Rifiuti, Musumeci chiede aiuto a Gentiloni e pensa a un bando per trasportali all’estero

Il governatore in conferenza stampa svela il piano d'azione della Regione: "Tutte le discariche sono vicine al collasso. Senza una svolta a settembre non sapremo dove metterli. Servono poteri speciali"

PALERMO – E’ al momento la madre di tutte le emergenze siciliane. Una patata bollente che Nello Musumeci si è ritrovato tra le mani dopo le dimissioni dell’assessore designato Vincenzo Figuccia. “Dopo trenta giorni di attività del governo credo di poter dire che la situazione della gestione dei rifiuti in Sicilia è assai grave”, dice il governatore

Bianco ufficializza la ricandidatura. E molla Renzi

Il primo cittadino conferma di voler correre alle Amministrative del prossimo giugno. E non risparmia critiche all'area renziana del Pd ai piedi dell'Etna

BIANCO

CATANIA – Arriva l’annuncio ufficiale sulla ricandidatura del sindaco Enzo Bianco. Il primo cittadino di Catania correrà per un quinto mandato alle Amministrative del prossimo giugno, a trent’anni di distanza dalla prima esperienza a Palazzo degli Elefanti nel 1988. “Mi sono imposto una pausa di riflessione in questi giorni di feste – ha detto Bianco

Accoglienza migranti, Bianco: “Lasciati soli, siamo allo stremo”

Il sindaco Catania si allinea alla presa di posizione del premier Gentiloni

migranti

CATANIA – “Siamo arrivati allo stremo delle nostre possibilità e non possiamo più accettare di essere lasciati soli”. Si chiude così una lunga nota del sindaco di Catania Enzo Bianco sul sistema di accoglienza dei migranti nel capoluogo etneo. Insomma, il primo cittadino, che a più riprese sia nei salotti televisivi che nelle sedi istituzionali

Trapani, Gip revoca domiciliari a Fazio. Divieto di dimora a Palermo per lui

L'ex deputato regionale, accusato di corruzione, conferma la corsa a primo cittadino. In campo anche il senatore Antonio D'Alì

Savona

L’ultimo messaggio sulla pagina Facebook è dell’altro ieri: “Fazio continua. Saranno i trapanesi a scegliere il loro sindaco l’11 giugno”. La campagna elettorale dell’ex primo cittadino – arrestato qualche settimana fa insieme all’armatore Morace e al funzionario Montalto con l’accusa di aver messo in piedi un sistema corruttivo – prosegue come se nulla fosse

“Merita il potere solo chi ogni giorno lo rende giusto”

Fatti, speranze e preoccupazioni per l'incontro dei grandi della terra in corso oggi e domani a Taormina. E un augurio per i sette leader

potere

Scriveva il diplomatico svedese Dag Hammarskjöld, presidente delle Nazioni Unite dal 1953 fino alla morte, avvenuta in circostanze misteriose nel 1961: “Merita il potere solo chi ogni giorno lo rende giusto”. Vorremmo partire da qui, dal concetto di potere come responsabilità verso il bene e la giustizia, per alcune considerazioni sul G7 che oggi e domani vedrà impegnati a Taormina i sette Capi di Stato più importanti – più potenti, appunto – del pianeta.

G7, Bianco accoglie i consorti ma Catania non è più “first lady”

Come per ogni visita importante degli ultimi anni, la città imbellettata che domani saluterà mogli e mariti dei Capi di Stato non sarà la vera Catania

BIANCO

A meno di ventiquattrore dall’inizio del G7 gli occhi del mondo sono già puntati su Taormina per provare a divinare l’esito del summit dei grandi della terra. Profili di interesse l’incontro ne avrà. Il Gruppo dei Sette si presenta in forma inedita, con quattro importanti “new entry” rispetto all’anno scorso (Trump, Macron, May e il padrone di casa Gentiloni) e tre “seniores” (Merkel, Trudeau e Abe) non meno rilevanti sullo scacchiere internazionale. Ognuno dei leader porterà al tavolo i propri dossier, e saranno prese decisioni di rilievo mondiale

G7, Catania ospita consorti dei leader. Ma il Bellini perde il concerto

A suonare per Gentiloni, Trump, Abe, Macron, Merkel, Trudeau e May saranno i maestri della Scala di Milano. Il commento di Erika Marco

Bellini

CATANIA – Sarà lui ad accogliere le first lady e i first husband mentre i Sette Grandi del mondo saranno impegnati a Taormina a discutere il futuro dell’umanità. Enzo Bianco ospiterà mogli e mariti dei leader del G7 il prossimo 26 maggio a Palazzo degli Elefanti. Cinque donne e due uomini: da una parte Melania Trump,

Ong, Salvini: “Ci aspettiamo i primi arresti, ma al Governo gente poco seria”

Dopo aver pernottato al Cara di Mineo, il leader della Lega attacca Gentiloni: "Tace e per me è complice". Pieno sostegno a Zuccaro: "Chi  tocca il procuratore di Catania tocca noi"

ong

CATANIA – Il ferro va battuto finché è caldo. Lo sa bene Matteo Salvini che a distanza di pochi giorni dalla sua ultima visita torna ai piedi dell’Etna per “stare sul pezzo”. Il caso Ong sollevato dalla denuncia del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro è troppo ghiotto per mollare la presa. E così il leader

Caso Ong, Alfano sostiene Zuccaro: “Ha posto questione vera”

L'intervento del Ministro degli Esteri a supporto del Procuratore di Catania

Caso Ong

 TAORMINA – Pieno sostegno al lavoro dei magistrati e stop alle ipocrisie della politica. E’ la sintesi dell’intervento del Ministro degli Esteri Angelino Alfano sul caso Ong, sollevato nei giorni scorsi dal Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro. “Io do il cento per cento di ragione al Procuratore, perché ha posto una questione vera – ha detto

Bianco saluta Gentiloni: “Ti porto l’orgoglio di Catania”

Il sindaco saluta il premier come un vecchio amico. Politicamente il veterano è lui

Enzo Bianco prende la parola con la sicurezza del padrone di casa, di colui che sa bene cosa dire. La fascia tricolore lo trincera nella sua dignità di sindaco, il discorso che tiene in mano impedirà eventuali intoppi nel corso dell’orazione. Il premier, seduto alla sua destra, lo ascolta con attenzione, il discorso può cominciare