Siracusa, beni per 2,8 milioni di euro confiscati a una coppia di nomadi “caminanti”

Secondo la Guardia di Finanza il patrimonio è provento di attività illecite. I due risultavano proprietari di disponibilità finanziarie, beni immobili e automezzi per un valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati

SIRACUSA – Beni per 2,8 milioni di euro sono stati confiscati dalla Guardia di Finanza di Siracusa a una coppia di nomadi “caminanti”, Corrado Giuseppe Fiaschè, di 50 anni, e Concetta Rasizzi, di 48. I due coniugi, residenti a Melilli, erano stati al centro di accertamenti patrimoniali in quanto, pur non avendo mai svolto attività lavorative, risultavano proprietari

Randazzo, confiscati beni per 700 mila euro a boss della famiglia mafiosa “Ragaglia”

Il provvedimento eseguito dalla Dia colpisce il patrimonio di Francesco Rosta, 74 anni, ritenuto elemento di vertice del clan collegato ai Laudani 

CATANIA – Personale della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta da Renato Panvino, sta eseguendo il decreto di confisca beni emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione – nei confronti di Francesco Rosta, di 74 anni, ritenuto elemento di vertice del clan “Ragaglia” egemone nel comune di Randazzo (Ct) e collegata alla famiglia

“E’ un esattore del pizzo”: confisca da 1 milione di euro a un imprenditore di Carini

Il provvedimento colpisce il patrimonio di Giacomo Lo Duca, 64 anni, arrestato nel 2011 nell’operazione Codice Rosso con l’accusa di aver intrattenuto rapporti con esponenti della famiglia mafiosa dei Passalacqua

CARINI (PALERMO) – Beni  per oltre un milione di euro sono stati confiscati dal centro operativo Dia di Palermo a Giacomo Lo Duca, 64 anni, imprenditore di Carini, arrestato nel 2011 nell’operazione Codice Rosso con l’accusa di aver intrattenuto rapporti con esponenti della famiglia mafiosa dei Passalacqua. I pentiti lo indicano come un esattore del

Finanziava la latitanza di Matteo Messina Denaro: confiscati i beni del boss ergastolano Nastasi

Nel 2012, insieme alla moglie, era rimasto coinvolto nell'operazione “Mandamento”. Il provvedimento del Tribunale di Trapani colpisce un  patrimonio di 4 milioni di euro

TRAPANI – Beni per circa 4 milioni di euro sono stati confiscati dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Trapani al boss ergastolano Antonino Nastasi, di 70 anni, e alla moglie Antonina Italia, di 65, coinvolti nell’indagine “Mandamento”, che nel 2012 aveva portato all’arresto degli esponenti di spicco dell’articolazione mafiosa di Castelvetrano. La

Sequestro da 3 milioni di euro a esponenti clan Rinzivillo e Madonia

Destinatari dei provvedimenti della Dia di Caltanissetta Carmelo Vella, 56enne di Gela e Nicolò Falcone, 68enne di Montedoro

Santapaola-Ercolano

CALTANISSETTA – Cinque aziende, tre immobili, 59 terreni, nonché alcune autovetture e numerosi rapporti bancari, per un valore complessivo di oltre 3 milioni e mezzo di euro, sono stati confiscati dalla Dia di Caltanissetta, che ha eseguito due decreti emessi dal locale Tribunale-Sezione misure di prevenzione. Destinatari dei provvedimenti, disposti su proposta del direttore della Dia, Carmelo

Confisca da 5 milioni al “dentista-boss” di Niscemi

Sigilli a 2 fabbricati, 15 terreni e 34 capannoni al patrimonio del medico Giuseppe Arcerito, già condannato per mafia 

Confisca da 5 milioni al “dentista-boss” di Niscemi. Sigilli a 2 fabbricati, 15 terreni e 34 capannoni al patrimonio di Giuseppe Arcerito, già condannato per mafia. LEGGI L'ARTICOLO —> goo.gl/UnnW8h Pubblicato da Tribù su Sabato 7 ottobre 2017   NISCEMI (CALTANISSETTA) – La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Caltanissetta hanno confiscato

Cassazione annulla confisca, Scuto si riprende il patrimonio

Il valore dei beni dell'ex "re dei supermercati in Sicilia" ammonterebbe a centinaia di milioni

CATANIA – Sebastiano Scuto, l’ex “re dei supermercati in Sicilia” rientra in possesso dei sui beni. La IV Sezione della Cassazione ha annullato senza rinvio il decreto della Corte d’appello di Catania che aveva disposto la confisca dell’intero patrimonio dell’imprenditore catanese e dei suoi familiari ed ha rigettato il ricorso riguardante la misura dell’obbligo di soggiorno

Mafia, confiscati beni per 300 milioni agli eredi dell’ex “Re delle cave”

Il provvedimento sul "tesoro" appartenuto a Salvatore Buttitta, ritenuto legato a Bernardo Provenzano

MONREALE (PALERMO) – I Carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato confiscato beni per un valore stimato in 300 milioni di euro riconducibili agli eredi di Salvatore Buttitta, l’ex “re delle cave” di Bagheria, morto il 12 agosto del 2008, all’età di 82 anni. La misura di prevenzione fa seguito alle indagini dei militari dell’Arma che

Confiscata impresa di costruzioni al ‘postino’ del clan mafioso di Altofonte

La società ha un valore di 4,5 milioni di euro

La società è riconducibile ad Andrea di Matteo, arrestato nel 2010. Assolto dall’accusa di associazione mafiosa. Ma avrebbe svolto il ruolo di tramite con il capomafia Domenico Raccuglia e di “collettore” delle estorsioni

Usura e ricettazione, sequestrati beni per 4,5 milioni a gioiellieri trapanesi

Provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani

I finanzieri stanno eseguendo un provvedimento di “sequestro anticipato ai fini della confisca” nei confronti dei fratelli Francesco e Vito Alberti e del figlio di quest’ultimo Michele, già arrestati nel 2010