Dopo la Sicilia il M5s vince ad Ostia: Di Pillo batte il centrodestra 60 a 40

A due settimane dalla sconfitta alle Regionali siciliane, il Movimento Cinque Stelle trova il risultato positivo nelle elezioni per il rinnovo delle X Municipalità del Comune di Roma

Ostia

ROMA – Dopo le Regionali siciliane perse con il centrodestra due settimane fa, il Movimento Cinque Stelle trova il risultato positivo nelle elezioni per il rinnovo delle X Municipalità del Comune di Roma. A Ostia vince la candidata presidente dell M5s Giuliana Di Pillo, con il 60% di voti a fronte del 40% raccolto dall’avversaria Monica Picca. Crollo dell’affluenza che ieri si è attestata al 33,6%, in calo di oltre due punti rispetto al primo turno.

Il popoloso Municipio romano, interessato nelle ultime settimane da tensioni e da alcuni episodi di violenza ad opera di soggetti della mala locale, sceglie di affidarsi ai pentastellati in continuità con la città di Roma, retta da Virginia Raggi. E proprio la Giunta Raggi raccoglie parte del successo della Di Pillo, che nel “discorso” della vittoria ha sottolineato come il risultato sia frutto della buona amministrazione pentastellata della Capitale.

“È La vittoria di tutti i cittadini e della voglia di rinascita. Da domani inizierò a rimboccarmi le maniche per dare fiducia a tutti quei cittadini che ora sono disamorati”, ha scritto la Di Pillo su Twitter al momento della vittoria. “I cittadini tornano protagonisti. Brava Giuliana Di Pillo! I romani sono con noi e per il cambiamento”, ha ribadito il sindaco di Roma Virginia Raggi. Soddisfazione anche da parte del capo politico e candidato premier del Movimento Luigi Di Maio: “I cittadini del decimo municipio di Roma hanno deciso di affidare a Giuliana Di Pillo il Governo del loro territorio – scrive su Facebook il vicepresidente della Camera – Sarà un ruolo importante per continuare l’azione di Virginia Raggi, della sua giunta e della sua maggioranza”.

“Complimenti al gruppo per l’impresa – ha proseguito Di Maio – Complimenti, perché dopo un anno e mezzo di demonizzazione della Giunta Raggi continuiamo a vincere a Roma, come abbiamo vinto qualche mese fa nel terzo comune più grande del Lazio, adiacente alla capitale, Guidonia. Ostia dimostra anche che siamo capaci sia di battere la cosiddetta sinistra che la cosiddetta destra, anche quando sono al massimo della loro forza e coalizzate. In questo caso erano 5 liste di centrodestra tra cui Forza Italia, Noi con Salvini e Fratelli d’Italia, ma neppure tutti insieme ce l’hanno fatta”.

“All’idroscalo, dove sono rappresentati i voti di Casapound, noi abbiamo perso e loro hanno guadagnato circa mille voti”, ha detto polemicamente la candidata sconfitta del centrodestra, Monica Picca. Che alla domanda sulla possibilità che il voto del clan Spada sia andato alla Di Pillo ha risposto: “Penso proprio di sì”. 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *