Ballottaggi, sei sindaci per sette città. Trapani sceglie il commissario

I risultati del secondo turno delle Comunali: niente quorum nell'unico capoluogo, M5S battuto a Scordia

città

Sette città al voto ma soltanto sei sindaci eletti. E’ la sintesi dei ballottaggi siciliani celebrati ieri, insieme ad un centinaio di città italiane. Un voto complessivamente favorevole al centrodestra, quello di eri, se considerato a livello nazionale. In Sicilia la situazione è puntiforme, e l’esito non sembra designare un vincitore unico. Abbondano liste e candidati civici, piuttosto, e si segnalano alcuni casi politicamente clamorosi. Come quello di Trapani, dove si realizza la facile profezia della vigilia sul quorum

Regione, deputati M5S chiedono a Grillo passo indietro di Cancelleri

A mettere nero su bianco la richiesta alcuni onorevoli regionali e nazionali del Movimento. La replica: "Bufala, noi in fraterna comunione"

deputati

Una lettera per chiedere a Beppe Grillo di intervenire sulle candidature per le Regionali di novembre. Per scongiurare la possibilità che a correre per i Cinque Stelle sia Giancarlo Cancelleri, le cui quotazioni presso parte dei dirigenti del Movimento sarebbero drasticamente in calo. A mettere nero su bianco la richiesta per il garante del M5S alcuni deputati regionali e nazionali del Movimento, preoccupati dalla possibilità che il candidato sia nuovamente il portavoce all’ARS

Camilleri stronca Renzi e il M5s: “Non li credete, sono già cadaveri”

Così lo scrittore siciliano intervistato da un gruppo di studenti 

camilleri

PORTO EMPEDOCLE (AGRIGENTO) – Dichiarazioni forti, condite con vere e proprie stroncature di Matteo Renzi e il M5s, destinate a suscitare polemiche nel mondo politico. Le ha pronunciate Andrea Camilleri rivolgendosi a un gruppo di studenti del Liceo classico Empedocle di Agrigento, lo stesso frequentato da ragazzo dallo scrittore, durante un’intervista realizzata nella sua casa

Regionali. Grasso scende in campo, in bilico Cancelleri

La decisione del Presidente del Senato fa sognare dem e alleati. Dubbi sulla candidatura di Cancelleri in attesa delle Regionarie

grasso

Una candidatura di alto profilo ed estranea alle logiche di palazzo, tale da rimettere in gioco il Partito Democratico per le Regionali di novembre e preoccupare seriamente gli avversari. La discesa in campo del Presidente del Senato Pietro Grasso – anticipata nella serata di ieri da Tribù – riapre i giochi per la corsa a Palazzo d’Orleans e fa sognare ai dem e ai loro alleati un futuro diverso da quello descritto nei sondaggi circolati negli ultimi mesi

I fan di Musumeci scrivono al Cav: “Non lasci la Sicilia ai grillini”

L'appello dei sostenitori del leader di Diventerà Bellissima

Cav

ROMA – “Egregio Presidente Berlusconi, ci rivolgiamo a Lei convinti che sia l’unico che abbia possibilità e capacità di evitare che in Sicilia si tornino a ripetere gli errori che hanno determinato la dannosa elezione del Presidente Crocetta”. I “musumeciani” prendono carta e penna e si rivolgono direttamente al Cavaliere, per chiedergli di sciogliere ogni

Piste ciclabili in Sicilia, M5s: “A rischio 600 mila euro di finanziamento”

La denuncia della deputata Palmeri: "Domanda entro l'1 luglio, ma dalla Regione ancora nessun progetto”

PALERMO – “Dalla Sicilia ancora nessun progetto pare sia stato presentato per la realizzazione o l’ammodernamento di piste ciclabili e pedonali, la nostra Regione rischia così di perdere co-finanziamenti al 50% che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti concede alle Regioni e alle Province autonome. Secondo la ripartizione, alla Sicilia sarebbero destinati oltre 570 mila

Cara di Mineo, commissione d’inchiesta: “Deve chiudere”

Approvata all'unanimità la relazione dell'organismo parlamentare. Corrao (M5s): "Castiglione si dimetta"

cara di mineo

ROMA – “Il Cara di Mineo deve chiudere. Questa è la definitiva conclusione a cui è giunta, dopo un lungo e complesso lavoro, la relazione votata stamattina in commissione d’inchiesta sui Cie-Cara”.  Lo affermano i deputati del MoVimento 5 Stelle Giuseppe Brescia, Vega Colonnese e Marialucia Lorefice della commissione Cie-Cara che in una nota esprimono

Attaguile: “Centristi e Ap pronti a vendersi al prossimo governatore di turno”

Il leader di Noi con Salvini sulle dichiarazioni di D’Alia e Castiglione che hanno annunciato le dimissioni dei rispettivi assessori dalla giunta Crocetta

Ardizzone

PALERMO – “L’armata Brancaleone che ha sostenuto il governo Crocetta, uno dei più disastrosi della storia siciliana, e non era facile, è già pronta a vendersi al prossimo governatore di turno”. Così Angelo Attaguile, deputato della Lega e segretario nazionale di Noi con Salvini, commenta le dichiarazioni di Gianpiero D’Alia e Giuseppe Castiglione con le

Forello replica a La Stampa: “Fake news, ci temono quindi vinciamo”

Il candidato sindaco M5s a muso duro: "Ennesimo spregiudicato attacco mediatico"

PALERMO – “Fake news, ci temono, quindi vinciamo”: è il titolo di un lungo post pubblicato su Facebook da Ugo Forello in risposta all’articolo de La Stampa in cui vengono gettate ombre sul candidato a sindaco M5s di Palermo in merito alle attività imprenditoriali della sua famiglia e al rapporto di lavoro con il figlio di Silvana

Sale Bingo e il figlio del pm Saguto: nuove ombre su Forello

Nello studio del candidato sindaco M5S lavorava il figlio del pm a processo per corruzione 

forello

PALERMO – A tre giorni dal voto amministrativo di Palermo, nuove ombre si addensano su Ugo Forello: nello studio del candidato sindaco del M5s ha lavorato il figlio di Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale rinviata a giudizio per corruzione, nell’ambito della gestione dei beni confiscati. A raccontare la vicenda