Silvana Riccio è il nuovo prefetto di Catania

La nomina del consiglio dei Ministri

CATANIA – Il Consiglio dei ministri, convocato oggi a Palazzo Chigi, ha nominato il nuovo prefetto di Catania. A prendere il posto di Maria Guia Federico sarà un’altra donna: Silvana Riccio.

Napoletana, a soli 26 anni arriva prima al concorso per la carriera prefettizia e raggiunge l’importante traguardo di prefetto nel 2007, anno in cui ricoperto il ruolo di direttore dell’Ufficio dell’alto commissario per il contrasto della corruzione e delle alte forme di illecito nella pubblica amministrazione. E’ stata prefetto di Rieti (2008) e poi di Piacenza (2010). Ha ricoperto anche la carica di direttore generale per l’organizzazione dei servizi del territorio del ministero della Pubblica istruzione (2001)  ed è stata consulente del presidente della Regione Toscana per le materie relative alla gestione del personale e la contrattazione del personale (2003). Nel 2000 è stata capo della segreteria tecnica del sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio. E’ stata anche direttore generale del Comune di Napoli (2012) e commissario straordinario nei comuni di Catanzaro, Colleferro e di San Cipriano d’Aversa (sciolto per Gomorra). Prima di essere nominata prefetto, Silvana Riccio é stata viceprefetto vicario e capo di gabinetto della Prefettura di Roma (2006).

Tra gli incarichi ricoperti anche quello di presidente della commissione straordinaria di Casal di Principe da quando il Comune è stato sciolto per camorra, il 17 aprile del 2012. “Io sono un prefetto di frontiera. La scommessa è riportare alla normalità l’attività amministrativa. Fornire l’erogazione dei servizi fondamentali come l’acqua al territorio diventa l’obiettivo sul quale si misura la credibilità dello Stato”, raccontava al quotidiano La Stampa nel 2014.

LE REAZIONI DEL MONDO POLITICO  –  “Oggi è una giornata importante per Catania: la nomina del nuovo Prefetto, Silvana Riccio, ci lascia ben sperare per il futuro della nostra città, che in questi ultimi anni ha conosciuto una stagione in cui non sono mancate le opacità nella gestione di molte vicende importanti, dal Cara di Mineo all’appalto per i rifiuti”. Lo afferma il parlamentare nazionale del Partito Democratico, Giuseppe Berretta, commentando la nomina del nuovo prefetto di Catania.

In questi anni ho chiesto con insistenza che importanti atti adottati dalla Prefettura di Catania fossero trattati con assoluta trasparenza, in particolare in riferimento ai compensi ai commissari della Oikos stabiliti dall’ormai ex Prefetto Maria Guia Federico. Ma anche sulla delicatissima questione del Cara di Mineo, al centro delle inchieste giudiziarie di tre Procure, ho sempre sperato che il Prefetto Federico assumesse interventi più decisi per chiudere definitivamente con il passato”.

“Oggi quindi è una bella giornata per Catania – conclude Berretta – I miei auguri di buon lavoro al nuovo Prefetto: sono certo che Silvana Riccio, con le sue esperienze anche in luoghi particolarmente difficili, saprà essere una ‘guida’ importante per la nostra città, nel segno della legalità”.

Il sindaco di Catania Enzo Bianco, invece, ha rivolto il proprio benvenuto a Silvana Riccio esprimendo un sentito ringraziamento a Maria Guia Federico “che ha guidato con mano ferma Catania rispondendo sempre con estrema celerità alle esigenze di sicurezza e alle emergenze sociali della città, da sindaco e da cittadino le sono particolarmente grato”. Il prefetto uscente è stata trasferita a Campobasso.

Interviene anche l’europarlamentare di Forza Italia Salkvo Pogliese: “Esprimo il mio benvenuto e i migliori auguri di buon lavoro al nuovo Prefetto di Catania Silvana Riccio, la sua professionalità e grande esperienza maturata in territori difficili sono certo saranno preziosi per la nostra città che oggi più che mai ha necessità di percepire forte e decisa la presenza dello Stato nelle sue strade”.

Articoli correlati

1

  • Si dice Prefetta, Prefetta, Prefetta. Qunte volte ve lo deve ripetere la terza carica dello Stato: Laura Boldrini ??

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *