Fava all’attacco su Li Destri: “Candidatura inopportuna, Cancelleri spieghi”

Ad andare all'attacco dei Cinque Stelle sul caso del candidato cugino di un imputato per mafia è l'aspirante governatore della sinistra

Li Destri

PALERMO – “Questa mattina abbiamo appreso di un’ordinanza di rinvio a giudizio di un processo in corso riguardante Giacomo Li Destri, arrestato nell’operazione ‘Black Cat’, a cui viene contestata l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Si tratta del cugino di primo grado di un candidato dei Cinque stelle a Palermo. Credo sia importante che i siciliani

Caso Li Destri, tutti i “buchi” nella difesa del candidato sui rapporti con il cugino sotto processo per mafia

L'imprenditore in corsa nel collegio di Palermo aveva affermato di non parlare con il cugino da trent'anni. Ma le carte dell'operazione "Black cat" sembrano smentirlo

Li Destri

PALERMO – Con il cugino imputato per mafia assicura di non avere rapporti da anni. Ma Giacomo Li Destri, imprenditore edile di Caltavuturo candidato all’ARS con il M5s, con la mafia delle Madonie ci avrebbe avuto lo stesso a che fare. Come vittima di estorsione, pagando il pizzo e “mettendo a posto” le cose con i clan. E’

Il dovere di fare domande (anche al M5s)

Ha provocato una consistente reazione di pubblico, ieri, la notizia rilanciata da Tribù sulla parentela tra un candidato Cinque Stelle all'ARS e un soggetto imputato per mafia. I vertici del Movimento erano stati messi a conoscenza?

Ha provocato una consistente reazione di pubblico, ieri, la notizia rilanciata da Tribù sulla parentela tra un candidato Cinque Stelle all’ARS e un soggetto imputato per mafia. Come riportato dal Giornale, l’imprenditore Giacomo Li Destri – incensurato, in corsa con il M5s nel collegio di Palermo e già costruttore della “via dell’onestà” finanziata dal Movimento ai

Li Destri, un “impresentabile” anche nelle liste di Cancelleri?

Il cugino omonimo di Giacomo Li Destri, candidato nel M5s, è imputato nel processo alla mafia delle Madonie scaturito dall'operazione "Black cat" del 2015. Per lui, nel luglio scorso, è stata chiesta una condanna a 14 anni

Li Destri

PALERMO – Ad accusarlo di doppia morale, durante il confronto televisivo andato in onda ieri dalla Annunziata su Rai 3, era stato Nello Musumeci. Per difendersi dall’assedio sugli “impresentabili” il candidato del centrodestra aveva tirato a Giancarlo Cancelleri una stoccata sul doppiopesismo tra gli indagati dentro e fuori dal Movimento Cinque Stelle. La polemica, però, era