Mattarella celebra Falcone: “Ma il ricordo non basta, serve lottare”

Le parole del Capo dello Stato in occasione del 25° anniversario della strage di Capaci

ricordo

  PALERMO – “Venticinque anni sono tanti. Eppure il ricordo di quei giorni lontani, così drammatici, così cupi e così segnati da tanta violenza e tanto dolore, permane pienamente vivido, in Italia e nel mondo”. Ha esordito così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo presso l’Aula Bunker del Tribunale di Palermo per la celebrazione

Trapani, 12000 contro la mafia: “Riprendiamoci questa terra” (Foto)

Migliaia di persone da tutta la Sicilia sono arrivate a Trapani per ricordare le vittime innocenti cadute per mano mafiosa

Trapani

di Vito Campo TRAPANI – Una giornata di sole e di vento ha accolto migliaia di persone provenienti da tutta la Sicilia, in occasione della XXII Giornata della Memoria e dell’Impegno organizzata da Libera, per ricordare tutte le vittime innocenti della mafie. Cittadini, giovani, insegnanti e studenti, hanno percorso in corteo le vie del Centro storico di

Corruzione e criminalità organizzata: un’analisi a partire dai modelli individuati dalla teoria del crimine

La lotta alla corruzione è imprescindibile per la tutela della legalità

Come rilevato da autorevole dottrina, una fra le voci più impegnate nel segnalare le esigenze di apertura del diritto penale[1], vengono individuati, dalla letteratura criminologica, tre modelli principali di corruzione: la corruzione amministrativa decentrata, caratterizzata da un elevato numero di tangenti di piccolo ammontare; la corruzione amministrativa accentrata, in cui viene rilevata una dazione tangentizia