Città Metropolitane, il TAR sospende la decadenza di Bianco e Orlando

La querelle giuridica è nata dopo il ripristino delle ex Province votato dall'ARS uscente, che aveva portato alla sospensione dei sindaci metropolitani e alla nomina di Commissari

CITTà METROPOLITANE

PALERMO – Enzo Bianco e Leoluca Orlando continueranno a svolgere le funzioni di sindaco delle Città Metropolitane di Catania e Palermo. Lo ha stabilito il Tribunale Amministrativo Regionale, sospendendo i decreti che avevano portato alla decadenza dei primi cittadini dalla guida delle rispettive ex Province. “I sindaci delle città metropolitane della Sicilia si sono insediati pleno iure già per effetto della L.R.

Città metropolitane, ecco i commissari di Crocetta

Come annunciato nei giorni scorsi il governatore uscente Crocetta ha nominato Girolamo Di Fazio (a Palermo), Salvatore Cocina (Catania) e Francesco Calanna (Messina)

PALERMO – Sindaci metropolitani: fine corsa. Così come preannunciato nei giorni scorsi, il presidente della Regione Rosario Crocetta ha nominato i commissari delle ex Province. Deposti, dunque, dalla carica  Leoluca Orlando (Palermo), Enzo Bianco (Catania) e Renato Accorinti (Messina). Al loro posto arrivano tre uomini vicini al governatore: Girolamo Di Fazio, Francesco Calanna e Salvatore Cocina.

Immobilismo ex Province, sale il fronte per il ritorno al voto diretto

Catania è il simbolo di un caos stagnante. In materia di trasporti, rifiuti e di piano regolatore, nulla sembra essere cambiato

province sicilia

Quattro anni di immobilismo e il rischio che tutto torni come prima. Il tema è il sempre verde “caos province”. A che punto siamo? L’hanno chiamata “Città metropolitana” ma praticamente non è cambiato nulla

Ex Province, il voto rinviato al 30 luglio

La decisione della commissione Affari costituzionali dell'Ars

Si cambia ancora. Il 26 febbraio non si voterà per eleggere i presidenti dei Liberi consorzi e per i consigli delle tre Città metropolitane. Ma l’obiettivo del fronte trasversale composto da ampi settori di maggioranza e opposizione, ad eccezione del M5s, è quello di tornare al voto diretto

Ex Province, all’Ars cresce la voglia di voto diretto

Si allarga il fronte trasversale che punta alla modifica della legge

Il vice capogruppo di Forza Italia all’Ars, Vincenzo Figuccia, ha depositato oggi negli uffici di Palazzo dei Normanni un disegno di legge che modifica la riforma e prevede l’apertura delle urne sia per l’elezione dei consiglieri sia per quelle dei presidente dei Liberi consorzi e dei sindaci delle tre aree metropolitane