Naufragio dell’Epifania, sbarcati a Catania gli 86 superstiti

Sulla vicenda indaga la Squadra Mobile della Polizia di Stato di Catania, che sta raccogliendo le testimonianze dei migranti e del personale di bordo

NAUFRAGIO

CATANIA – E’ iniziato con una tragedia del mare il nuovo anno. E’ giunta questa mattina al Porto di Catania la nave “Diciotti” della Guardia Costiera italiana, con a bordo 86 superstiti di un naufragio avvenuto il giorno dell’Epifania al nord di Tripoli. Insieme ai sopravvissuti, purtroppo, la nave ha sbarcato anche i cadaveri di otto

Catania, perquisizione su nave Save the Children

Su richiesta dei Pm di Trapani, che indagano sui contatti tra Ong e scafisti libici, sono stati sequestrati documenti e computer. Indagato il capitano della nave Marco Amato LA REPLICA: "ONG AGISCE NEL RISPETTO DELLA LEGGE"

CATANIA – La nave “Vos Hestia” di Save the Children è stata perquisita questa mattina dagli uomini della Squadra Mobile di Trapani e dalla Guardia Costiera, su richiesta della Procura  di Trapani guidata da Alfredo Morvillo. All’attenzione degli inquirenti, che indagano sui presunti contatti tra Ong e i trafficanti libici, documenti, computer e supporti informatici che attesterebbero il coinvolgimento dell’equipaggio

Migranti, Ong, incendi: la relazione ‘siciliana’ di Minniti

Tra i punti della Relazione del Ministro dell'Interno alcune delle emergenze che hanno caratterizzato la cronaca siciliana degli ultimi mesi 

Minniti

Emergenza immigrazione, terrorismo, incendi. Sono solo alcuni dei temi affrontati dal Ministro dell’Interno Ettore Minniti nel corso del Comitato nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica di Ferragosto, alla presenza dei vertici delle Forze dell’ordine, dei servizi di Intelligence, del vice ministro Filippo Bubbico e del capo di Gabinetto Mario Morcone

Trapani, sequestrata la nave di un’Ong tedesca

La "Iuventa" dell’organizzazione "Jugend Rettet" sarebbe stata utilizzata per favorire l'immigrazione clandestina

ong

TRAPANI – Insieme a “Medici senza frontiere” non aveva voluto firmare il “codice delle Ong” stilato dal Viminale. A distanza di due giorni dal clamoroso rifiuto, l’organizzazione non governativa tedesca “Jugend rette” torna al centro delle cronache. Investigatori del Servizio Centrale Operativo, della squadra mobile di Trapani e del Nucleo Speciale d’Intervento della guardia costiera

Ong, il Governo riparte da Zuccaro. A Catania indagini sui trafficanti

Mesi dopo lo scoppio del "caso Ong" le modalità di intervento delle navi private tornano al centro della scena. La strada è quella tracciata dal Procuratore etneo

Csm

CATANIA – Mesi dopo lo scoppio del “caso Ong” – e la bufera sul Procuratore Carmelo Zuccaro, “colpevole” di averlo sollevato – la questione dell’accoglienza dei migranti e le modalità di intervento di alcune navi private torna prepotentemente al centro della scena. Complice il perdurare degli sbarchi e la “stretta” tentata dal Governo italiano nei

Migranti, Commissione Difesa rilancia l’agenda Zuccaro sulle Ong

I senatori chiudono il fascicolo condividendo le proposte lanciate dal Procuratore di Catania per far chiarezza sulle organizzazioni

Oltre un mese di lavori, venti ore di audizione, decine di rappresentanti delle Ong di mezza Europa auditi insieme ad autorità militari e giudiziarie italiane. Dopo le polemiche delle settimane scorse – sollevate da alcune dichiarazioni del Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, che aveva denunciato alcune zone d’ombra nel lavoro di alcune organizzazioni – la Commissione chiude il proprio fascicolo aprendo di fatto la discussione istituzionale sulle Ong

Migranti, Procuratore di Trapani: “Indaghiamo su membri delle Ong”

La conferma dell'esistenza dell'indagine. Zuccaro: "Mafia interessata all'accoglienza"

Trapani

Era l’audizione più attesa degli ultimi giorni, dopo le anticipazioni di stampa secondo cui una Ong sarebbe indagata a Trapani con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione. Il fascicolo sarebbe sul tavolo del dottor Ambrogio Cartosio, Procuratore di Trapani, la cui audizione di fronte alla Commissione Difesa si è svolta stamattina.

Migranti, Attaguile: “Bengodi per mafia, dare risorse a Zuccaro”

Le parole del Segretario nazionale di Noi Con Salvini

bengodi

ROMA – “Dove ci sono soldi c’è mafia, per questo il traffico di immigrati è per le organizzazioni criminali siciliane un vero e proprio bengodi”. Sono le parole del Segretario nazionale di Noi Con Salvini Angelo Attaguile, intervenuto sulla questione degli interessi della mafia nel sistema di accoglienza dei migranti denunciato oggi dal Procuratore di

Migranti, allarme di Zuccaro: “Interesse della mafia nell’accoglienza”

Le parole del Procuratore in Commissione Migranti alla Camera. Attaguile (NcS): "Accoglienza è bengodi per mafia"

accoglienza

ROMA – “Esiste un interesse concreto della mafia nella gestione del denaro destinato all’accoglienza dei migranti“. Lo ha detto il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro nel corso dell’audizione di oggi alla Commissione Migranti della Camera dei Deputati. Il magistrato etneo torna sulla questione delle Ong sollevata nelle scorse settimane attenzionando un aspetto già emerso nel corso

Migranti, le polemiche non fermano il dramma. Oggi 3000 sbarchi

In arrivo in queste ore ad Augusta mille persone, altre centinaia a Pozzallo e Messina. Attesi uomini anche nei porti di Reggio Calabria e Vibo Valentia

immigrazione

Soltanto oggi arriveranno in 3000, con cinque sbarchi distribuiti tra Sicilia e Calabria a seconda della nave che li trasporterà. Il dramma dei migranti – tornato al centro del dibattito con la denuncia del Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro sulla gestione del fenomeno e sul ruolo delle Ong – non aspetta le polemiche e continua a riversare dolore sulle nostre coste.