nei miei confronti. Essere scelto dai cittadini come candidato sindaco della nostra amatissima Palermo è un onore e in questo momento sono davvero emozionato per la responsabilità di cui avete investito me e tutti gli altri candidati al consiglio comunale. Vorrei ringraziare tutti i Meetup di Palermo per il lavoro svolto soprattutto in questi ultimi mesi e per aver creduto fino alla fine in questo percorso”.

Forello dopo aver rivolto “un pensiero a Igor Gelarda, che con me ha affrontato la selezione finale” si dice “consapevole che già tanto è stato fatto, ma sono altrettanto certo che la vera partita comincia adesso”. “Il MoVimento – prosegue –  si aprirà ancora di più al territorio, chiedendo il contributo a tutti i palermitani che vorranno farsi protagonisti di un cambiamento culturale, sociale ed economico della nostra città”.

Infine, l’avvocato rivolge un ringraziamento “al garante del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, e a Davide Casaleggio per il segnale importante che hanno saputo dare in questi mesi molto difficili, dando fiducia alla nostra città e ai tanti palermitani onesti che sognano una città migliore”.

Si chiude così la travagliata fase delle Comunarie che, tra accuse e polemiche interne, ha visto con il passare delle settimane assottigliarsi il lotto degli sfidanti. Dopo il passo indietro di Tiziana Di Pasquale, Giulia Argiroffi e Giancarlo Caparrotta, la sfida si è appunto ristretta a Forello e Gelarda.

Le Comunarie si erano aperte nei giorni scorsi con la votazione on line per la composizione della lista dei candidati al consiglio comunale, che risulta composta da 27 candidati, e non da 40 numero massimo consentito, per effetto dell’alternanza uomo-donna previsto dalla doppia preferenza di genere della legge elettorale per gli enti locali in Sicilia.

Questa fase è stata resa in casa grillina ancor più elettrizzante per l’inchiesta sulle cosiddette “Firme false”, che  coinvolge 13 persone: parlamentari nazionali e regionali del movimento, attivisti e un cancelliere del tribunale di Palermo. Proprio ieri, i periti incaricati dalla Procura hanno consegnato la consulenza grafica, attestando che  le firme false sono circa 200.

“Mi definirei avvocato – si legge nel curriculum di Forello – per passione e per vocazione. Vedo nell’attività legale, libera ed indipendente da tutto e da tutti, un importante strumento per tutelare i diritti della persone più deboli e per contribuire a far crescere la legalità e il senso dell’etica. L’essenza del mio “essere avvocato” risiede nell’interpretare il diritto come limite al potere e difesa della libertà e dell’uguaglianza dei cittadini e non già come strumento d’oppressione”.

“La mia esperienza, infatti, si è sviluppata principalmente nel campo della difesa in giudizio (sia penale che civile) delle persone offese da reato e nel settore del diritto civile e amministrativo, a supporto di cittadini e imprese che subiscono ingiuste compressioni o privazioni dei propri interessi o diritti. Ho co-fondato nel 2004 dell’Ass. Comitato Addiopizzo e, più in generale, mi definirei un cittadino che crede nell’importanza delle relazioni umane e nel valore del bene comune, inteso nella sua utilità funzionale all’esercizio dei diritti fondamentali nonché al libero sviluppo della persona”, conclude Forello.

Immediati i commenti sui social. Giampiero Trizzino, deputato Cinque stelle all’Ars, scrive sulla sua pagina Facebook: “Ugo è un avvocato stimato in città, da sempre attivo per la difesa dei diritti civili. Sono certo che con lui, il Movimento 5 Stelle di Palermo ha tutte le carte in regola per vincere questa partita. Una cosa è certa però, da oggi ogni polemica va messa da parte e dobbiamo correre insieme verso un obiettivo comune, riprenderci Palermo”.

“Ugo è il risultato di una selezione iniziata quasi un mese fa e che ha visto “gareggiare” più di 100 candidati”, scrive sulla sua pagina Facebook, Giancarlo Cancellieri, big dei 5 Stelle siciliani.  “Ma adesso – aggiunge il candidato in pectore M5s a governatore – c’è una città da ricostruire e servirà l’aiuto di tutti. Un ringraziamento speciale va a Igor Gelarda che ha partecipato fino in fondo a questa bellissima avventura e che ora, insieme agli altri candidati, avrà la possibilità di continuare a lavorare per il bene di questa città. Palermo è magnifica, e sono convinto che questa squadra sarà in grado di farla rinascere. Avanti tutta”.

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *