Mafia, quanto è pericoloso scrivere: “Non siamo tutti sbirri”

Le sassaiole non hanno mai fermato i manganelli e l'antimafia non si fa contro gli "sbirri"

Quando “sbirritudine” viene usato come un’etichetta infamante, allora è un dovere civile e morale schierarsi accanto agli “sbirri”

Aeroporto bloccato causa nebbia: voli dirottati a Palermo e Comiso

La Sac ha stabilito di chiudere temporaneamente lo scalo a causa del fenomeno atmosferico che nel pomeriggio ha interessato la città

aeroporto

CATANIA – “Sac informa che l’Aeroporto di Catania è attualmente chiuso per la presenza di un fitto banco di nebbia“. Lo scrive in un comunicato stampa la società che gestisce lo scalo aeroportuale catanese, in riferimento al fenomeno atmosferico che nel tardo pomeriggio di oggi ha interessato il capoluogo etneo. Un evento improvviso e visibile a molti

Regionali, Lagalla vara IdeaSicilia: “Io candidato? Lo diranno i siciliani”

Il progetto è stato tenuto a battesimo qualche ora fa dall'ex rettore dell'Università di Palermo

Un nome in campo per le prossime Regionali, tra molti ancora in forse in questa delicata fase politica, potrebbe esserci già. Manca ancora l’ufficialità, ma il progetto ha tutta l’aria di voler competere sul terreno elettorale. Si chiama “IdeaSicilia” ed è il movimento tenuto a battesimo qualche ora fa dall’ex rettore dell’Università degli Studi di Palermo Roberto Lagalla.

Omicidio avvocato Fragalà: fu ucciso dalla mafia perché “era curnutu e sbirru”

Arrestate sei persone a Palermo

fragalà

Svolta nelle indagini a sette anni da omicidio penalista. Secondo la Procura a ordinare l’omicidio fu il boss del “mandamento” di Porta Nuova Francesco Arcuri. Gli esecutori materiali furono Paolo Cocco e Francesco Castronovo. Tutti e tre erano liberi al momento dell’arresto

Clochard bruciato, l’assassino ha confessato

E' un benzinaio che avebbe agito per motivi passionali

PALERMO – Ha confessato l’assassino di Marcello Cimino, il clochard bruciato vivo la notte scorsa a Palermo. L’autore dell’efferato omicidio è Giuseppe Pecoraro, un benzinaio di 45 anni. Secondo indiscrezioni l’uomo, fermato dalla polizia dopo un interrogatorio con l’accusa di omicidio volontario, avrebbe agito per motivi passionali. Pecoraro si era da poco separato dalla moglie e