Dell’Utri, la provocazione di Sansonetti: “Perché non lo fuciliamo?”

Sulla vicenda dell'ex senatore, che sconta una condanna per mafia cui ieri il Tribunale ha negato la sospensione della pena per motivi di salute, è intervenuto anche il direttore de "Il Dubbio" 

Sansonetti

ROMA – Sulla vicenda di Marcello Dell’Utri, ex senatore di Forza Italia che sconta una condanna per mafia cui ieri il Tribunale di Sorveglianza ha negato la sospensione della pena per motivi di salute, è intervenuto anche il direttore de “Il Dubbio” Pietro Sansonetti. Che in un’editoriale pubblicato ieri ha lanciato una provocazione: “Ma allora

Riina, l’imprenditrice antipizzo Grasso: “Mafia non fa sconti di pena”

La testimone di giustizia interviene sul futuro del boss

Grasso

PALERMO – “Nessuna pietà, deve scontare sino all’ultimo giorno di pena in carcere. Un essere che non ha mai fatto sconti a nessuno e ha rubato il diritto alla vita a vittime innocenti, morte solo per aver fatto il proprio dovere”. Nel dibattito sulla possibilità di differire la pena a carico del boss Totò Riina – innescato ieri da una pronuncia della

Disabili, la denuncia di Tania: “Paga tagliata per curare mio figlio”

Conversazione con Tania Baglio, mamma di Matteo e attivista per i diritti H: "Dev'essere garantito il diritto alla vita"

“Penso che non si dovrebbe mai arrivare a questo punto. Le proteste sono una reazione estrema ad una condizione giornaliera”. Inizia così la nostra conversazione con la dottoressa Tania Baglio, mamma di Matteo nonché attivista impegnata da anni nella difesa dei diritti dei disabili

Dramma lavoro, ecco come (non) funziona il Jobs Act

Cosa cambia con la nuova legge sul lavoro e quali sono i suoi effetti su chi il proprio impiego lo ha perso (o deve ancora trovarlo)?

In questo tratto di via Giannotta c’è nebbia. Fumo, anzi, fumo di sigaretta e di sigaro, di cervelli che stanno fondendo a furia di inventarsi le giornate. Il disoccupato dapprima è creativo nel reinventarsi tra mille lavoretti, poi è annoiato nel sognare un lavoro stabile, infine è depresso quando si rende conto che questo lavoro non c’è

“I nostri figli non sono di serie B”: l’Anfass a Palermo chiede giustizia per i disabili

La protesta dell'associazione per l'assistenza dei disabili

Anfass

Difendere il diritto di chi non ha diritti. Potrebbe riassumerei così la manifestazione svolta questa mattina dall’Anfass (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) davanti la scuola “E. Majorana” di Palermo, dove alcuni soci si sono incatenati per contestare la mancata erogazione dei contributi – previsti dalla legge – per l’assistenza scolastica ai ragazzi disabili