Attaguile a Musumeci: “Parla di programmi e non di alleanze”

Il segretario di "Noi con Salvini" lancia un monito: "Se il dibattito proseguirà così, pronti a correre da soli"

attaguile

CATANIA – “Musumeci svolti col passato. Finora ho sentito parlare solo di cambi di schieramento ma di nessun programma concreto per il rilancio dell’Isola”. Angelo Attaguile, segretario nazionale di Noi con Salvini sferza il leader di #DiventeràBellissima che in una lunga intervista pubblicata oggi dal quotidiano “La Sicilia” ha rotto definitivamente gli indugi perchè “il tempo

Regionali, caos centrodestra: tanti nomi, nessun candidato

La scacchiera delle candidature ha già visto agitarsi molti nomi, da Musumeci a Lagalla, da Armao a La Via

Nelle ultime settimane i giochi per le prossime Regionali di novembre si sono fatti infuocati. Sulla graticola diversi nomi eccellenti, qualcuno auto-riproposto, qualcun altro corteggiato, ma nessuno in realtà legittimato da una coalizione che appare confusa e preoccupata. A Palermo si susseguono incontri frenetici, qualche pranzo e trattative finora irrisolte

I fan di Musumeci scrivono al Cav: “Non lasci la Sicilia ai grillini”

L'appello dei sostenitori del leader di Diventerà Bellissima

Cav

ROMA – “Egregio Presidente Berlusconi, ci rivolgiamo a Lei convinti che sia l’unico che abbia possibilità e capacità di evitare che in Sicilia si tornino a ripetere gli errori che hanno determinato la dannosa elezione del Presidente Crocetta”. I “musumeciani” prendono carta e penna e si rivolgono direttamente al Cavaliere, per chiedergli di sciogliere ogni

Attaguile: “Centristi e Ap pronti a vendersi al prossimo governatore di turno”

Il leader di Noi con Salvini sulle dichiarazioni di D’Alia e Castiglione che hanno annunciato le dimissioni dei rispettivi assessori dalla giunta Crocetta

attaguile

PALERMO – “L’armata Brancaleone che ha sostenuto il governo Crocetta, uno dei più disastrosi della storia siciliana, e non era facile, è già pronta a vendersi al prossimo governatore di turno”. Così Angelo Attaguile, deputato della Lega e segretario nazionale di Noi con Salvini, commenta le dichiarazioni di Gianpiero D’Alia e Giuseppe Castiglione con le

Regione: Crocetta perde pezzi, il centrodestra resta spaccato

Lasciano la Giunta gli assessori Centristi e di Ap. Miccichè a Musumeci: "No a ultimatum, se vuoi candidati. Io lavoro per un nome unitario"

regione

CATANIA – I Centristi per la Sicilia e Alternativa popolare escono dal governo della Regione. Miccichè risponde piccato a Musumeci. Archiviate le Amministrative dell’11 giugno, la politica siciliane torna a fibrillare: da una parte la crisi della Giunta Crocetta ; dall’altra quella della coalizione, o presunta tale, del centrodestra. Nelle prossime ore sono attese le dimissioni di Giovanni Pistorio e

Musumeci: “Senza il super candidato la mia corsa continua”

Il leader di #diventeràbellissima si rivolge a FI e Cantiere popolare: "L'attendismo è un suicidio"

musumeci

PALERMO – “Basta perdere tempo. Il nome del super candidato, se esiste, venga fatto nel giro di pochi giorni. In caso contrario, dicano apertamente quali sono i motivi che ostacolano la mia candidatura”. Nello Musumeci si rivolge così a Forza Italia e al Cantiere popolare, i due partiti che si sono messi di traverso facendo

Appalti, indagini e arresti: gli affari dei Marco prima del caso “Bellini”

La famiglia aveva ricevuto commesse anche da parte del Comune di Catania. Ieri il fermo di quattro membri per il "buco" dell'Istituto musicale

Marco

“Un cancro che minacciava di uccidere un’Istituzione molto importante per l’intera Sicilia”. Non ha usato mezzi termini il sindaco di Catania Enzo Bianco per commentare l’operazione “The Band” – messa a segno ieri dalla Guardia di Finanza su mandato della Procura della Repubblica di Catania – che ha fatto luce su un sistema di riciclaggio in seno all’Istituto musicale “Bellini”.

Erika Marco, dalla relazione Antimafia all’arresto dei parenti

Il profilo del consigliera comunale di Articolo 4. In manette per il "buco" all'Istituto Bellini madre, padre, zio e sorella 

Articolo 4

CATANIA – Il suo nome è sulla bocca di tutti per l’arresto, nell’ambito dell’operazione “The Band” – messa a segno nelle ultime ore dalla Guardia di Finanza – di ben quattro familiari: i genitori, Giuseppa Agata Carruba e Fabio Antonio Marco,  la sorella Roberta e lo zio Francesco. I quattro avrebbero “predato” – questo il verbo messo nero su

Catania, FdI raccoglie firme per Zuccaro. O per Musumeci alla Regione?

Guest star dell'evento l'ex ministro della Difesa Ignazio La Russa, che ha approfittato per ufficializzare il sostegno al leader di Diventerà Bellissima 

fai

Che le denunce del Procuratore Zuccaro sul sistema delle Ong facessero gola alla politica non era certo in dubbio. Che la strumentalizzazione toccasse certi livelli, e finanche la pura contraddizione, era meno scontato. Fino alla raccolta firme promossa questa mattina da Fratelli d’Italia a Catania, un coacervo di ossimori davvero niente male. Che arriva dopo settimane di querelle mediatica nazionale, con esponenti politici di ogni colore impegnati a farsi la guerra sballottando le serissime argomentazioni di Zuccaro di qua o di là dalla propria barricata ideologica.

Riscossione Sicilia, Fiumefreddo: “Io spiato da dipendenti infedeli”

Vittime dello spionaggio fiscale anche Rosario Crocetta, Nello Musumeci e Giovanni Ardizzone

rottamazione

Centinaia e centinaia di accessi ai loro profili fiscali per verificarne le posizioni contributive. Chi o cosa c’è dietro gli accessi ai dati? Perché decine di dipendenti di Riscossione Sicilia si sono “premurati” di verificare le posizioni da contribuenti di Fiumefreddo, Crocetta, Musumeci e Ardizzone?