Il Giudice del lavoro condanna il Comune di Catania: Molino reintegrato nel ruolo di capo ufficio stampa

Il giornalista subì un illegittimo demansionamento. Dal 15 luglio del 2013 era stato lasciato in uno stato di forzata inattività. Per il risarcimento, il Giudice rimette la causa in istruttoria

CATANIA – Il giornalista Nuccio Molino subì un illegittimo demansionamento e per questo va reintegrato nel ruolo di capo ufficio stampa del Comune di Catania. E’ quanto stabilito dalla sentenza del Giudice del Lavoro del Tribunale civile di Catania, Caterina Musumeci, che ha condannato l’amministrazione di palazzo degli Elefanti “a destinare il ricorrente all’espletamento delle

Molino-gate, indagati Bianco e 4 dirigenti comunali. La replica: “Il sindaco non ha ricevuto avvisi”

Il demansionamento e l'allontanamento del capo ufficio stampa di Palazzo degli Elefanti, Nuccio Molino, al centro di un'inchiesta della Procura per concorso in abuso d'ufficio

Molino

CATANIA – Concorso in abuso d’ufficio: questa l’ipotesi di reato contestata al sindaco di Catania Enzo Bianco e a quattro dirigenti comunali nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla Procura etnea sul demansionamento e sulla rimozione del Capo ufficio stampa di Palazzo degli Elefanti, Nuccio Molino.  Il primo cittadino – secondo quanto riporta Livesicilia.it, che cita le carte dell’indagine – sarebbe

Catania, Molino fa causa e al Comune non basta l’avvocatura

L'ex Capo dell'Ufficio Stampa chiede reintegra e risarcimento. E l'Amministrazione nomina Andronico 

Molino

Un professionista esterno affiancherà i legali dell’avvocatura comunale nel ricorso innanzi al Tribunale del Lavoro del giornalista Nuccio Molino, dipendente del Comune di Catania con il profilo professionale di redattore capo, categoria D6, che chiede la reintegra nelle funzioni di Responsabile dell’Ufficio Stampa

La comunicazione pubblica oggi: trasparenza e presenza sui social media

A Catania la presentazione del nuovo libro di Nuccio Molino

la comunicazione

CATANIA – “La comunicazione digitale riconosce il valore e le aspettative dei destinatari ed esalta l’ascolto come valore dialogante e non solo come strumento di marketing: per la comunicazione istituzionale, oggi, l’ascolto è il momento decisivo per non sfociare nella respingente idea della soffocante propaganda. Per questo non ci si può affidare al caso per

Da capo Ufficio stampa a “impiegato fantasma”: la storia di Nuccio Molino

LA VIDEONOTIZIA: secondo l'avvocato del giornalista "il sindaco Bianco è regista occulto e mandante del demansionamento"

Molino

Ieri la prima udienza davanti al Tribunale del Lavoro sul ricorso di Nuccio Molino che chiede di essere reintegrato nel suo ruolo ricoperto dal 2003 e di essere risarcimento per il danno subito dopo il suo demansionamento deciso 30 mesi dall’attuale amministrazione comunale