Lavoravano in “nero” per un euro l’ora: arrestati i titolari di un’azienda zootecnica del Calatino

In manette due fratelli. Denunciato il padre 81enne. I lavoratori, tutti romeni, erano inoltre costretti a vivere in condizioni disumane, ospitati in un tugurio attiguo a una stalla

CATANIA – Sfruttandone lo stato di estremo bisogno impiegavano cinque lavoratori romeni in nero per oltre 15 ore al giorno, dalle 4 del mattino e 7 giorni su 7, pagandoli circa un euro l’ora. È quanto scoperto dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Catania e della Compagnia di Caltagirone, che hanno arrestato in flagranza due

Ribera, blitz contro il caporalato: un operaio forestale finisce ai domiciliari

I carabinieri hanno scoperto 10 lavoratori stranieri irregolari impiegati nella raccolta delle arance. Sei persone denunciate. Elevate sanzioni per 40 mila euro

AGRIGENTO – Vasta operazione anti-caporalato nell’agrigentino. Alle prime luci dell’alba i Carabinieri del Comando Provinciale, con la collaborazione dei militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno condotto un blitz nelle campagne di Ribera, in questo particolare periodo dell’anno caratterizzato dalla intensa raccolta delle arance. Dopo una preliminare attività informativa svolta da militari dell’Arma in borghese,

Caporalato, blitz nelle campagne agrigentine: due ‘intermediari’ in manette

Serie di controlli dei Carabinieri in diverse aziende agricole di Ribera. Denunciati 5 lavoratori in nero privi del permesso di soggiorno

RIBERA (AGRIGENTO) – E’ di due arresti il bilancio del blitz anti-caporalato dei carabinieri nelle campagne di Ribera, nell’Agrigentino. I controlli del militari del Comando provinciale di Agrigento hanno riguardato soprattutto aziende agricole impegnate in questa stagione soprattutto nella raccolta delle olive e delle arance. In un fondo coltivato ad ulivi sono stati trovati 5 giovani

Caporalato e lavoro nero: manodopera rumena pagata 2 euro l’ora

Attività sospese, raffica di denunce e ammende da parte dei Carabinieri dei Nuclei Ispettorato del lavoro durante una serie di accessi in aziende agricole del palermitano, agrigentino e trapanese

Caporalato

PALERMO – Attività sospese e raffiche di denunce, ammende e sanzioni amministrative per caporalato e lavoro nero. E’ il bilancio dei controlli effettuati dai Carabinieri del Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Palermo, per verificare il rispetto delle norme a tutela del lavoro nel settore delle coltivazioni agricole e, in particolare, nelle aziende vitivinicole.

Caporalato nel ragusano: braccianti sfruttati per 3 euro l’ora

Blitz della polizia in diverse aziende agricole: tre imprenditori arrestati e nove denunciati

RAGUSA – La Squadra Mobile di Ragusa, con l’ausilio della polizia stradale e dei commissariati di Modica e Vittoria, ha arrestato tre imprenditori e ne ha denunciato altri nove per sfruttamento di braccianti agricoli. E’ il bilancio di un’operazione di controllo in 12 aziende a Ragusa, Ispica, Vittoria, Acate e Santa Croce Camerina. Complessivamente sono

Caporalato nel siracusano, commissariata azienda che sfruttava immigrati

Operazione della Guardia di Finanza: denunciati i due titolari

CASSIBILE (SIRACUSA) – Sfruttava il lavoro degli immigrati, quasi tutti clandestini, e per questo un’azienda di Cassibile, nel siracusano, è stata commissariata dalla Guardia di Finanza di Siracusa che ha denunciato i due titolari. Il gip del Tribunale di Siracusa, Andrea Migneco, ha nominato un amministratore giudiziario. I titolari dell’azienda, Sebastiano e Giuseppe Andolina, ed il

Paternò, sigilli al tesoro di Rosario Di Perna: accusa di caporalato

L'operazione della Direzione investigativa antimafia di Catania: sequestrati società, immobili e automezzi

  CATANIA – Un sequestro di beni da circa 10 milioni di euro a carico dell’imprenditore agricolo paternese Rosario Di Perna. E’ il risultato dell’operazione messa a segno stamattina dalla Direzione investigativa antimafia di Catania diretta da Roberto Panvino, su proposta del direttore della DIA Nunzio Antonio Ferla. Il provvedimento è uno dei primi del genere eseguiti in Italia. Di

Caporalato, blitz nelle campagne ragusane: 3 arresti e 11 indagati

Operazione della Polizia. Nigeriani e romeni lavoravano nelle serre fino a 13 ore al giorno per soli 25 euro 

RAGUSA – Le braccia di immigrati clandestini ed extracomunitari continuano a ingrassare la piaga del caporalato in Sicilia, la regione d’Italia dove è maggiore lo sfruttamento dei lavoratori, specie nei settori dell’edilizia e dell’agricoltura. L’ennesima conferma arriva dall’operazione “Freedom” che ha visto impegnate le Squadre Mobili di Caserta, Foggia, Latina, Potenza, Reggio Calabria e appunto Ragusa,