Scialfa, addio a Bianco per candidarsi in Forza Italia?

Se la corsa con FI venisse confermata, saremmo di fronte all'ennesimo esempio di una politica spregiudicata e arrivista pronta a tutto per una poltrona

CATANIA – Dimissioni dall’incarico di Assessore comunale in vista della candidatura alle elezioni per il Parlamento del prossimo 4 marzo. E fin qui, niente di nuovo in politica. Ma nell’addio di Valentina Scialfa alla Giunta di Enzo Bianco vi sarebbe un dettaglio non da poco. Come ripetono da alcuni giorni i ben informati, le dimissioni della

Stefano Parisi a tutto campo sul centrodestra siciliano: “Errore chiedere al PD i voti per Micciché”

Intervista esclusiva al leader di Energie PER l'Italia, che all'indomani delle Regionali siciliane non nasconde le perplessità sull'avvio della Legislatura

Parisi

MILANO. Nel 2016 è stato il primo a riunire intorno a sé il centrodestra per le Amministrative milanesi, perse per un soffio con il candidato del PD Beppe Sala. Dal giorno dopo si è messo a girare l’Italia con tre lampadine nel logo e in testa l’idea di un centrodestra diverso. Per molti è l’ennesimo “delfino” di

Nelle carte di Falcone un appunto su Berlusconi

Ordinando alcuni incartamenti nell'ufficio del giudice, l'ex assistente si è imbattuto nell'appunto sui rapporti tra Berlusconi e i magiosi Cinà e Mangano

PALERMO – Mentre l’opinione pubblica si divide sulla vicenda di Marcello Dell’Utri – detenuto per concorso in associazione mafiosa, cui il giudice di Sorveglianza ha negato la sospensione della pena per motivi di salute – un nuovo elemento su presunti rapporti tra mafia, imprenditoria e politica arriva da Palermo, e precisamente dalla carte di Giovanni Falcone.

Vittorio Sgarbi, Assessore alla Cultura entra ed esci

L'eclettico critico d'arte, noto per le sue intemperanze e le molte peripezie televisive farà parte della Giunta che Musumeci dovrebbe presentare a giorni

Sgarbi

PALERMO – Un Assessore entra ed esci. Sarà questo Vittorio Sgarbi, responsabile designato dei Beni Culturali in Sicilia. L’eclettico critico d’arte, noto per le sue intemperanze e le molte peripezie televisive (spesso di dubbio gusto), farà parte della squadra di Governo che Nello Musumeci dovrebbe presentare in settimana. Il nome di Sgarbi, al momento, è tra

Regionali, i candidati strumentalizzano persino Dio

Una campagna elettorale tra le peggiori della storia, per carenza di contenuti e abbondanza di insulti, non poteva avere epilogo più (in)degno

Dio

CATANIA – Prima il comizio improvvisato del candidato del centrosinistra Fabrizio Micari e del suo grande elettore Leoluca Orlando dal pulpito della chiesa di Maria Santissima delle Grazie, in corso dei Mille a Palermo. Poi i proclami urlati da Nello Musumeci sul palco delle Ciminiere di Catania, secondo cui Dio sarebbe con il centrodestra contro gli

Catania, Berlusconi senza idee ritira fuori il Ponte

Il Cavaliere alle Ciminiere per sostenere il candidato del centrodestra Nello Musumeci ritira fuori il programma di vent'anni fa. E spera nel successo alle Regionali per rilanciarsi sulla scena  

CATANIA – Quando Carlo Conti sale sul palco della grande sala delle Ciminiere, introdotto dal coordinatore provinciale di Forza Italia Salvo Pogliese, persino i berluscones più scafati restano sorpresi. Lo smarrimento dura pochi secondi, finché la telecamera zooma sull’uomo rivelando un Silvio troppo abbronzato persino per i suoi standard. Il Cavaliere è a Catania per la

Catania, Matteo Salvini non riempie la sua piazza. Dubbi sul risultato della lista con Fratelli d’Italia

Il segretario della Lega parla dal palco di piazza Teatro per sostenere Nello Musumeci. Entusiasmo tra i sostenitori, ma la lista potrebbe non farcela

CATANIA – “Io la faccia ce la metto. E su di lui ci scommetto”. Il segretario della Lega Matteo Salvini parla dal palco di piazza Teatro per sostenere Nello Musumeci. Sono le nove e passa di un giovedì massacrante in cui il centrodestra ha fagocitato Catania. Nel primo pomeriggio Giorgia Meloni ha incontrato i suoi

Catania, i “morti” portano Berlusconi, Meloni e Salvini

Ieri il Cavaliere ha arringato il suo popolo dal palco del teatro Politeama di Palermo. Oggi replica a Catania, dove sono presenti anche i leader di Lega e Fratelli d'Italia

CATANIA – Ai tempi dell’ultima visita, durante la campagna elettorale per le politiche del 2008, Silvio Berlusconi era ancora il dominus della politica italiana e si preparava a tornare al governo per la terza volta. E la città ai piedi dell’Etna, amministrata dal medico-erborista Umberto Scapagnini, avrebbe portato il suo degno contributo al trionfo elettorale

Stragi ’93, Berlusconi e Dell’Utri indagati a Firenze

Con l'ex premier è indagato anche l'ex senatore Marcello Dell'Utri, che sconta in carcere una condanna a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa 

Stragi

PALERMO – L’ex premier Silvio Berlusconi è indagato a Firenze come “mandante occulto” delle stragi mafiose del 1993. Alla base della decisione dei magistrati fiorentini, che hanno riaperto un fascicolo chiuso nel 2011, le intercettazioni del boss Giuseppe Graviano che racconta di presunti collegamenti con il leader di Forza Italia. Con Berlusconi è indagato anche l’ex

Berlusconi ci ripensa: sarà a Catania il 2 novembre

Dopo i tira e molla della scorsa settimana, secondo le agenzie di stampa giovedì 2 novembre il leader azzurro sarà ai piedi dell'Etna per una convention in sostegno di Nello Musumeci

CATANIA – Sì, no, forse. Se la salute politica di un leader si misurasse dalla sua capacità di cambiare programma in corsa, Silvio Berlusconi sarebbe ancora il numero uno. Dopo i tira e molla della scorsa settimana, con l’incontro di sabato 28 alle Ciminiere di Catania spostato per motivi d’agenda, e la tappa di Palermo dell’indomani rinviata