Sicilia: bambini vaccinati o niente scuola

Catania e Messina pericolosamente ultime. Gucciardi: “Serve obbligo”. IL SONDAGGIO

Dal prossimo anno, ai bambini siciliani non vaccinati sarà impedita l’iscrizione all’asilo nido, alla materna e a tutti i servizi ricreativi. Il disegno di legge, presentato dall’assessorato regionale alla Salute, potrebbe essere approvato all’inizio della prossima settimana.

Una manovra che ha suscitato reazioni differenti nel mondo genitoriale. C’è chi si appella all’anticostituzionalità di un trattamento sanitario imposto e chi, invece, la ritiene una legge giusta in difesa dei più piccoli. I dilemmi sono tanti tra chi cerca informazioni sul tema. Numerosi, almeno, quanto gli scontri tra la medicina ‘ufficiale’ e quella ‘alternativa’.

Alla base della polemica, secondo l’assessore al ramo Baldo Gucciardi, ci sarebbe solo una “cattiva informazione”.

In Sicilia, “l’indice delle vaccinazioni si è abbassato pericolosamente“, spiega l’assessore regionale. Catania e Messina, le ultime della classe. Per questo, il nuovo ddl renderà obbligatorio l’intero calendario vaccinale. “I due consigliati sono importanti quanto quelli obbligatori – continua Gucciardi – perché le malattie infettive aumentano. Questo accade quando la soglia dei bambini vaccinati in Sicilia si aggira intorno al 53%”.

Secondo il ministero, invece, per evitare il riaffiorare di alcune malattie che sembravano sconfitte, dovrebbe esserci una copertura del 95%. Oltre alla materna, che sarebbe scuola dell’obbligo, anche per sedere tra i banchi degli istituti elementari, sarà necessaria la certificazione. Così, i bambini senza profilassi verranno distribuiti nelle classi dove tutti gli altri potranno fungere da “cordone protettivo”.

Dopo l’approvazione di una manovra gemella in Emilia Romagna, ci si chiede: perché non c’è ancora un piano sanitario nazionale unico? Non è paradossale che due regioni vicine possano agire diversamente?

E’ per questo che abbiamo chiesto all’assessore Gucciardi se la sua manovra sia stata concordata con il ministro Beatrice Lorenzin. “Non ho sentito il ministro, ma ricorderà il suo parere sulla stessa legge approvata in Emilia Romagna. D’altronde – continua – anche il presidente della Repubblica, negli scorsi giorni, ha ricordato l’importanza delle vaccinazioni”.

“I vaccini hanno cambiato la storia del mondo e della medicina risparmiando milioni di morti in 60-70 anni – ha concluso Gucciardi – con delle evidenze scientifiche certe: non sono dannosi”. Il confronto con i più scettici, di certo, non finisce qui.

 

SEI D'ACCORDO CON LA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA?

  • SI 100%, 4 voti
    4 voti 100%
    4 voti - 100% of all votes
  • NON LO SO 0%, 0 voti
    0 voti
    0 voti - 0% of all votes
  • NON LO SO 0%, 0 voti
    0 voti
    0 voti - 0% of all votes
Totale Voti: 4
10/12/2016 - 17/12/2016
Voto terminato
Archivio Sondaggi

Articoli correlati

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *