Micari non convince: tutti i dubbi sul Rettore

Democratici e centristi hanno ribadito la candidatura dell'accademico. Ma dentro lo schieramento sono in tanti a reputare la scelta incomprensibile

Micari

PALERMO – Doveva essere il candidato del rilancio, il protagonista della riscossa siciliana del PD di lotta e di governo dopo i cinque anni di Rosario Crocetta. Ma su Fabrizio Micari – Rettore dell’Università di Palermo, lanciato per Palazzo d’Orleans da Leoluca Orlando con l’assenso dei dem siciliani e dello stesso Matteo Renzi – a sessanta giorni del voto i dubbi paiono tutt’altro che

Crocetta sfida il PD: “Primarie a metà settembre”

Il Presidente della Regione riunisce il Megafono per lanciare la sua candidatura e propone agli alleati una data per la scelta del candidato: "Non siamo subalterni a Roma"

TRABIA (PALERMO) – Un bilancio di cinque anni di governo della Sicilia, ma sopratutto una road map per i prossimi cinque. La cui conquista è più che mai incerta, con il Partito Democratico e il centrosinistra ancora dubbiosi su come organizzarsi per la battaglia del 5 novembre e le primarie ancora in altomare. Rosario Crocetta

Primarie PD, Caudo: “Per Emiliano a Catania risultato ottimo”

Il coordinatore provinciale della mozione Emiliano commenta l'esito del voto

caudo

CATANIA – Un vincitore, due sconfitti. Sarebbe questa la sintesi delle primarie del Partito Democratico svoltesi ieri con la vittoria dell’ex premier Matteo Renzi. Una netta affermazione nazionale, quella del Segretario, la cui lettura territoriale è tuttavia più complessa. Specialmente al Sud, specialmente a Catania, città che al referendum aveva riservato brutte sorprese a Matteo. E

Primarie, a Catania vince Renzi. Specie nei quartieri “caldi”

L'ex premier ottiene ai piedi dell'Etna il 61%. Orlando al 27%, Emiliano al 12%. Affluenza alta sopratutto nei seggi "caldi". Tutti i big nel listino collegato

vince renzi

Alla fine vince Renzi, anche nella città che appena cinque mesi fa gli aveva riservato il record nazionale di No al referendum. L’ex premier ha incassato alle primarie catanesi il 60% dei voti: un dato più basso di quello nazionale – che vede il neo-segretario trionfare con oltre il 70% – ma coerente con il risultato del voto dei circoli che aveva mostrato come in città pesasse molto la mozione Orlando

Catania alle Primarie PD: “I soddi mi l’anu a ddari iddi a mia!”

Tribù ha visitato uno dei gazebo di Catania delle Primarie del PD: ecco cosa abbiamo visto

Primarie Pd

A turbare la festa della democrazia ci prova un tizio a bordo di una moto ape. “A picuruniii!!!”, grida rivolto agli elettori in fila per votare alle primarie del Partito Democratico qui al Gazebo di Corso Indipendenza. Potrebbero essere da tutt’altra parte, ha ricordato in mattinata il segretario uscente Matteo Renzi: la domenica è bella a dir poco e domani è il primo maggio

Regionali, Musumeci si candida e (non) unisce il centrodestra

Le faide intestine dello schieramento, lancinato da personalismi e ambizioni, minacciano di nuovo i sogni dell'ex Presidente dell'Antimafia regionale

Antimafia

Che Nello Musumeci fosse candidato alle prossime Regionali non è in realtà una gran notizia. L’ex Presidente della Provincia di Catania ed ex capo dell’Antimafia siciliana – dimessosi dall’incarico appunto per correre alla conquista di Palazzo d’Orleans – coltiva la propria candidatura sin dai giorni successivi alla sconfitta del 2012, quando a superarlo nelle urne era stato Rosario Crocetta

Attaguile: “Pronto a passo indietro se centrodestra è con Musumeci”

Il Segretario di Noi con Salvini si dice disponibile a convergere sull'ex Presidente della Provincia se lo schieramento lo sostenesse

centrodestra

“Pronto a fare un passo indietro per verificare se Nello Musumeci può rappresentare la sintesi della ritrovata compattezza del centrodestra siciliano”. Lo scrive in una nota il Segretario Nazionale di “Noi con Salvini” Angelo Attaguile, intervenendo nel dibattito in corso sulle candidature del centrodestra isolano

Il dubbio amletico di Bianco: grande escluso o asso nella manica?

Il sindaco di Catania è assente dalle liste della mozione Renzi per l'Assemblea Nazionale del Partito Democratico. Esclusione o scelta ponderata?

BIANCO

CATANIA – Eppure Matteo Renzi lo aveva detto chiaro: “Abbiamo perso al Sud non per disinteresse, ma perché abbiamo avuto un approccio troppo centrato sul notabilato, anche all’interno del partito”. Così aveva commentato l’allora premier e segretario PD all’indomani della sconfitta referendaria del 4 dicembre

Matteo Renzi e il PD catanese: vittoria o sconfitta?

Il voto dei circoli del PD catanese consegna un quadro politico ambivalente: l'ex premier può ritenersi soddisfatto del 58%? Primarie Pd, Emiliano presenta la sua mozione a Catania

pd catanese

L’ex premier ottiene un 10% in meno rispetto alla media nazionale (68%) e un 14% in meno rispetto al risultato della Regione, che gli tributa il 72%. Considerando gli appoggi degli avversari e il fatto che proprio qui avesse incassato una batosta sonora al referendum non sembra gli sia andata così male

Primarie PD, Emiliano a Catania nella “roccaforte renziana”

A spaccare i dem catanesi, le correnti che fanno riferimento al guardasigilli Andrea Orlando e al governatore pugliese

Emiliano

Presenterà questa sera all’Hotel Nettuno la sua candidatura alle primarie del PD. Sul palco con lui, ci saranno il senatore Beppe Lumia, il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci e Giuseppe Caudo, fedelissimo del governatore Rosario Crocetta