Bagheria, nonno e nipote di sei anni gestivano il parcheggio abusivo

Quando poliziotti ed agenti della Municipale sono giunti nel parcheggio hanno sorpreso il bimbo a chiedere i soldi agli automobilisti, indicandoli improvvisati stalli

BAGHERIA – La Polizia di Stato ha sequestrato una vasta area trasformata in parcheggio abusivo in via “Donne vittime della violenza”, a Bagheria, nel palermitano. Il sequestro è la conseguenza di un accesso ispettivo effettuato dai poliziotti del Commissariato di Bagheria, con personale della Polizia Municipale. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, una famiglia di pregiudicati da

Usura, prestiti a tassi oltre il 360%: madre e figlia in manette a Bagheria

Le due donne, di 69 e 43 anni, sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese per usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria

BAGHERIA (PALERMO) – Due donne, madre e figlia, D.S.A. e M.V.,  di 69 e 43 anni, sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese (Pa) per usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. L’indagine – denominata “The family business” e coordinata dalla Procura di Termini Imerese – ha portato alla luce l’esistenza di un diffuso giro di

Rapine violente in casa di anziani: 4 arresti nel palermitano

I carabinieri di Bagheria hanno fatto luce su una serie di rapine violente commesse ad Altavilla Milicia  tra luglio e settembre scorsi

BAGHERIA (PALERMO) – Fatta luce su una serie di rapine violente commesse ad Altavilla Milicia (Pa) tra luglio e settembre scorsi ai danni di anziani. I militari del Comando Compagnia Carabinieri di Bagheria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP di Termini Imerese, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei

Bagheria, sorpreso a lanciare sassi contro i treni in transito: denunciato 15enne

Il ragazzino, già pregiudicato, è stato fermato dagli agenti della Polfer nei pressi della stazione. I raid andavano avanti da un mese

BAGHERIA (PALERMO) – Il suo passatempo preferito era lanciare sassi contro i treni in transito lungo la tratta ferroviaria tra le stazioni di Roccella e Bagheria, nel palermitano. L’autore è S.E., un quindicenne pregiudicato di Bagheria che è stato identificato dalla Polizia Ferroviaria di Palermo Centrale che ha predisposto servizi di scorta treno per porre fine ai

Palermo, accoltellò un giovane durante una festa: 24enne arrestato dalla Mobile

I fatti sono avvenuti ad agosto nella frazione di Santa Flavia. La vittima fu operato d’urgenza, per una ferita profonda al fegato

PALERMO – La Squadra Mobile di Palermo ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in Carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, nei confronti di D.M.E., 24enne residente a Bagheria per tentato omicidio. L’episodio è avvenuto lo scorso 26 agosto durante una festa privata in una villetta della frazione di Santa Flavia. Le indagini sono scattate subito dopo

Blitz antimafia a Bagheria: nomi e foto dei 16 arrestati

Sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso

BAGHERIA – E’ di 16 persone arrestate il bilancio dell’operazione antimafia “Nuova Alba” del Comando provinciale di Palermo nei confronti di presunti esponenti del mandamento mafioso di Bagheria. LEGGI L’ARTICOLO In manette anche il boss Pino Scaduto, che avrebbe ordinato al figlio di uccidere la sorella perchè avrebbe avuto una relazione con un maresciallo dei

E il boss di Bagheria ordinò al figlio di uccidere la sorella

Tra gli arrestati dell'operazione "Nuova alba" che stamattina ha visto finire in manette 16 persone anche Pino Scaduto, già coinvolto nell’operazione “Perseo” del 2008

Scaduto

PALERMO – Era stato arrestato nel 2008 nell’ambito dell’operazione “Perseo”, che aveva decapitato i vertici delle cosche di Palermo e provincia. Da qualche tempo Giuseppe Scaduto detto “Pino”, padrino di Bagheria, era tornato in libertà. Pochi mesi sufficienti perché il vecchio boss cominciasse a riprogettare la Commissione provinciale di Cosa nostra. E’ quanto hanno scoperto gli uomini

La coca argentina per la movida di Palermo: nomi e foto dei 12 arrestati

Secondo gli inquirenti a capo del gruppo criminale ci sarebbe Nicolò Testa, presunto  capo della famiglia mafiosa di Bagheria, che fa parte del mandamento di Villabate

PALERMO – Dodici persone sono state arrestate dai Carabinieri di Palermo tra il capoluogo siciliano, Roma, Bagheria e Tolmezzo (Ud). Sono accusate di aver gestito un traffico internazionale di cocaina con l’Argentina. I carabinieri hanno scoperto che la polvere bianca arriva dal Paese sudamericano, per poi essere lavorata a Bagheria e infine venduta soprattutto nei locali

Traffico di cocaina tra Bagheria e l’Argentina: 12 arresti

Al vertice del gruppo, Nicolò Testa, ritenuto il capo clan di Bagheria. La droga veniva poi spacciata nei locali notturni delle province di Palermo e Trapani 

PALERMO – Dodici persone sono state arrestate dai Carabinieri di Palermo tra il capoluogo siciliano, Roma, Bagheria e Tolmezzo (Ud). Sono accusate di aver gestito un traffico internazionale di cocaina con l’Argentina. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state emesse dal GIP di Termini Imerese ,su richiesta della Procura della Repubblica di quel Tribunale. Tra i

Operazione Panta Rei, nuovo colpo alle famiglie mafiose di Palermo e Bagheria

In manette Salvatore Mulè, accusato di avere diretto e organizzato la famiglia mafiosa di Palermo Centro, e Carmelo D'Amico, ritenuto affiliato al clan di Bagheria

PALERMO – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Salvatore Mulè, di 47 anni (a destra nella foto), e Carmelo D’Amico , di 48. Il provvedimento