Se sparare a un migrante è solo un gioco

Il fuoco incrociato di propaganda può far impazzire un adulto. Figuriamoci un preadolescente dalla mente ancora duttile

Quando iniziò la guerra in Iraq, nel 2003, avevo undici anni. Sui giornali e in televisione non si parlava d’altro. Ed io guardavo la televisione. E metabolizzavo l’urgenza del conflitto, ed essendo un bambino la trasformavo in gioco. Immaginavo nella mia mente la cartina dell’Iraq, le nostre posizioni e quelle di Saddam, scandagliavo il paese

Catania, convegno del PPE su immigrazione e demografia

Al centro dell'incontro all'hotel Excelsior i temi caldi dell'accoglienza, dell'integrazione e della cittadinanza per i migranti 

PPE

CATANIA – Si è svolto oggi pomeriggio all’hotel Excelsior di Catania, davanti a un nutrito pubblico  il convegno “Ius soli, crisi demografica e immigrazione: le nuove sfide dell’Italia e dell’Europa” organizzato dal Ppe e da Forza Italia. Temi di stretta attualità, quelli affrontati nel corso dell’incontro alla presenza di esponenti regionali e nazionali di FI. Tra

Mafia e terrorismo, incontro alla Link University

Primo appuntamento dei seminari dell'Ateneo catanese con il procuratore generale di Roma, Giovanni Salvi, e il direttore del Dipartimento di Scienze Politiche dell'Unict Giuseppe Vecchio

CATANIA – Si apre oggi il ciclo di seminari accademici 2017-2018 organizzati dalla Link Campus University di Catania. “Metodologie di contrasto: criminalità mafiosa, terrorismo, traffico di esseri umani e di migranti”, il tema del primo incontro in programma alle 16,30 nell’aula magna dell’Ateneo (viale Kennedy, 10/b). Dopo i saluti del presidente della Link Campus, on.

Gommone di migranti affonda al largo della Libia, i superstiti: “Più di cinquanta le vittime”

I 59 sopravvissuti sono sbarcati ieri nel porto di Pozzallo dalla "Sea Sealth" con a bordo anche 5 cadaveri tra cui un bimbo di due anni e mezzo annegato davanti agli occhi della madre 

  POZZALLO (RAGUSA) – Potrebbero essere oltre cinquanta i migranti morti del naufragio di un gommone avvenuto lunedì scorso a circa trenta miglia dalle coste della Libia. I 59 superstiti, originari del centro Africa, sono sbarcati ieri nel porto di Pozzallo, nel ragusano, a bordo della nave “Sea Sealth” sulla quale viaggiavano anche cinque cadaveri,

Violenze e stupri ai migranti in partenza dalla Libia: 4 trafficanti fermati a Catania

Le indagini di Gdf e Polizia sullo sbarco di 768 migranti giunti il 28 settembre al porto di Catania. In carcere due libici e due marocchini

CATANIA – Le connection house in Libia come un girone infernale. I migranti reclusi, prima di imbarcarsi sui gommoni, minacciati e picchiati dai trafficanti che non esitano addirittura a sparare e a stuprare. E’ quanto emerge dalle drammatiche testimonianze sulla violenza e sulle condizioni disumane della detenzione in Libia raccolte da Guardia di Finanza e Polizia di

Trapani, migranti clandestini e sigarette di contrabbando dalla Tunisia: 5 arresti

L'inchiesta della Procura di Marsala e della Gdf. Due degli indagati coinvolti sono accusati anche di omicidio

TRAPANI – Cinque persone arrestate e due denunciate a piede libero. E’ il bilancio dell’operazione della Guardia di Trapani, nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Marsala, su una organizzazione criminale operante tra Mazara del Vallo e Campobello di Mazara, dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dalla Tunisia ed al contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Il traffico avveniva con

Migranti, tra polemiche e affari l’integrazione possibile

Il tema dei migranti continua a tenere banco nel dibattito pubblico italiano. E siciliano, essendo l'isola drammaticamente interessata dal fenomeno

immigrazione

Certo, il dato di luglio ha fatto registrare un’importante flessione rispetto al mese precedente, con un – 57% di sbarchi sulle coste italiane. E ad agosto si vocifera che vi siano stati giorni senza nemmeno un’avvistamento, dato curioso viste le condizioni del mare rimaste sempre più che favorevoli

Catania, bastonate e cinghiate ai migranti: fermato un nigeriano

In manette un 22enne che avrebbe collaborato con i trafficanti libici 

  CATANIA – Un nigeriano, Sami Sule, di 22 anni, è stato fermato dalla Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Catania, nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura di Catania sullo sbarco dello scorso 14 luglio, quando nel porto del capoluogo etneo sono giunti oltre 1400 migranti nel porto etneo. Il giovane è gravemente

Migranti, i sindaci dei Nebrodi: “Serve dialogo istituzionale, no alla xenofobia”

A scatenare la contestazione, pochi giorni fa, era stato l'arrivo di cinquanta profughi in un ex hotel nella cittadina di Castell'Umberto

Rifiuti

Sono giorni trafelati per il dibattito sull’immigrazione. Sarà un caso, ma lo stop alla discussione parlamentare sullo ius soli – stop momentaneo, precisa il premier Paolo Gentiloni, dovuto agli scricchiolii estivi della maggioranza, ma la legge è giusta e andrà ripresa in autunno – arriva nelle stesse ore della protesta dei sindaci dei Nebrodi contro l’arrivo

Ong, il Governo riparte da Zuccaro. A Catania indagini sui trafficanti

Mesi dopo lo scoppio del "caso Ong" le modalità di intervento delle navi private tornano al centro della scena. La strada è quella tracciata dal Procuratore etneo

Csm

CATANIA – Mesi dopo lo scoppio del “caso Ong” – e la bufera sul Procuratore Carmelo Zuccaro, “colpevole” di averlo sollevato – la questione dell’accoglienza dei migranti e le modalità di intervento di alcune navi private torna prepotentemente al centro della scena. Complice il perdurare degli sbarchi e la “stretta” tentata dal Governo italiano nei