Oda, tra vigilantes e cambio di serrature è sempre alta tensione

Continua lo scontro per la gestione della Fondazione. Un gruppo di lavoratori: "Cda legittimato a operare"

oda

CATANIA – All’Oda situazione sempre in alto mare. La matassa è sempre più ingarbugliata. Da un paio di mesi, la contrapposizione tra il commissario straordinario Adolfo Landi, nominato dalla Curia, e il Cda “azzerato” che continua a operare perchè reputa illegittimo il provvedimento dell’arcivescovo Salvatore Gristina, rende il clima in seno all’Oda sempre più incandescente. Nocciolo della questione,