Fiumefreddo a tutto campo: “Cancelleri ha preso un colpo di sole. La Regione? E’ ancora ferma al palo”

9 agosto 2017 - 9 agosto 2018. Un anno dopo la (finta) liquidazione votata all'ARS l'ex Amministratore unico di Riscossione Sicilia torna a parlare 

9 agosto 2017 – 9 agosto 2018. Un anno dopo la (finta) liquidazione di Riscossione Sicilia l’ex amministratore unico Antonio Fiumefreddo torna a parlare. In un’intervista nella quale affronta, oltre alla questione della società di riscossione ferma al palo e tuttora senza governance, anche i sommovimenti della politica siciliana in un’estate troppo calda non solo per il termometro,

Giunta, B. con il 16% dei voti si prende il 40% delle poltrone

In Sicilia FI cinge d'assedio il governatore e incassa cinque assessorati su dodici. A cui andrebbe ancora aggiunta la poltrona di presidente dell'ARS a cui punta Micciché

PALERMO – Doveva essere il primo presidente scelto dal popolo superando i diktat dei partiti. Sopratutto di quello di Arcore, che nella quarta età di Silvio Berlusconi si mostra incredibilmente vitale. In Sicilia Forza Italia cinge d’assedio Nello Musumeci e incassa ben cinque assessorati su dodici. Oltre il 40% dei posti di governo a fronte del 16% raccolto alle

Strappi, ferite e querele: il centrodestra unito già litiga

Malumori e tatticismi sembrano dilaniare la coalizione accreditata di vittoria secondo i sondaggi. Tensione in FI dopo lo scontro Musumeci-Armao

centrodestra

Proviamo per un attimo a riassumere. Il vicepresidente e Assessore al Bilancio designato della coalizione di centrodestra, il professor Gaetano Armao, ha scelto di non candidarsi all’ARS in risposta alla decisione di Nello Musumeci di non inserirlo nel listino con coloro che accompagneranno automaticamente il presidente in aula in caso di vittoria

Armao contro Musumeci e il listino dei “saltafossi”

Il leader dei "Siciliani indignati" attacca il candidato del centrodestra. La mia esclusione dal listino è una sua responsabilità. Da oggi quel modello di ticket cambia: io resto candidato vicepresidente e assessore all'Economia"

PALERMO – “La scelta di escludermi dal listino è di Musumeci, sua è la responsabilità politica, giuridica e istituzionale. Il resto, se siano stati i partiti o chissà cosa a incidere non lo so, è alchimia”. Non usa giri di parole Gaetano Armao rispondendo ai cronisti durante una conferenza stampa a Palermo, durante la quale il

Centrodestra, tutti con Musumeci (anche i cuffariani)

Il leader di #DiventeràBellissima sarà affiancato da Gaetano Armao e Roberto Lagalla. Ecco tutti i nomi della coalizione 

centrodestra

La sospirata ufficialità è finalmente arrivata. Sarà Nello Musumeci il candidato di una larga coalizione di centrodestra, in un ticket “doppio” con il leader dei Siciliani Indignati Gaetano Armao – indicato come futuro Assessore all’Economia – e con Roberto Lagalla, capo della lista IdeaSicilia e Assessore designato alla Cultura.

Veti, trame e tattiche: partiti lacerati sui candidati

Un'altra settimana di campagna elettorale è volata via senza che centrodestra e centrosinistra siano riusciti ad individuare il proprio candidato

Palazzo d’Orleans val bene una Messa. Ma non sembrano esserci santi in paradiso per le candidature di centrodestra e centrosinistra, con un’altra settimana di campagna elettorale volata via senza che i partiti siano riusciti ad individuare il proprio candidato. Al contrario: non appena la quadra sembra a un passo, e il nome sembra essere stato trovato, le circostanze si adoperano per complicare la situaTrazione e imbrigliare la politica nel giogo del tatticismo e dei veti incrociati

A rischio il 5 novembre: il voto potrebbe slittare

Nessuna traccia della convocazione dei comizi elettorali da parte del Presidente della Regione. E ai partiti - ancora in cerca dei candidati - potrebbe convenire uno slittamento al 12 novembre

5 novembre

Il dies irae della politica siciliana potrebbe non essere il 5 novembre. Ovvero la data di convocazione delle elezioni annunciata mesi fa dal Presidente Rosario Crocetta, sulla quale i principali schieramenti avevano sincronizzato gli orologi per la campagna elettorale. Che però stenta a partire, viste le difficoltà di centrosinistra e centrodestra a trovare il proprio candidato.

PD verso Micari, Berlusconi tentato da Armao

Una giornata di illusioni, quella di ieri, sul fronte del toto candidature di centrosinistra e centrodestra, ancora lontani dall'aver trovato il nome

micari

Per qualche istante il cavallo vincente sembrava essere stato individuato: il Rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari trovava il non scontato accordo tra Partito Democratico, Alternativa Popolare e orlandiani, portando qualche giornale a parlare di “accordo fatto” e partita chiusa; nelle stesse ore ad Arcore veniva ribadita la fiducia di Berlusconi in un’altro accademico, il professor Gaetano Armao, con una chiusura decisa del Cavaliere su Nello Musumeci.

Attaguile al centrodestra: ‘Tutti con Musumeci o noi da soli’

Il segretario di Noi con Salvini già nei mesi scorsi aveva annunciato la propria candidatura se lo schieramento non fosse arrivato ad esprimere un nome unico

attaguile

Sulla spaccatura del centrodestra siciliano in vista delle elezioni Regionali del prossimo 5 novembre interviene il segretario nazionale di Noi con Salvini Angelo Attaguile. Per ribadire che il sostegno della “lega nazionale” all’ex Presidente della Provincia di Catania arriverà soltanto se la candidatura sarà condivisa da tutto lo schieramento

Storace a Berlusconi: “In Sicilia sostieni Musumeci”

Il video-messaggio dell'ex leader de La Destra al Cavaliere sullo sfondo del mare siciliano: "In cuor tuo sai che Nello è la scelta giusta per le Regionali". E propone il ticket con Armao

Storace

  “Ciao Silvio, ma ‘sto mare così lo vuoi davvero lasciare in mano ai grillini, dopo cinque anni di disastri di Crocetta?”. Inizia così la video-lettera di Francesco Storace a Silvio Berlusconi, in diretta da una spiaggia siciliana dove l’ex segretario de La Destra sta godendosi la settimana di Ferragosto. Un momento di relax con